Mozione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In Italia, la mozione è un testo sottoposto al voto in un'assemblea elettiva (Camera, Senato, Consiglio regionale, ecc.) teso ad indirizzare la politica del Governo (o della Giunta, nel caso degli Enti locali) su un determinato argomento.

È quindi il principale strumento dell'attività di indirizzo politico degli organi rappresentativi nei confronti del potere esecutivo.

Mozione parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Nel Senato e nella Camera la mozione parlamentare è esaminata e votata con procedure simili a quelle dei progetti di legge (discussione in linea generale, esame degli emendamenti, dichiarazione di voto e votazione). Il Capo XXVI del Regolamento della Camera è intitolato "Delle mozioni e risoluzioni" e all'art. 110 prescrive che una mozione possa essere presentata da "un Presidente di Gruppo o dieci deputati [...] al fine di promuovere una deliberazione dell'Assemblea su un determinato argomento."

Mozione di sfiducia[modifica | modifica wikitesto]

Un particolare tipo di mozione è la mozione di sfiducia. Con essa le Camere possono togliere la fiducia al Governo, facendolo decadere. Secondo l'ordinamento italiano il Governo deve godere della fiducia di entrambe le Camere: pertanto nel sistema di bicameralismo perfetto vigente in Italia basta che una sola delle Camere approvi una mozione di sfiducia per determinare le dimissioni dell'Esecutivo.