Morosini (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma della famiglia Morosini
Coa fam ITA Morosini.png
Blasonatura
D'oro, alla banda d'azzurro[1].

I Morosini sono un'antica famiglia del patriziato veneziano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di questo casato sono incerte, ma di sicuro molto antiche. Una prima leggenda afferma che Morosini fossero giunti in Laguna fuggendo da Attila[2]; una seconda, invece, li ritiene originari di Mantova[3]. Tutte le tradizioni, però, sono concordi nel collocarla tra le dodici famiglie apostoliche che parteciparono all'elezione del primo doge Paolo Lucio Anafesto[2][3].

Furono coinvolti nella vita pubblica veneziana sin dall'XI secolo e si distinsero sino alla fine della Serenissima dando quattro dogi, Quattro dogaressa, ventisei procuratori di San Marco e politici, cui si aggiunsero commercianti, industriali, uomini d'arme e prelati (fra i quali tre cardinali ed il primo patriarca cattolico di Costantinopoli). Gli interessi della casata si estesero anche all'estero grazie ai matrimoni fra Tomasina Morosini e il principe Stefano d'Ungheria e fra Costanza e Stefano Vladislav II[4].

Nel 1819 furono insigniti del titolo comitale dall'Impero d'Austria, nel 1890 riconosciuto anche dal Regno d'Italia[4].

Dei Morosini si distinsero vari rami: i Morosini "di San Polo", "in Canonica" e "dei Santi Apostoli" fioriscono tuttora, mentre sono estinti le linee di "San Giovanni Grisostomo", detta anche "linea di San Cassian", ora fiorente come linea Modulo-Morosini, "di Santo Stefano", "di San Tomà", "dei Santi Giovanni e Paolo" e "di San Polo sul Ponte"[4].

Palazzo Morosini del Pestrin, Venezia

Linea di San Giovanni Grisostomo o Linea di San Cassian (Modulo Morosini)[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Morosini Ferro Manolesso Venezia

N.H.N.D., Patr. Ven., mf., orig. Veneto, dim. Padova, Treviso, Venezia, Roma, Mirano (Venezia). Libro d’oro di Venezia, anter. al 1297, conf. S. R. 8 ottobre 1818, 18 dic. 1817.

ARMA: d’oro alla fascia d’azzurro concava

CIMIERO: corno ducale

SOSTEGNI: due leoni d’oro linguati di rosso controrampanti e miranti all’infuori

RAMO DI S. GIO.

GRISTOSOMO

DETTO ANCHE DI LINEA DI S. CASSIAN

† N.H. Michele Luciano Morosini, Patr. Ven., n. a Dolo 7 mar. 1854, f. del † N.H. Bernardino Romano Giovanni, Patr. Ven. (n. 8 mag. 1813, di † Michele Giorgio, n. 11 ag. 1762, di † Marino, e di † Cecilia Ruggeri) e di † Serafina Contin

ZIA

† N.D. Romana Teresa Maria, Patr. Ven., n. 8 gen. 1815

PROZIO

† N.H. Zaccaria Roberto, Patr. Ven., n. 11 nov. 1765 † 8 feb. 1821, sp. † Elena Bianca Contatini, da cui:

1) † N.H. Carlo Aurelio, Patr. Ven., n. 29 lug. 1797

2) † N.D. Cecilia Teresa Maria, Patr. Ven.

3) † N.D. Teresa Metilde Maria, Patr. Ven.

ALTRO RAMO

† N.H. Marcantonio, Patr. Ven., n. a Venezia 29 nov. 1832, f. del † N.H. Lodovico Alessandro, Patr. Ven. (n. 10 dic. 1804 † 17 apr. 1895, di † Marcantonio Lodovico, n. 10 feb. 1775, di † Alessandro, e della † N.D. Olimpia Anna Canal, Patr. Ven.) e di † Giovanna Boato, sp. † Maria Elisabetta Forni, da cui:

FIGLIO

† N.H. Antonio, Patr. Ven., n. a Venezia 1 ag. 1863 † nel 1937

ZII

AA) † N.D. Giovanna Lucrezia, Patr. Ven., n. 29 giu. 1803

BB) † N.H. Girolamo Antonio, Patr. Ven., n. 8 giu. 1807

CC) † N.H. Alessandro Rinaldo, Patr. Ven., n. 23 giu. 1809, sp. † Adelaide Magello, da cui:

A) † N.H. Marco (Marcantonio), Patr. Ven., sp. † Livia Codalunga, da cui:

