Mosaico del gladiatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mosaico del Gladiatore, Galleria Borghese a Roma

Il Mosaico del Gladiatore è un famoso mosaico risalente al periodo tardo-imperiale (verso l'anno 320) ritrovato nella proprietà della famiglia Borghese a Torrenova, sulla Via Casilina alla periferia di Roma, nel 1834. Si tratta di uno dei pezzi pregiati che sono andati ad arricchire la Collezione Borghese dopo che questa era stata impoverita a seguito della vendita di buona parte della collezione a Napoleone Bonaparte, che poi provvide a farla trasferire al Louvre di Parigi.

Nel mosaico [1] è raffigurato l'epilogo del combattimento tra il gladiatore Astivus, che giace a terra morente col piede poggiato sul suo ampio scudo, e il gladiatore reziario Astacius, in procinto di sferrare il colpo mortale col proprio pugnale, il pugio. A contorno della rappresentazione nel mosaico compaiono altre figure, tra cui lo stesso Astacius, disarmato, che saluta la propria vittoria, e il reziario Rodan, anch'egli morto, riconoscibile dall'inconfondibile paraspalla, il galerus.

Accanto ai nomi dei gladiatori morti durante il combattimento è presente il cosiddetto theta nigrum, ovvero la lettera greca Θ ("theta"), iniziale della parola "thanatos", cioè "morte". [2].

Parte del Mosaico del Gladiatore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ da non confondersi con l'omonimo Mosaico dei gladiatori ritrovato nella Villa Dar Buc Ammera, a qualche chilometro da Leptis Magna in Libia
  2. ^ L'utilizzo di questa lettera per indicare i morti non è attestato solo nell'arte ma anche nella letteratura, per esempio in Marziale che la definisce "theta mortiferum" ((LA) Epigrammi, VII, 37,2, su thelatinlibrary.com. URL consultato il 13-12-2015.) e in Persio che la chiama proprio "theta nigrum" ((LA) Satire, IV, 13, su thelatinlibrary.com. URL consultato il 13-12-2015.)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Arte