Mortadella di Prato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mortadella di Prato
Mortadella di Prato
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneToscana
Zona di produzionePrato, Agliana, Quarrata
Dettagli
Categoriasecondo piatto
RiconoscimentoI.G.P.
SettoreCarni (e frattaglie) fresche e loro preparazione
 

La Mortadella di Prato è un prodotto tipico[1] della città toscana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È di origine remota ed è un salume "povero" che veniva fatto con le carni scartate dalla produzione della finocchiona o di seconda scelta, che venivano sottoposte ad una forte speziatura con pepe nero macinato e in grani, sale, polpa d'aglio pestato, coriandolo, cannella, chiodi di garofano e aromatizzate con alchermes.

La produzione e la diffusione della mortadella di Prato decaddero negli anni cinquanta del XX secolo, tanto che si rischiò persino di perderne la memoria, a causa del maggior benessere che portò a preferire le mortadelle pregiate di altre regioni. Solo nei successivi anni novanta si è assistito a una riscoperta di questo salume che sta vivendo oggi una seconda giovinezza. La zona di produzione attuale comprende i comuni di Prato, Agliana e Quarrata.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La mortadella di Prato è un salume bollito e quindi sicuro contro la toxoplasmosi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mortadella di Prato IGP, su agraria.org. URL consultato il 21 dicembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]