Munchkin (gatto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Munchkin
Munchkin cat 2.jpg
Esemplare di munchkin; sono ben visibili le zampe corte
Nomi alternativi
Munchkin, Gatto bassotto, Sausage Cat, Gatto canguro
Informazioni generiche
Luogo origineStati Uniti Stati Uniti
Data origine1944
Naturale
Nuvola apps browser.png
 Razza naturale
RiconoscimentoGftp.svg Razza riconosciuta
DiffusioneNuvola filesystems yellow.png Razza rara
Standard
TICA[riconosciuta standard]
AltroCCCA, SSCC, LOOF
Tipo morfologico
Tagliamedio-piccola
Strutturalongilinea
Peloda corto a semilungo

Il gatto bassotto o munchkin[1] è una razza di gatto di taglia medio-piccola, caratterizzata da zampe particolarmente corte.[2]

Descrizione generale[modifica | modifica wikitesto]

Il munchkin presenta gambe estremamente corte e un torace lungo, muscoloso e ben formato. La testa è triangolare, dalla fronte piatta. Il pelo può essere lungo o corto, in entrambi i casi setoso. La coda della variante a pelo lungo è folta. Gli occhi sono a mandorla, e sia il pelo che questi ultimi possono essere di qualsiasi colore. Il munchkin è considerato un gatto dolce e socievole, curioso e giocherellone, che può imparare a eseguire comandi e a riportare oggetti.[3][4] Ama fare scorta dei suoi giochi preferiti ed è attratto dai colori sfavillanti. Mantiene la personalità da gattino quasi fino a tarda età. Va d'accordo con gli altri membri della famiglia e animali. Non è adatto alla vita all'aperto, ma può imparare a passeggiare al guinzaglio.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della Storia sono stati riportati diversi casi della mutazione che porta i munchkin ad avere le loro caratteristiche: uno dei primi è del 1944, nel Regno Unito. Simili casi sono stati successivamente riportati in Russia nel 1953, a New York nel 1964 e nel New England nel 1970. Nel 1983, un gatto dal nome di Blackberry diede alla luce una cucciolata in cui alcuni gatti presentavano la mutazione; uno di questi fu regalato a Kay La France, che diede inizio al primo allevamento di munchkin nella sua piantagione in Louisiana.[6][7]

Dal 1994, l'International Cat Association (TICA) controlla lo sviluppo della razza tramite un apposito comitato, che ha portato alla scoperta dell'ereditarietà dominante del gene del nanismo nei gatti, accomunabile alle manifestazioni nelle razze canine Corgi e Dachshund. Correntemente, la razza munchkin è ufficialmente riconosciuta solo dalla TICA e dal Southern Africa Cat Council a causa delle controversie a essa legate.[8][9][10][11]

Allevamento[modifica | modifica wikitesto]

I gatti munchkin sono incrociati in allevamento con gatti di dimensioni normali o naturalmente bassi, in quanto la trasmissione del gene del nanismo da parte di due genitori entrambi nani può rivelarsi fatale. La mutazione può presentarsi naturalmente senza intervento umano, ma l'allevamento viene in ogni caso effettuato per l'alto profitto.[12]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Le peculiarità del munchkin sono espressione di pseudoacondroplasia[13] . Ciò ha portato a un acceso dibattito sui potenziali problemi di salute della razza.[14]

Nonostante le affermazioni di diversi allevatori sul ritrovamento dei difetti genetici del munchkin in qualsiasi gatto[12], il consenso veterinario è che la razza munchkin sia più esposta a lordosi -che, se abbastanza severa, può portare alla morte del gatto nei primi tre mesi di vita- [15] e petto escavato [16], e a un rischio più alto di osteoartrite rispetto ad altre razze.[11][17][18]

Il riconoscimento del munchkin da parte della TICA ha portato alle dimissioni di uno dei suoi giudici, che ha definito la razza " un affronto a qualsiasi allevatore con un'etica".[10] Katie Lisnik, direttrice della protezione gatti per la Humane Society of The United States (HSUS), ha dichiarato in un'intervista: "allevare un animale per le sue caratteristiche fisiche esagerate, soprattutto se ne compromette la salute generale, è irresponsabile. Gli allevatori dovrebbero priorizzare la salute e il benessere dell'animale e della sua prole rispetto alle vittorie nelle mostre e al guadagno di vendita".[19]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della razza proviene dagli abitanti della città di Munchkin ne "Il Mago di Oz" di L. Frank Baum. [5]

Un tratto divertente di questo gatto è la capacità di sedere comodamente sulle zampe posteriori, usando la coda come supporto d'equilibrio, e lasciando le anteriori libere di muoversi, somigliando ad un canguro.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Munchkin: tutte le informazioni su questa razza di gatto, su Wamiz.it. URL consultato il 19 agosto 2021.
  2. ^ (EN) Munchkin or Midget Cat, su www.petmd.com. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  3. ^ (EN) Munchkin, su Purina. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  4. ^ WCF - World Cat Federation, su www.wcf-online.de. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  5. ^ a b (EN) Alexandra Powe Allred, Cats' Most Wanted: The Top 10 Book of Mysterious Mousers, Talented Tabbies, and Feline Oddities, Potomac Books, Inc., 14 maggio 2014, ISBN 978-1-61234-293-1. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  6. ^ Munchkin Cats - Origin and History, su www.catbreedsjunction.com. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  7. ^ a b (EN) DK, The Cat Encyclopedia: The Definitive Visual Guide, Dorling Kindersley Limited, 1º luglio 2014, ISBN 978-0-241-18390-8. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  8. ^ (EN) Munchkin Cat Breed Information, su Vetstreet. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  9. ^ Breed Comparisons - Munchkin | World Cat Congress, su www.worldcatcongress.org. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  10. ^ a b (EN) 7 Short Facts About Munchkin Cats, su www.mentalfloss.com, 3 giugno 2016. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  11. ^ a b (EN) Munchkin - Limb Deformity, su www.ufaw.org.uk. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  12. ^ a b Munchkin Cats: Is Breeding Deformity Animal Abuse?, su CatTime, 14 agosto 2019. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  13. ^ Achondroplasia - Cat, su vetbook.org. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  14. ^ (EN) Vets warn trend for sausage cats is cruel, su Metro, 31 gennaio 2017. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  15. ^ Munchkin Cat Health Problems, su VetInfo. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  16. ^ (EN) M. Hubler, S. Arnold e S. J. Langley-Hobbs, Feline Orthopedic Surgery and Musculoskeletal Disease, W.B. Saunders, 1º gennaio 2009, pp. 41–53, ISBN 978-0-7020-2986-8. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  17. ^ Ettinger, Stephen J. e Feldman, Edward C., Textbook of veterinary internal medicine : diseases of the dog and cat, 4th ed, W.B. Saunders, 1995, ISBN 0-7216-6795-3, OCLC 28723106. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  18. ^ (EN) Danièlle Gunn-Moore, Claire Bessant e Richard Malik, Breed-related disorders of cats, in Journal of Small Animal Practice, vol. 49, n. 4, 2008-04, pp. 167–168, DOI:10.1111/j.1748-5827.2008.00572.x. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  19. ^ Elizabeth Claire Alberts, People Are Breeding Cats To Have Too-Short Legs, su The Dodo. URL consultato il 2 gennaio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Gatti Portale Gatti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di gatti