I) † N.H. Alvise, Patr. Ven., n. a Roncade 14 ag. 1858

II) † N.H. Alessandro, Patr. Ven., n. a Roncade (Treviso) 4 set. 1863 † a Treviso 23 dic. 1916, sp. 4 set. 1907 † Margherita Pagliaj, n. 14 gen. 1880, da cui:

1) † N.D. Livia, Patr. Ven., n. a Perugia 24 set. 1908 † 6 nov. 1985, sp. 2 giu. 1940 † Martino Martin, † 20 nov. 1981

2) † N.H. Marino, Patr. Ven., cav. uff. O.M.R.I., med. d’Arg. al V.M., gener., n. a Treviso 20 lug. 1911 † 20 feb. 1977, sp. 10 giu. 1939 † Siglinda Borelli, da cui: N.H. Francesco Maria, Patr. Ven., n. a Treviso 20 lug. 1950, sp. a Treviso 8 ott. 1988 Teresa Cardona, prof.

3) N.D. Leonilde, Patr. Ven., n. a Treviso 23 mag. 1914, sp. nel 1933 † Giusto Probati de Burattini, † 22 ag. 1979

III) † N.D. Maria, Patr. Ven., n. a Roncade 14 mag. 1866

IV) † N.D. Emilia, Patr. Ven., n. a Roncade 25 gen. 1868

V) † N.D. Fanny, Patr. Ven., n. a Roncade 19 dic. 1878

B) † N.D. Maria, Patr. Ven., n. a Padova 11 ag. 1832 † ivi 22 mag. 1857, sp. a Padova 23 giu. 1853 † Antonio Modulo1, n. a Padova 25 ott. 1831 † ivi 29 giu. 1874, f. di † Giacomo Girolamo (n. a Padova 24 lug. 1788 † ivi 28 nov. 1877) e di † Brigida Mazzuccato (n. a Padova 12 ott. 1789 † 22 feb. 1874)

DD) † N.D. Elena Maria, Patr. Ven., n. 30 lug. 1811

EE) † N.H. Antonio Rinaldo, Patr. Ven., n. 9 nov. 1812, sp. in primi voti 1°) † Antonia Ravenne; sp. in secondi voti 2°) † Carlotta Ambrosi, da cui:

A) (f. di primo letto) † N.H. Giuseppe, Patr. Ven., n. a Venezia 17 feb. 1839, sp. a Venezia 5 nov. 1863 † Elisabetta Dal Moro, da cui: † N.D. Luigia, Patr. Ven., n. a Venezia 9 set. 1867

B) (f. di secondo letto) † N.H. Francesco, Patr. Ven., n. a Venezia 9 feb. 1865, sp. in primi voti 1°) a Venezia 7 feb. 1888 † Anna (Condizion) Vio; sp. in secondi voti 2°) a Venezia 14 mar. 1907 † Italia Mognato, da cui:

I) (f. di primo letto) † N.D. Ines, Patr. Ven., n. a Venezia 24 lug. 1888

II) (f. di primo letto) † N.D. Amalia, Patr. Ven., n. a Venezia 20 ag. 1891

III) (f. di primo letto) † N.D. Luigia, Patr. Ven., n. a Venezia 14 ag. 1894

IV) (f. di secondo letto) † N.D. Margherita, Patr. Ven., n. a Venezia 24 mar. 1908

FF) † N.H. Giovanni Maria, Patr. Ven., n. 3 gen. 1814

GG) † N.H. Rinaldo, Patr. Ven., n. 8 ott. 1815

HH) † N.H. Michele Marc’Antonio, Patr. Ven., n. 15 apr. 1818, sp. † Annunziata de Parà, da cui:

A) † N.H. Federico, Patr. Ven., sp. † Rosa Beltrame, da cui:

I) † N.H. Federico, Patr. Ven., ing., n. a Venezia 16 ag. 1884, sp. † Felicita Vedove

II) † N.H. Gustavo, Patr. Ven., n. a Mestre 15 lug. 1890, sp. † Alba Golfetto, da cui: † N.D. Berta, Patr. Ven.

B) † N.D. Amalia, Patr. Ven., n. a Venezia 16 ag. 1845

C) † N.D. Francesca, Patr. Ven., n. a Venezia 15 apr. 1847

D) † N.H. Attilio, Patr. Ven., n. a Venezia 6 dic. 1854

E) † N.D. Adelaide, Patr. Ven., n. a Venezia 12 mar. 1859

F) † N.H. Rinaldo, Patr. Ven.

