Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Muluia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Moulouya)
Jump to navigation Jump to search
Muluia
Moulouya Marocco.jpg
StatoMarocco Marocco
Lunghezza600 km
Portata media50 m³/s
Bacino idrografico74 000 km²
NasceMedio Atlante
SfociaMar Mediterraneo

La Muluia[1] (AFI: /muˈluja/[2]; in arabo Mulwīya, in francese Moulouya, in spagnolo Muluya, berbero Melwiyyeṯ), nota già nell'antichità col nome di Molochat, è un fiume del Marocco, che nasce al limite tra l'Alto Atlante e il Medio Atlante nella regione di Almssid vicino a Midelt. È lunga 600 km. Il livello dell'acqua è spesso variabile. Il fiume è utilizzato per l'irrigazione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo coloniale il fiume ha rappresentato il naturale confine orientale del protettorato spagnolo; inoltre il fiume ha anche rappresentato il confine orientale della Repubblica del Rif nel 1920.

Idrologia[modifica | modifica wikitesto]

Il fiume occupa una parte del Marocco orientale e si getta nel Mediterraneo nei pressi della città di Saidia. La foce si estende su 2700 ettari fino a 20 km dalla città di Berkane. La superficie totale del suo bacino idraulico è di 74 000 km², e la sua funzione principale è quella di raccogliere le acque del Rif orientale e del Medio Atlante ad ovest, nonché dell'Alto Atlante a sud. Lungo il suo corso si trovano 5 sbarramenti (Mohammed V[3], Machraa Hammadi[4], Hassan II[5], Enjil[6] et Arabat[7]).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "Mulwīya", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7.
  2. ^ Luciano Canepari, Muluia, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  3. ^ Copia archiviata, su water.gov.ma. URL consultato il 9 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2009).
  4. ^ Copia archiviata, su water.gov.ma. URL consultato il 1º gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2008).
  5. ^ Copia archiviata, su water.gov.ma. URL consultato l'8 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2008).
  6. ^ Copia archiviata, su water.gov.ma. URL consultato il 1º gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2008).
  7. ^ Copia archiviata, su water.gov.ma. URL consultato il 1º gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2008).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN240525881 · GND (DE4459302-8 · BNF (FRcb11973267v (data)