Mura di Nanchino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le mura di Nanchino

Le mura di Nanchino furono costruite dall'imperatore Zhu Yuanzhang (1368–1398) dopo aver fondato la dinastia Ming (1368–1644) e stabilito a Nanchino la capitale. Per consolidarela sua sovranità e tenere fuori gli invasori, approvò i suggerimenti del consigliere Zhu Sheng di costruire più alte mura, fare scorta di cereali e di rinviare l'incoronazione. Servirono 21 anni per completare l'opera, e circa 200.000 operai spostarono 7 milioni di metri cubi di terra: sono tra le più grandi mura civiche mai costruite in Cina[1] e oggi sono in buone condizioni e ben preservate.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ansight Guides, Insight Guides: China 5/E, Apa Publications, original from Pennsylvania State University, 1997, p. 268, ISBN 0-395-66287-7.
  2. ^ Turnbull, Stephen R. and Steve Noon, Chinese Walled Cities 221 BC-AD 1644, Osprey Publishing, 2009, p. 61, ISBN 1-84603-381-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]