Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Moschea Blu (Erevan)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Moschea Blu
Blue Mosque side view 2.jpg
Moschea Blu
StatoArmenia Armenia
LocalitàErevan
ReligioneIslam
Stile architettonicoislamico
Inizio costruzione1764
Completamento1768
Sito web

Coordinate: 40°10′41.16″N 44°30′20.16″E / 40.1781°N 44.5056°E40.1781; 44.5056

La Moschea Blu (in armeno: Կապույտ մզկիթ?, Kapuyt mzkit; in persiano, مسجد کبود‎, Masjed-e Kabud) è una moschea di Erevan, l'unica ad essere attiva in territorio armeno.[1]

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La regione di Erevan è stata posta sotto la giurisdizione di governanti musulmani da tempi immemori, risalenti sino al Trecento, quando era sottoposta alle pressioni e incursioni del condottiero turco Tamerlano. A partire dal Cinquecento, e in particolare in seguito alla pace di Amasya (stipulata nel 1555), fino al Novecento, è stata una provincia di confine dell'Iran, a sua volta governato progressivamente dai Safavidi, dai Nadir Shah, Karim Khan Zand e infine dalla dinastia Qajar), per poi passare nelle mani dei Russi (trattati di Gulistān, 1813, e Turkmanciāi, 1828), seguendo le sorti dell’Impero russo ed entrando poi a far parte dell'Unione Sovietica.[2]

Per l'anno esatto di costruzione della moschea Blu le fonti sono discordi, allorché sono proposte varie datazioni, tutte tuttavia ascrivibili approssimatamente alla metà del Settecento. Un viaggiatore in visita a Erevan nell'Ottocento, H.F.B. Lynch, riporta che la Moschea Blu era stata eretta durante il regno iraniano di Nadir Shah (1736–47) da Husayn Ali Khan.[3] George Bournoutian indica Husayn Ali Khan come patrono dell'edificio, e colloca la costruzione di quest'ultimo tra gli anni 1762-83.[4] Secondo la versione più attendibile di Vladimir M. Arutyunyan, invece, l'edificazione della moschea ebbe inizio nel 1760 e fu completata da Husayn Ali Khan nel 1764-68.[5][6]

L'edificio era la maggiore moschea congregazionalista della città. Quando Erevan passò sotto il dominio russo nel 1827 nel corso della guerra russo-persiana, le autorità russe stimarono che si trattava della maggiore delle otto moschee allora operative in città. L'edificio planimetricamente si strutturava nella sala maggiore di preghiera, affiancata da una biblioteca, e da una madrasa articolata in ventotto celle disposte intorno a un cortile, per un'estensione totale di settemila metri quadri. Vi è un unico minareto posto vicino all'ingresso.

A causa delle politiche secolariste del governo sovietico, fermo nel voler condurre il paese a una cultura più laica, a partire dal 1931 la Moschea cessò di celebrare servizi liturgici e venne riconvertita in un museo, il Museo della Città di Erevan.[7] Con la dissoluzione dell'Unione Sovietica, nel corso degli anni 1990 la moschea fu sottoposta a un radicale ripristino, finanziato dal governo iraniano e giudicato da Brady Kiesling come «strutturalmente necessario ma esteticamente ambiguo»:[8] questo intervento di restauro, infatti, suscitò varie perplessità anche nella repubblica dell'Azerbaijan.[9] Malgrado ciò, oggi il sito è di nuovo disponibile per il culto della religione islamica, divenendo quindi l'unica moschea operativa in tutta l'Armenia: il museo della città di Erevan ha trovato sede in un altro edificio, appositamente costruito.

La proprietà della moschea fu passata all'Iran nel 1995 dalle autorità cittadine di Erevan: nel dicembre 2015 il governo armeno ha deciso di estendere tale titolarità iraniana per altri novantanove anni.[10][11]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Armenia applies to place Blue Mosque on UNESCO’s World Heritage List, in Today's Zaman, 22 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2015).
  2. ^ Timothy C. Dowling Russia at War: From the Mongol Conquest to Afghanistan, Chechnya, and Beyond pp. 729-730 ABC-CLIO, 2 dicembre 2014. ISBN 978-1598849486
  3. ^ Lynch 1901, p. 213–214.
  4. ^ Bournoutian 1992, p. 45.
  5. ^ Arutyunyan 1968, p. 31.
  6. ^ Ritter 2006, p. 363–366.
  7. ^ Hovhannessian 1986, p. 19-21.
  8. ^ Kiesling 2005, p. 31.
  9. ^ (AZ) Natiq Zeynalov, Yerevanda Göy məscid hər gün İran vətəndaşları ilə dolu olur, in azadliq.org, Radio Free Europe/Radio Liberty, 5 maggio 2010.
  10. ^ (HY) Իրանի դեսպանատունը 99 տարով անհատույց կօգտագործի Կապույտ մզկիթն ու հարակից հողամասը, in Hetq Online, 10 dicembre 2015.
  11. ^ (HY) Կապույտ մզկիթը 99 տարով հանձնվեց Իրանի տնօրինությանը, in azatutyun.am, Radio Free Europe/Radio Liberty, 10 dicembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RU) Vladimir M. Arutyunyan, Ереван, Moscow, Izdvo litry po stroitelstvu, 1986.
  • (DE) Markus Ritter, Moscheen und Madrasabauten, in Iran 1785–1848: Architektur zwischen Rückgriff und Neuerung, Leiden, Brill, 2006, ISBN 90-04-14481-1.
  • George Bournoutian, The Khanate of Erevan Under Qajar Rule, 1795-1828, Costa Mesa, CA, Mazda Publishers, 1992, ISBN 978-0-939214-18-1.
  • Hrant A Hovhannessian, The Museums of Yerevan, Erevan, Hayastan Publishing, 1986.
  • Brady Kiesling, Rediscovering Armenia, 2ª ed., Erevan, Matit, 2005.
  • H.F.B. Lynch, Armenia, Travels and Studies, vol. 1, Londra, Longmans, 1901.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]