Moschea Sidi Mansour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 36°47′24.31″N 10°10′36″E / 36.790086°N 10.176666°E36.790086; 10.176666

Moschea Sidi Mansour

La moschea Sidi Mansour (in arabo: جامع سيدي منصور‎) è una moschea tunisina nel quartiere di El Hajjamine, vicino al sobborgo di Bab El Jazeera, a sud della Medina di Tunisi. Si tratta di un patrimonio mondiale dell'umanità dell'UNESCO insieme a tutti i monumenti dell'area della Medina di Tunisi per un decreto del 16 novembre 1928.

Localizzazione[modifica | modifica wikitesto]

La moschea si trova in via Sidi Mansour, vicino a Bab El Fellah, una delle porte della medina.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo nome deriva da un santo, Sidi Mansour Abou Daliah (in arabo: سيدي منصور أبودالية‎), legato alla dinastia Idrisid che ha governato il Marocco tra il 789 e il 985.[1] È nato a Fès ed è morto a Gafsa nel XV secolo.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Hayet El Mejri, il kouttab della moschea esisteva nel 1875.[2]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su alchourouk.com. URL consultato il 1º maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2016).
  2. ^ a b Hayet El Mejri, De l'éducation traditionnelle à l'éducation primaire dans la médina de Tunis à l'époque ottomane, Tunis, Laboratoire d'études maghrébines, 2015, 284 p. (ISBN 9-93807-084-1), p. 49-50

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]