Movimento di resistenza nordica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nordiska motståndsrörelsen
Nordic Resistance Movement Logo.png
LeaderPär Öberg
StatoSvezia Svezia
Fondazione2015
IdeologiaNazionalsocialismo
Scandinavismo Euroscetticismo
CollocazioneEstrema destra
Seggi Riksdag
0 / 349
Seggi Europarlamento
0 / 18
Coloriverde
Sito webnordfront.se

Il movimento di resistenza nordica[1][2] (in svedese: Nordiska motståndsrörelsen, NMR; in finlandese: Pohjoismainen vastarintaliike, PVL; in danese: Den Nordiske modstandsbevægelse, NMB) è un movimento politico del nord-Europa presente in Svezia, Norvegia, Finlandia e Danimarca, nonché partito politico in Svezia.[3] L'organizzazione, di stampo neonazista,[4] è guidata da Simon Lindberg.

L'organizzazione è nota per la sua forte opposizione all'immigrazione non-bianca in Svezia.[5][6] Il ramo svedese del NMR è considerato uno dei principali attori del movimento del potere bianco in Svezia[7] e fra i più pericolosi dal punto di vista della sicurezza.[8]

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera dell'organizzazione

Verso la metà degli anni novanta, alcuni ex-membri della Resistenza Ariana Bianca svedese (Vikt Ariskt Motstånd, VAM) appena usciti di prigione[8] crearono il "Movimento di resistenza svedese".[9] L'organizzazione venne fondata ufficialmente nel 1997 da alcuni membri della stessa VAM, della rivista neonazista Folktribunen e del movimento neofascista National Youth.[9]

Sezioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Movimento di resistenza svedese[modifica | modifica wikitesto]

Manifestazione del movimento di resistenza svedese

Il ramo svedese dell'organizzazione, fondato da Klas Lund (condannato per un tentato omicidio) e guidato da Pär Öberg, è noto come Movimento di resistenza svedese[8][10] (Svenska motståndsrörelsen, SMR). L'obiettivo del movimento è quello di stabilire un governo nazionalsocialista/nordista, tramite rivoluzione o elezioni.[11] Hanno inoltre dichiarato che la loro lotta richiederà spargimenti di sangue.[12] Nelle sue pubblicazioni, la SMR elogia Adolf Hitler[13] e fra i principali riferimenti, oltre allo stesso Hitler, figurano Corneliu Codreanu e Robert Jay Mathews.[8]

Dal 2015 il movimento svedese è presente anche nelle istituzioni, rappresentato dal partito Nordiska motståndsrörelsen (nome del movimento generale).[3]

Movimento di resistenza finlandese[modifica | modifica wikitesto]

Il ramo finlandese dell'organizzazione è noto come Movimento di resistenza finlandese (Suomen vastarintaliike). Il movimento è attivo per certo nelle città di Helsinki, Turku, Tampere, Oulu, Jyväskylä e Pori, ove sono soliti attaccare per le strade adesivi e manifesti di propaganda contenenti messaggi razzisti. In Finlandia, l'organizzazione è nota anche per numerosi episodi di violenza:

