Moschea dell'Imperatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Moschea dell'Imperatore
Thetzarsmosque.PNG
Moschea dell'Imperatore, Sarajevo
StatoBosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
EntitàCantone di Sarajevo
LocalitàSarajevo
ReligioneIslam
TitolareSolimano il Magnifico
FondatoreIsaković-Hranušić
Stile architettonicoArchitettura ottomana
Completamento1565
Sito web

Coordinate: 43°51′27″N 18°25′49″E / 43.8575°N 18.430278°E43.8575; 18.430278

La moschea dell'imperatore (Bosniaco: Careva Džamija, Turco: Hünkâr Camii) è un importante punto di riferimento di Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina, essendo la prima moschea costruita (1457) dopo la conquista ottomana della Bosnia. È la più grande moschea costruita con una singola cupola in Bosnia ed Erzegovina, costruita secondo lo stile ottomano classico dell'epoca.[1]

È stato costruita da Isaković-Hranušić, che la dedicò al Sultano Maometto II, il conquistatore di Costantinopoli. È considerata una delle più belle moschee del periodo ottomano nei Balcani, la moschea dispone di ampi dettagli decorativi interni di qualità elevata, come il miḥrāb.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La moschea originaria è stata costruita nella metà del XV secolo e ha una storia lunga e affascinante. Danneggiata e completamente distrutta alla fine di quel secolo, fu ricostruita nel 1565 e dedicata questa a Solimano il Magnifico, uno dei sultani più celebri dell'impero ottomano.

La prima moschea era costruita in legno e decisamente più piccola rispetto all'edificio ricostruito nel 1565. Le camere laterali sono state aggiunte nel 1800 e collegate all'area di preghiera centrale nel 1848. Tra il 1980 e il 1983 le decorazioni dipinte all'interno della moschea sono state conservate e restaurate. Il terreno di sepoltura (cimitero) accanto alla moschea dell'imperatore contiene le tombe di visir, mullah, mufti, sceicchi, dei dipendenti della moschea, insieme ad altri personaggi di spicco che vivono a Sarajevo.

La moschea è stata danneggiata durante la seconda guerra mondiale, ma soprattutto durante le guerre nel corso degli anni '90 del XX secolo, il lavoro di ristrutturazione è tuttora in corso.

I primi insediamenti a Sarajevo ono stati costruiti intorno alla moschea, a partire dalla residenza dei rappresentanti del Sultano, allora in costruzione accanto alla moschea. Furono costruiti anche un hammam (bagno pubblico) e un ponte, che portava direttamente alla moschea. Il ponte è stato smontato durante il governo austro-ungarico e ricostruito pochi metri più a monte, dove esiste ancora oggi.[2]

Dall'altra parte del fiume, fu costruito il caravanserraglio Kolobara-han. Per il finanziamento di queste strutture, Isaković-Hranušić lasciò un patrimonio di molti negozi, terreni e proprietà.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Emperor’s Mosque in Sarajevo - The Mosque of Sultan Süleyman the Lawgiver, Islamic Arts Magazine.
  2. ^ History of the Mosque, su carevadzamija.ba (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]