Mr. Simpatia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mr. Simpatia
Mr. Simpatia.jpg
ArtistaFabri Fibra
Tipo albumStudio
Pubblicazione1º settembre 2004
Durata67:12
Dischi1
Tracce18
GenereHardcore hip hop
Conscious hip hop
Comedy hip hop
EtichettaVibrarecords
ProduttoreNesli, Bassi Maestro, Bosca
Registrazionemarzo 2004, Teste Mobili Studio, Senigallia (Italia)
Io non ti invidio: aprile 2004, sgabuzzino di Zeta, Verona (Italia)
FormatiCD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroItalia Italia[1]
(vendite: 25 000+)
Fabri Fibra - cronologia
Album precedente
(2002)
Album successivo
(2006)

Mr. Simpatia è il secondo album in studio del rapper italiano Fabri Fibra, pubblicato il 1º settembre 2004 dalla Vibrarecords.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Contiene 18 tracce interamente cantate da Fibra stesso ad esclusione del brano Andiamo, realizzata insieme al fratello minore Nesli e che trae spunto da Lascio stare, presente nell'album di quest'ultimo, Home. Nesli ha realizzato gran parte delle parti strumentali dell'album, fatta eccezione per Io non ti invidio, prodotta da Bassi Maestro, e Bonus Track, realizzata da Bosca.[2] Nel libro Dietrologia, Fabri Fibra scrive riferendosi al disco Mr. Simpatia:

« Voglio dirvi una cosa che penso da molto: Mr. Simpatia l'ho fatto io, l'ho scritto io, l'ho pensato io, l'ho realizzato io, l'ho portato in tour io, Mr. Simpatia sono io. Quel disco ha cambiato la storia del rap italiano, non ci sono cazzi. Quindi non andatelo a scoprire nel 2011 per poi venire nel mio Facebook domani a scrivere: torna Mr. Simpatia! È la più grossa cazzata che possiate pensare e scrivere. »

La copertina ritrae il rapper che si è sparato un colpo in testa sul computer del suo ufficio. La simpatia paventata nel titolo è un'ironia davanti alle delusioni della vita. Gli argomenti trattati sono il risentimento e l'amarezza per la scena hip hop, il disprezzo verso la società, la descrizione di alcune storie legate alle ragazze, la condizione lavorativa che porta ad eccessi.

Nel 2005 l'album è stato ripubblicato con l'aggiunta di un DVD contenente la registrazione del concerto tenuto dal rapper al FreeMusik di Brescia, con l'aiuto di DJ Rudy B. Le riprese del concerto sono state realizzate dall'etichetta The Saifam Group con distribuzione Vibrarecords. Oltre alle tracce tratte da Mr. Simpatia, vi sono due brani del gruppo Uomini di Mare, di cui Fabri Fibra ha fatto parte.

Il 19 febbraio 2018, dopo quasi 14 anni dalla sua pubblicazione, l'album è stato certificato disco d'oro dalla FIMI per le oltre 25.000 copie vendute in Italia.[3]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Fabrizio Tarducci, musiche di Francesco Tarducci, eccetto dove indicato.

  1. L'uomo nel mirino – 3:23
  2. Gonfio così – 3:46
  3. Io non ti invidio – 3:22 (musica: Davide Bassi)
  4. Venerdì 17 – 3:38
  5. Solo una botta – 3:52
  6. Momenti no – 4:24
  7. Da questo locale – 3:22
  8. Rap in vena – 3:34
  9. Niente male – 4:17
  10. Faccio sul serio – 3:03
  11. Non crollo – 3:59
  12. Non fare la puttana – 3:21
  13. Voglio farti un regalo – 4:16
  14. Palle piene – 3:31
  15. Mr. Simpatia – 4:19
  16. Andiamo (con Nesli) (Extended Version) – 5:00
  17. Tienila su – 2:21
  18. Bonus track – 3:44
DVD bonus nella Gold Edition
  1. Intro
  2. Bonus Track
  3. La mia vita
  4. L'uomo nel mirino
  5. Non crollo
  6. Io non ti invidio (musica: Davide Bassi)
  7. Venerdì diciassette
  8. Non fare la puttana
  9. Rap in vena
  10. Faccio sul serio
Traccia bonus nell'edizione rimasterizzata del 2013
  1. Faccio sul serio (Radio Version) – 2:55

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti
Produzione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  2. ^ Note di copertina di Mr. Simpatia, Fabri Fibra, Vibrarecords, CD, 1º settembre 2004.
  3. ^ Marco Mazzetti, Fabri Fibra, il suo Mr. Simpatia è disco d'oro dopo 14 anni: "Quell'album ha cambiato la storia del rap italiano, non ci sono cazzi", Il Fatto Quotidiano, 21 febbraio 2018. URL consultato il 21 febbraio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]