Movimento pacifista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una pacifista viene arrestata durante le proteste contro la guerra in Iraq nel marzo 2003.

Il movimento pacifista è un movimento sorto negli ultimi decenni del XX secolo che ha come obiettivo contrastare il verificarsi di guerre e ridurre, per quanto possibile, la violenza tra esseri umani. Ha inoltre l'obiettivo di garantire la sicurezza sanitaria fondamentale ponendo fine alla guerra e implementando diritti umani fondamentali, compreso l'accesso universale almeno a livelli minimi di sopravvivenza di aria, acqua, cibo, assistenza medica e giustizia sociale.

È caratterizzato principalmente dalla convinzione che gli esseri umani non dovrebbero farsi guerra l'un l'altro o ingaggiare violenti conflitti etnici a causa di lingua, razza o risorse - o conflitti etnici a causa di religioni o ideologie.

Il movimento pacifista si oppone alla proliferazione di tecnologie pericolose e armi di distruzione di massa, in particolare armi biologiche e nucleari. Come molti altri movimenti analoghi che si battono a favore dei diritti civili, ha sostenuto e favorito la formazione di associazioni politiche e Partiti Verdi in molti Paesi democratici verso la fine del XX secolo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4018520-5