Morte in Vaticano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Morte in Vaticano
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Spagna
Anno 1982
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Marcello Aliprandi
Soggetto Max Savigny, Maurice Serral
Sceneggiatura Marcello Aliprandi, Lucio Battistrada, Alberto Fioretti, Enzo Gallo, Pedro Mario Herrero
Fotografia Alejandro Ulloa
Montaggio Antonio Siciliano, Jean-Marc Vasseur
Musiche Pino Donaggio
Scenografia Elio Micheli
Interpreti e personaggi

Morte in Vaticano è un film del 1982 diretto da Marcello Aliprandi.

Ispirato al romanzo di Maurice Serrault e Max Savigny, è stato realizzato a quattro anni di distanza dalla morte di Papa Albino Luciani.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sono gli anni ottanta e il Vaticano è teatro di un complotto al cui centro è la figura di Papa Giovanni Clemente I, al secolo Monsignor Adriani.

Il pontefice è sotto accusa per i suoi modi rivoluzionari e la sua visione di una Chiesa di poveri per i poveri: un Papa così "rivoluzionario" non può che portare la Chiesa stessa alla distruzione e deve quindi essere fermato.

Sullo sfondo della vicenda si staglia un'antica amicizia tra il Pontefice e Don Bruno Martello, un tempo teologo controcorrente e ora integralista esacerbato e pericoloso.

La differenza di vedute incrina fatalmente il rapporto tra i due uomini: le azioni violente di Don Martello, deciso a punire esemplarmente il Papa, verranno influenzate dalla sotterranea cospirazione vaticana per il mantenimento del potere clericale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]