Movimento Nazionale Turco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Membri del Movimento durante il Congresso di Sivas. (Da sinistra a destra: Rauf Orbay, Mustafa Kemal Atatürk, Ahmet Rüstem Bilinski)

Il Movimento Nazionale Turco (in turco Türk Ulusal Hareketi) comprendeva le attività politiche e militari dei rivoluzionari turchi che portarono alla creazione e formazione della moderna Repubblica di Turchia, come conseguenza della sconfitta dell'Impero ottomano nella prima guerra mondiale, la successiva occupazione di Costantinopoli e la caduta dell'impero ottomano da parte degli alleati sotto i termini dell'Armistizio di Mudros. Gli ottomani videro il movimento come parte di una cospirazione internazionale contro di loro.[1] I rivoluzionari turchi si ribellarono contro questa suddivisione e contro il Trattato di Sèvres, firmato nel 1920 dal governo ottomano, che divideva parti dell'Anatolia stessa. Questa creazione di un'alleanza dei rivoluzionari turchi durante la partizione portò alla guerra d'indipendenza turca, all'abolizione del sultanato ottomano il 1 novembre 1922 e alla dichiarazione della Repubblica di Turchia, il 29 ottobre 1923. il movimento dichiarò che l'unica fonte di governo per il popolo turco sarebbe stata la democratica Grande Assemblea Nazionale della Turchia.

Il movimento venne creato nel 1919[2] attraverso una serie di accordi e conferenze in tutta l'Anatolia e la Tracia. Il processo era finalizzato ad unire movimenti indipendenti in tutto il paese per costruire una voce comune e venne attribuito a Mustafa Kemal Atatürk,[3] dato che ne fu portavoce, figura pubblica e capo militare primario del movimento.

Accordo di Amasya, giugno 1919[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Circolare di Amasya.

L'Accordo di Amasya fu importante sotto vari aspetti. Fu il primo appello per la costituzione di un movimento nazionale contro l'occupazione degli Alleati. Esso consisteva in una serie di colloqui circa l'indipendenza nazionale, basata su province, senza alcuna connotazione razziale. Anche in questa dichiarazione si possono intravedere le basi di ciò viene indicato come "turco" in termini politici, dove non vi è alcuna distinzione tracciata in base all'appartenenza etnica o religiosa. Il messaggio trasmesso affermava:

  • L'unità della madrepatria e l'indipendenza nazionale sono in pericolo.
  • Il Governo d'Istanbul è incapace di assumersi le proprie responsabilità.
  • È unicamente attraverso lo sforzo della nazione e la sua determinazione che l'indipendenza nazionale sarà assicurata.
  • È necessario istituire un Comitato Nazionale, libero da qualsiasi interferenza e controllo esterni, che rivedrà la situazione nazionale e renderà noto al mondo dei popoli il suo desiderio di giustizia.
  • Viene immediatamente deciso di tenere un Congresso Nazionale a Sivas, la località più sicura dell'Anatolia.
  • Tre rappresentanti di ogni provincia saranno inviati immediatamente a Sivas per il Congresso.
  • Prepararsi a ogni eventualità, per la quale dovrà essere osservata la massima segretezza.
  • Convocazione di un Congresso per le Province orientali per il 10 luglio. La delegazione del Congresso di Erzurum si muoverà per unirsi all'incontro generale di Sivas.

Questo Accordo fu firmato da Mustafa Kemal Atatürk, Rauf Orbay, Ali Fuat Cebesoy, Refet Bele e, in seguito, da Kâzım Karabekir ad Erzurum.

Conferenze[modifica | modifica wikitesto]

Congresso di Erzurum (agosto 1919)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Congresso di Erzurum.

Sul mandato americano: Il 1º agosto 1919, la Commissione King-Crane tentò di contattare a Costantinopoli (sotto controllo ottomano) un ampio numero di parti interessate per individuare le loro posizioni, al fine di riferirle alla Conferenza di pace di Parigi.
Kâzım Karabekir seppe che era stato approvato un memorandum da un insieme di gruppi politici a Costantinopoli e, di conseguenza, il Congresso di Erzurum, che aveva lavorato dal 23 luglio al 7 agosto 1919, inviò a sua volta un memorandum al presidente degli Stati Uniti d'America Woodrow Wilson nella stessa giornata del 1º agosto. Esso voleva probabilmente ricordare a tutte le altre parti dei 14 Punti di Wilson che i nazionalisti turchi erano a conoscenza di ciò.
Tra gli obiettivi dei nazionalisti vi era, a quel che sembra, quello di segnalare alle parti interessate la determinazione dei nazionalisti e di mostrare la loro intenzione di non tollerare pressioni politiche indiscriminate. Quello che era iniziato come un suggerimento ai nazionalisti di accettare il Mandato statunitense al momento del Congresso di Erzurum, divenne subito dopo un'energica campagna. Al tempo in cui era stato convocato il Congresso di Sivas, non meno di tre canali stavano premendo sulla leadership dei nazionalisti per convincerla almeno a "prendere in considerazione" la possibilità di un Mandato statunitense, se non addirittura di adottare una risoluzione in favore di esso allo stesso Congresso di Sivas.

Congresso di Sivas (settembre 1919)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Congresso di Sivas.