  • Nel luglio 2010 i membri del movimento attaccarono la parata del Gay Pride ad Helsinki. I passanti e i partecipanti del Gay Pride vennero assaliti con gas lacrimogeno e spray al peperoncino.[14]
  • Prima delle elezioni finlandesi del 2011 alcuni membri del movimento assalirono un funzionario del Partito di Coalizione Nazionale.[15]
  • Nel luglio 2012, un componente del movimento (già partecipante all'assalimento del 2011)[15] attaccò un evento per i diritti gay a Oulu. Una persona fu ricoverata in ospedale per i danni causati dallo spray al peperoncino.[16]
  • Nel luglio 2013 tre membri del movimento attaccarono un convegno in una biblioteca di Jyväskylä.[17] Tra le violenze vi fu l'accoltellamento di uno degli organizzatori dell'evento. Due dei tre furono arrestati.[18]
  • Nel gennaio 2014, a Vantaa, alcuni componenti assalirono un uomo che criticava i loro volantini.[19] Il 1º maggio seguente, a Pori, si scagliarono con fumogeni, sirene e megafoni contro la parata del primo maggio organizzata dall'Alleanza di Sinistra.[20] La polizia arrestò sette attivisti neonazisti.[21]
  • Nell'agosto 2015, durante una manifestazione del movimento a Jyväskylä, assalirono in gruppo tre persone. Una delle vittime era il portiere della libreria che fu luogo dell'accoltellamento del 2013. La polizia arrestò 32 persone.[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Monica Perosino, Svezia, una donna sfida il corteo di 300 neonazisti, la Stampa, 4 maggio 2016. URL consultato il 5 maggio 2016 (archiviato il 5 maggio 2016).
  2. ^ Ingrid Carlqvist, Angelita La Spada (tradotto da), Svezia: Aggressioni sessuali nelle piscine, Gatestone Institute, 11 marzo 2016. URL consultato il 5 maggio 2016.
  3. ^ a b (SV) Registrerade partibeteckningar, su val.se, Autorità elettorale svedese. URL consultato il 5 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2016).
  4. ^ (SV) Nazisters vapengömma sprängd, in Svenska Dagbladet, 11 marzo 2008. URL consultato il 30 maggio 2013.
  5. ^ (EN) Sara C Nelson, Neo-Nazis Receive Fist Of Defiance From Anti-Racism Protester Tess Asplund, The Huffington Post, 4 maggio 2016. URL consultato il 5 maggio 2016.
  6. ^ (EN) Woman confronts 200-strong neo-Nazi rally in Sweden, SBS, 5 maggio 2016. URL consultato il 5 maggio 2016.
  7. ^ (SV) Politiskt extremism - Grupper inom vit makt-miljön, Säkerhetspolisen.se (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2010).
  8. ^ a b c d Dai "democratici" ai neonazisti: le molte facce della destra svedese, la Repubblica, 27 maggio 2012. URL consultato il 5 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2014).
  9. ^ a b (SV) Fakta Sv. Motståndsrörelsen/Nationell Ungdom, Expo (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2007).
  10. ^ Quei razzisti venuti dai ghiacci, Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, 18 aprile 2016. URL consultato il 5 maggio 2016.
  11. ^ (SV) Politiskt extremism - Grupper inom vit makt-miljön, Säkerhetspolisen.se (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2010).
  12. ^ (SV) Exklusiv intervju med första avhopparen från nazistgruppen Svenska motståndsrörelsen, Adaktusson's blogg (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2009).
  13. ^ Patriot.nu
  14. ^ (EN) Charges over the Pride Parade Attack, su yle.fi, Yleisradio, 1º marzo 2011.
  15. ^ a b (EN) Extreme right radicals seeking more visible presence in Finland, su yle.fi, Yleisradio, 2 febbraio 2013.
  16. ^ (EN) Pepper spray assault at gay event, su yle.fi, Yleisradio, 20 luglio 2012.
  17. ^ (EN) Knifing at event dealing with right-wing extremism, su yle.fi, Yleisradio, 30 gennaio 2013.
  18. ^ (EN) One suspect in Jyväskylä stabbing still at large, Helsinki Times, 14 febbraio 2013. URL consultato il 5 maggio 2016.
  19. ^ (FI) Arvostelija hakattiin Suomen vastarintaliikkeen katutempauksessa Vantaalla, Helsingin Sanomat, 27 gennaio 2014.
  20. ^ (FI) Eetunaukiolta kiinni seitsemän uusnatsia ? epäillään vaaran aiheuttamisesta, Satakunnan Kansa, 1º maggio 2014.
  21. ^ (FI) Poliisi jatkaa vapun rähinöintien tutkintaa ? Eetunaukion uusnatsit vapaiksi, Satakunnan Kansa, 2 maggio 2014.
  22. ^ (EN) Jyväskylän pahoinpitelyn uhri uusnatseille kirjastopuukotuksesta tuttu, su yle.fi, Yleisradio, 2 agosto 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]