Mura di Capalbio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 42°27′16.6″N 11°25′06.7″E / 42.454611°N 11.418528°E42.454611; 11.418528

Veduta di un tratto delle Mura di Capalbio
Particolare del camminamento di ronda

Le Mura di Capalbio costituiscono la cerchia difensiva dell'omonimo borgo.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Una prima cinta muraria, di origini medievali, fu costruita dagli Aldobrandeschi tra l'XI e XII secolo, con funzioni di difesa e avvistamento, attorno alla Rocca di Capalbio che costituiva il centro del potere feudale dell'epoca.

Nel corso del Quattrocento, mentre Capalbio era amministrato dalla Repubblica di Siena, furono effettuati lavori di riqualificazione alla primitiva cerchia.
Grazie a questi interventi, il borgo fu interamente circondato da una doppia cinta muraria, grazie alla realizzazione del secondo ordine di mura più esterno e alla costruzione della Porta Senese sul lato settentrionale attiguo alla rocca.

Da allora, le mura sono rimaste pressoché intatte fino ai giorni nostri; recenti interventi di restauro conservativo hanno riportato il monumento agli antichi splendori.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le mura di Capalbio, in pietra locale, si presentano come una caratteristica doppia cerchia, con la cinta interna, più bassa, di epoca medievale e quella esterna, più alta, del periodo rinascimentale.

Le mura sono intervallate da una serie di torrioni, la quasi totalità a base quadrata. Le cortine murarie presentano tratti di basamento a scarpa sul lato esterno e coronamenti di merlature sommitali; alcuni tratti coincidono con pareti esterne di edifici, dove vi si possono aprire porte e finestre. Molto caratteristico è il doppio camminamento di ronda, situato a livelli differenti.

Tra le due porte, spicca certamente la Porta Senese, sul lato nord, dove vi è collocata una lapide del 1418 a ricordo della ristrutturazione delle mura e uno stemma mediceo del 1601, inserito dopo l'annessione di Capalbio al Granducato di Toscana.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Mazzolai. Guida della Maremma. Percorsi tra arte e natura. Firenze, Le Lettere, 1997.
  • Giuseppe Guerrini (a cura di). Torri e Castelli della Provincia di Grosseto (Amministrazione Provincialedi Grosseto). Siena, Nuova Immagine Editrice, 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Cinte murarie della provincia di Grosseto
Porta di Ponente lato esterno Pereta (GR).jpg
Arcidosso | Batignano | Boccheggiano | Caldana | Campagnatico | Cana | Capalbio | Castel del Piano | Castiglione della Pescaia |
Civitella Marittima | Cosa | Gavorrano | Gerfalco | Giglio Castello | Giuncarico | Grosseto | Istia d'Ombrone | Magliano in Toscana |
Manciano | Massa Marittima | Montegiovi | Montelaterone | Montemassi | Montemerano | Montenero d'Orcia | Montepescali |
Monterotondo Marittimo | Montiano | Monticello Amiata | Montieri | Montorio | Montorsaio | Orbetello | Paganico | Pari | Pereta |
Pitigliano | Porrona | Porto Ercole | Roccalbegna | Roccastrada | Roccatederighi | Rocchette di Fazio | Roselle | Santa Fiora |
Saturnia | Scansano | Scarlino | Seggiano | Semproniano | Sorano | Sovana | Talamone | Tatti | Torniella | Travale | Vetulonia