Il Congresso di Sivas fu il primo incontro che mise insieme per la prima volta i 14 componenti costitutivi del Movimento in uno stesso locale. Costoro stilarono un piano tra il 16 e il 29 ottobre. Concordarono sul fatto che il Parlamento si sarebbe dovuto convocare a Costantinopoli, anche se era ovvio che questo Parlamento non avrebbe potuto funzionare sotto l'occupazione dei vincitori dell'Impero ottomano. Era una grande opportunità per costituire le fondamenta e la legittimità del nuovo Stato e del nuovo potere. Così i congressisti decisero di formalizzare un "Comitato Rappresentativo" che avrebbe dovuto gestire la distribuzione delle risorse umane e la loro implementazione, e che avrebbe potuto facilmente diventare un nuovo governo, sempre che gli Alleati si fossero liberati dell'intera struttura del governo ottomano. Mustafa Kemal fissò due concetti nel suo programma: indipendenza e integrità. Mustafa Kemal pose le basi per le condizioni che avrebbero legittimato questo organismo e delegittimato il Parlamento ottomano. Tali condizioni furono anche menzionate dalle "regole" del Presidente W. Wilson.

Mustafa Kemal inaugurò il Congresso nazionale di Sivas, alla presenza di delegati provenienti dall'intera nazione turca. Le risoluzioni adottate a Erzurum furono trasformate in un appello nazionale, e lo stesso nome dell'organizzazione cambiò in quello di "Società per la difesa dei diritti e degli interessi delle Province d'Anatolia e Tracia". Le risoluzioni di Erzurum vennero riaffermate, con aggiunte minori che includevano nuove clausole come l'art. 3, che stabiliva che era inaccettabile la formazione di una Grecia indipendente sui fronti di Aydın, Manisa e Balıkesir. Il Congresso di Sivas rafforzava essenzialmente le posizioni deliberate al Congresso di Erzurum. Vennero assunte tutte, mentre la Commissione Harbord arrivava a Costantinopoli.[4]

Protocollo di Amasya, ottobre 1919[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Protocollo di Amasya.

Grande Assemblea Nazionale (novembre 1919)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Grande Assemblea Nazionale Turca.

Furono messi a punto piani per organizzare un nuovo governo e un nuovo Parlamento ad Ankara, e il Sultano chiese che fosse riconosciuta la sua autorità. Una marea di sostenitori si mosse alla volta di Ankara. Tra costoro figuravano Halide Edip, suo marito Adnan Adıvar, İsmet İnönü, i principali compagni di Kemal al Ministero della Guerra, e l'ultimo presidente della Camera dei Deputati, Celaleddin Arif. L'abbandono di quest'ultimo della capitale fu di grande significato. Presidente legalmente eletto dell'ultimo parlamento ottomano, proclamò che esso era stato disciolto illegalmente, in violazione della Costituzione, dando modo a Kemal di assumere pieni poteri governativi per il nuovo regime di Ankara.

Nel marzo 1920, Kemal annunciò che la nazione turca aveva istituito il suo proprio Parlamento ad Ankara, sotto il nome di Grande Assemblea Nazionale. Circa 100 membri del Parlamento ottomano riuscirono a fuggire dal controllo alleato e raggiunsero i 190 deputati eletti nel paese dal gruppo nazionale di resistenza. Il 23 aprile 1920, la nuova Assemblea si riunì per la prima volta, identificando Mustafa Kemal come suo primo presidente e İsmet İnönü, allora deputato di Edirne, capo di stato maggiore generale.

Conclusione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'istituzione del Movimento Nazionale Turco e la vittoriosa guerra d'indipendenza turca, i rivoluzionari abolirono il sultanato ottomano il 1º novembre del 1922 e proclamarono la Repubblica di Turchia2il9 ottobre del 1923. Il Movimento portò a conclusione il Trattato di Sèvres e negoziò quello di Losanna, assicurando il riconoscimento dei confini nazionali, definendo il Misak-ı Milli (Patto Nazionale).

Le forze nazionali furono unite attorno alla leadership di Mustafa Kemal Atatürk e all'autorità della Grande Assemblea Nazionale creata ad Ankara, proseguendo la guerra d'indipendenza turca. Il Movimento si riconobbe in un'ideologia politica che è generalmente definita "kemalismo", o "atatürkismo". I suoi principi base parlavano di repubblica - una forma di governo in cui il potere è certificato dal voto degli elettori, di amministrazione secolare (laicismo), di nazionalismo, di una miscela di partecipazione statale in molti settori dell'economia (opposta al socialismo di Stato) e di modernizzazione nazionale.

I rivoluzionari turchi furono notevolmente influenzati dalle idee che fiorirono durante il periodo delle Tanzimat. I rivoluzionari non devono essere associati al movimento dei Giovani Turchi di quello stesso periodo, che erano strettamente legati alla causa ottomana agli ideali dell'ottomanismo. I rivoluzionari turchi non erano neppure un gruppo omogeneo di persone e avevano differenti concezioni politiche e sociali. L'idea che li accomunava era la dignità da restituire alla nazione turca, vilipesa dalla prima guerra mondiale e dal crollo dell'inetto Impero ottomano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ British Views of the turkish National Movement in Anatolia (1919-1922) by A. L: Macfie
  2. ^ http://www.armenian-genocide.org/kemal.html
  3. ^ Atatürk and the Turkish Nation Source US Library of Congress
  4. ^ Caroline Finkel, Osman's Dream, Basic Books, 2005, p. 57; "Istanbul fu adottato come nome ufficiale della città solo nel 1930.".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Nazioni Unite Portale Nazioni Unite: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nazioni Unite