Motorway M8

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
M8
M8 Motorway
UK-Motorway-M8.svg
Localizzazione
Stato Regno Unito Regno Unito
M8 motorway (Great Britain) map.svg
Dati
Classificazione Autostrada
Inizio Edimburgo
Fine Langbank
Lunghezza 97 km
Percorso
Località servite Glasgow, Edimburgo, Airdrie, Coatbridge, Greenock, Livingston, Paisley
L'autostrada M8 attraversa il Clyde a Glasgow
La M8 a sud di Broxburn
La M8 che corre parallela al Clyde
Questo troncone nell'area di Tradeston, popolarmente noto come la "rampa per il cielo", è l'interscambio abbandonato con il lato meridionale della Glasgow Inner Ring Road

L'autostrada M8 è la più utilizzata della Scozia, e una delle più utilizzate del Regno Unito.[1] Collega le due principali città della nazione, Glasgow ed Edimburgo, e serve anche altre grandi centri come Airdrie, Coatbridge, Greenock, Livingston e Paisley. L'autostrada è lunga 97 km, escludendo l'intervallo di circa 10 km tra il quartiere di Glasgow di Baillieston e Newhouse. L'autostrada ha una stazione di servizio, situata a Harthill, e termina a Langbank.

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Con l'avvento del periodo di costruzione delle autostrade nel Regno Unito verso la fine degli anni '50, la M8 fu progettata come una delle più importanti tra le nuove autostrade, in modo da sostituire la strada A8 come alternativa ad alta capacità per i viaggi fuori città. L'autostrada fu costruita in modo frammentario in diversi stadi, aggirando le città a partire dal 1965 con l'apertura da parte del Segretario di Stato per la Scozia George Willis del tratto di Harthill. Nel 1968 fu aperto il Renfrew Bypass e la A8(M) divenne parte della M8 quando l'autostrada fu ad essa collegata ad ovest.[2] La parte interna alla città di Glasgow fu costruita tra il 1968 ed il 1972, utilizzando un progetto definito alla fine della seconda guerra mondiale, che mirava a mettere in campo una serie di opere per rilanciare la città. Il progetto evolvette in quella che sarebbe divenuta la Glasgow Inner Ring Road, un'autostrada che avrebbe circondato il centro ciittadino, collegata al Renfrew Bypass al margine sud-occidentale e all'autostrada Monkland (costruita sull'ex percorso del Monkland Canal) verso Edimburgo al margine nord-orientale. INsieme, queste tre sezioni di autostrada costituiscono l'attuale M8.

Gran parte dell'autostrada fu completa nel 1980; da allora, le uniche aggiunte sono state un nuovo interscambio con la Motorway M80 nel 1992 e un'estensione orientale di 6,4 km da Newbridge all'allora nuovo Edinburgh City Bypass nel 1995, e un nuovo interscambio presso il Kingston Bridge a Glasgow che la collega alla nuova estensione della M74 nel 2011.[3] Le restanti sezioni non terminate tra Baillieston e Newhouse, che fanno parte del progetto del governo scozzese per le autostrade M8, M73 e M74, ha avuto inizio all'inizio del 2015,[4] insieme alle altre opere per migliorare i collegamenti alla rete stradale locale, alla M73 e M74.[5] Il termine dei lavori è previsto per la primavera del 2017.[4]

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Partendo dall'Edinburgh City Bypass, la strada si dirige verso ovest verso l'incrocio con la M9 verso il Forth Road Bridge, passando per la parte settentrionale di Livingston e a sud di Bathgate. Continua attraverso la Cintura centrale scozzese prima di terminare a Newhouse. La sezione successiva, in origine designata come Monkland Motorway, inizia al confine della città di Glasgow allo svincolo per la M73 (il principale punto di interscambio per tutti i percorsi verso sud, attraverso la M74), prima di passare attraverso i quartieri di Barlanark, Riddrie, Dennistoun e Townhead (seguendo il percorso del Monkland Canal abbandonato), dirigendosi verso il centro cittadino. La parte centrale, l'incompleto Glasgow Inner Ring Road, contiene diversi svincoli che portano verso le comunità locali quali Cowcaddens, Garnethill, Kelvingrove e Anderston. Attraversa poi il fiume Clyde sul Kingston Bridge, e si dirige verso ovest attraverso Kinning Park, Bellahouston e Hillington prima di lasciare Glasgow. Verso ovest, passa per Renfrew e Paisley, portando il traffico direttamente oltre quella che era la pista principale dell'aeroporto di Renfrew, prima dello svincolo per l'aeroporto di Glasgow. Passa a sud di Erskine e termina a Langbank, circa 16 km ad est di Greenock.[6]

La M8 comprende nominalmente alcune sezioni delle strade europee, in particolare la E05 (Langbank-Baillieston)[7] e la E16 (Newhouse-Edimburgo),[8] anche se nessuna delle due è segnalata, come tutte le altre strade europee nel Regno Unito.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Department for Transport - GOV.UK (PDF), su dft.gov.uk.
  2. ^ Steven Jukes, Pathetic Motorways, su pathetic.org.uk.
  3. ^ M8 motorway construction timeline, CRBD.co.uk
  4. ^ a b Keeping communities informed, su transportscotland.gov.uk.
  5. ^ M8 M73 M74 Motorway Improvements, su transportscotland.gov.uk.
  6. ^ M8 motorway exit list, CBRD.co.uk
  7. ^ E05 route descriptor, elbruz.com
  8. ^ E16 route descriptor, elbruz.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]