Moschea degli Omayyadi di Aleppo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Moschea degli Omayyadi di Aleppo
AleppoGreatMosque.jpg
Il minareto, prima della distruzione
StatoSiria Siria
LocalitàAleppo
ReligioneIslam
Inizio costruzione715
CompletamentoXIII secolo

Coordinate: 36°11′58.17″N 37°09′24.88″E / 36.199492°N 37.156911°E36.199492; 37.156911

La moschea degli Omayyadi di Aleppo (in arabo: الجامع الأموي ﺑﺤﻠﺐ‎, al-Jāmiʿ al-Umawiyyī bi-Ḥalab, detta anche grande moschea d'Aleppo (in arabo: جامع الكبير ﺑﺤﻠﺐ ‎, Jāmiʿ al-Kabīr bi-Ḥalab) è la più grande e la più antica moschea della città di Aleppo, nel nord della Siria. Si trova nel quartiere al-Jalloum dell'antica città di Aleppo, patrimonio dell'umanità, vicino all'ingresso di Al-Madina Souq. La moschea è presumibilmente dimora dei resti di Zaccaria, il padre di Giovanni Battista, entrambi venerati nell'Islam e nel cristianesimo. È stato costruita all'inizio del VIII secolo d.C. Tuttavia, l'attuale edificio risale al XI secolo. Il minareto fu costruito nel 1090 e fu distrutto durante i combattimenti nella guerra civile siriana nell'aprile 2013.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale moschea risale al periodo mamelucco del XIII secolo e solo il minareto selgiuchide del 1090 è più antico.[1] La moschea è situata nella città vecchia e i musulmani credono che al suo interno si trovi il sepolcro di Zaccaria, ritenuto un profeta dell'Islam, col nome di Zakariyāʾ.[2].

La moschea è stata danneggiata durante la guerra contro i ribelli siriaci, e il suo minareto risulta distrutto dal 24 aprile 2013[3].

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La moschea è costruita attorno a una vasta musalla (corte), dietro un'arcata colonnata. La corte è nota per le pietre di color nero e bianco che formano complessi motivi ornamentali geometrici. Essa ospita due fontane per le abluzioni rituali. La principale sala per le preghiere islamiche contiene gli elementi più importanti della moschea: il santuario di Zaccaria, un minbar del XV secolo e un miḥrāb finemente scolpito. In origine, questa grande sala di preghiera aveva un tetto piatto, con una cupola al centro, ma i Mamelucchi lo sostituirono con un complesso sistema di volte a croce con archi e una piccola cupola sulle arcate.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ George Mitchell, Architecture of the Islamic World, Thames and Hudson, 1978, p. 231.
  2. ^ The Great Mosque of Aleppo su Muslim Heritage.
  3. ^ Aleppo, distrutto il minareto patrimonio dell'Unesco, corriere.it
  4. ^ Great Mosque of Aleppo Archiviato il 15 luglio 2009 in Internet Archive. su ArchNet

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]