G) † N.H. Carlo Giuseppe, Patr. Ven., n. a Venezia 28 mar. 1863, sp. a Venezia 23 mag. 1888 † Luigia Pallù, da cui

I) † N.D. Annunziata, Patr. Ven., prof., n. a Venezia 27 mar. 1889

II) † N.D. Carmela, Patr. Ven., n. a Venezia 20 mar. 1890

III) † N.H. Augusto, Patr. Ven., n. a Venezia 5 nov. 1891

IV) † N.D. Amalia, Patr. Ven., n. a Venezia 2 apr. 1894

H) † N.D. Cecilia, Patr. Ven., n. a Venezia 13 dic. 1864

I) † N.D. Elena, Patr. Ven., n. a Venezia 31 gen. 1868

II) † N.H. Luigi, Patr. Ven., n. 6 dic. 1821

————————————————————————————

1. uno dei figli di Lorenzo Domenico Alessandro, fratello di Antonio Modulo sposatosi con Maria Morosini, ossia Carlo Umberto Luigi, aggiunge al cognome paterno quello della moglie del fratello, per adozione, dando origine alla famiglia Modulo Morosini: i Modulo sono un’antica famiglia veneta. Affermatasi con il commercio e la mercanzia fin dal XVII sec. Gaspare si trasferì a Padova dando luogo ad una serie di affermati professionisti del diritto; Giovanni Andrea di Gaspare svolse l’attività del notariato; Antonio di Giovanni Andrea seguite orme del padre come il suo primogenito Giuseppe Francesco che fu Notaio Collegiato; Giovanni Andrea fratello di Giuseppe Francesco fu Procuratore Legale ed affermato Avvocato. Numerosi ascendenti della famiglia, al tempo della dominazione austriaca, si distinsero nell'amministrazione pubblica del Regno Lombardo - Veneto, godendo ininterrottamente del trattamento di “Magnificus”, “Dominus” “Eccellente”, “Nobile”, alleandosi sempre in matrimonio con le primarie famiglie comitali della Nobiltà veneta, tra le quali i marchesi Zacco, i conti Zabarella, i conti Celotti, i conti Mazari ed i patrizi veneti Morosini. È provata la discendenza genealogica degli attuali rappresentanti da Simone, n. nella seconda meta del 1600, in Belluno, da cui Francesco, n. a Belluno il 18 feb. 1646, sp. in I matr. con la N.D. Elisabetta Zacco (m. 1683) ed in II matr. con Pasqua di Lucca da cui tra gli altri i due fratelli Bartolomeo Andrea e Gaspare Pasqualino, come sopradetto artista di chiara fama. Da Gaspare Pasqualino, n. a Venezia il 5 gen. 1689, sp. con la Nob. Cristina Caterina Celotti nacque a Padova Giovanni Andrea che si unì in matrimonio con la Nob. Francesca Mazari, da cui Antonio, n. a Padova nel 1748. sp. con Clelia Marini. Attraverso il loro secondogenito Giacomo, n. a Padova il 24 lug. 1788, sp. con Brigida Mazzuccato a Padova il 29 giu. 1808 si giunge ad Antonio, quarto figlio dei predetti, n. a Padova il 25 ott. 1831, coniug. con la Contessa Maria Morosini il 23 giu. 1851. Maria Morosini era figlia del Conte Alessandro Morosini, Patrizio Veneto, e di Adelaide Magello.

† Antonio Modulo, n. a Padova 25 ott. 1831 † ivi 29 giu. 1874, f. di † Giacomo Girolamo (n. a Padova 24 lug. 1788 † ivi 28 nov. 1877) e di † Brigida Mazzuccato (n. a Padova 12 ott. 1789 † 22 feb. 1874), sp. a Padova 23 giu. 1853 † N.D. Maria Morosini, Patr. Ven., n. a Padova 11 ag. 1832 † ivi 22 mag. 1857

FRATELLO

† Lorenzo Domenico Alessandro Modulo, n. a Padova 1 mag. 1835, sp. a Padova 11 ott. 1857 † Caterina Lucatello, n. a Venezia 26 set. 1837, da cui:

AAA) † Vittorio Emilio Luigi, n. a Padova 9 lug. 1859

BBB) † Anna Vittoria Alessandrina, n. a Padova 27 apr. 1861 † ivi 9 ott. 1866

CCC) † Costanza Filomena Maria, n. a Padova 4 mar. 1863

DDD) † Carlo Umberto Luigi Modulo Morosini, fondat. nel 1878 dell’Archivio Storico Araldico Cavalleresco Nobiliare “Corder Modulo Morosini”, n. a Padova 10 lug. 1865, sp. a Venezia 5 nov. 1887 † Antonietta Corder, n. a Venezia 14 dic. 1862 † a Padova 8 nov. 1939, da cui:

AA) † Luigi, med. d’Arg. terremoto calabro-siculo (1908), med. d’arg. della guerra italo-turca (1911-12), medaglia interall. della I guerra mondiale, cr. di guerra al merito della I guerra mondiale, med. di guerra 1914-18 per 4 anni di mobilitazione, med. dell’unità d’It. per la guerra 1914- 18, med. della quarta armata Grappa-Piave.imprend., inventore, camp. I guerra mond., camp. guerra d’Africa, n. a Padova 31 lug. 1888, sp. a Padova 31 ag. 1912 † Regina Gottardo, n. a Pianiga 18 lug. 1886, da cui:

A) † Giorgio, n. a Padova 27 nov. 1913, sp. a Padova 6 nov. 1938 † Cesira Benetollo, n. a Arino di Dolo (Venezia) 9 set. 1915, da cui:

I) Giuliano, n. a Padova 2 lug. 1942

II) Enzo, cav. Ord. Civ. di Savoia, cav. O.M.R.I., dott. in filos., psicol., sc. documentarie della Storia, curatore dell’Archivio Storico Nobiliare Cavalleresco Corder Modulo Morosini, cav. della Reale Arciconfratemita dei SS. Giovanni Battista ed Evangelista dei Cavalieri di Malta ad Honorem, membro della Soc. Ital. di Studi Araldici, membro della Società Svizzera di Araldica. accad. del Mediterraneo, accad. Tiberino, n. a Padova 25 mar. 1946, sp. in primi voti 1°) a Padova 6 giu. 1970 Letizia Gori; sp. in secondi voti 2°) a Craiova (Romania) 18 set. 2003 Herculane Lucia Chelcea , da cui:

1) (f. di primo letto) Filippo Luigi Maria, avv., n. a Padova 19 mar. 1971, sp. a Roma 10 giu. 2000 Barbara Napolitano, avv., da cui: a) Luigi, n. a Roma 19 feb. 2003; b) Carlo, n. a Roma 26 feb. 2005; c) Francesco n. a Roma 20 ott. 2007

2) (f. di primo letto) Leonardo Adelchi, arch., n. a Padova 4 nov. 1972

3) (f. di primo letto) † Leopoldo Benedetto, n. a Padova † a Leeds nel 1974

B) † Adalgisa, n. a Padova 3 lug. 1916

C) † Gelda, n. a Padova 4 gen. 1919

D) Renato, n. a Padova 5 mag. 1921

BB) † Francesco, n. a Padova 17 set. 1890, sp. a Padova 11 set. 1920 † Gilda Bortolami

CC) † Emilio, n. a Padova 25 ag. 1892, sp. a Padova 23 gen. 1926 † Annetta Tosato

DD) † Rosina, n. a Padova 2 dic. 1896

EE) † Lorenzo, n. a Padova 27 nov. 1898, sp. a Padova 22 gen. 1922 † Rosa Fayenz

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Dogi della Repubblica di Venezia[modifica | modifica wikitesto]

Dogaresse[modifica | modifica wikitesto]

Religiosi[modifica | modifica wikitesto]

Altri[modifica | modifica wikitesto]

  • Marino Morosini (? - 1301), conte di Ossero dal 1280 alla morte.
  • Antonio Morosini, nato nel 1365 da Marco, fratello del doge Michele Morosini, e da Caterina Moro scrisse un celebre Diario sulla storia di Venezia
  • Domenico Morosini (1417-1509), dei Morosini dalla Tressa (Santa Maria Zobenigo). Nel 1470 il doge Cristoforo Moro lo nominò suo esecutore testamentario insieme con Giacomo Morosini e Piero Sanudo nel 1472 fu eletto nel Consiglio dei dieci, nel 1497 iniziò la stesura della sua opera principale: De bene instituta re publica, completata dal figlio Lorenzo.
  • Marcantonio Morosini (1434-1509). Nel 1480 fece parte del Collegio in qualità di savio di Terraferma nel 1481 fu podestà di Bergamo, nel 1487 si recò a Napoli come ambasciatore presso il re Ferdinando II d'Aragona per mediare un accordo di quel re con il Papa Innocenzo VIII, nel 1491 fu podestà di Verona, nel 1494 assunse il capitanato di Padova, nel 1495 prese parte alla Battaglia di Fornovo, nel 1497 entrò a far parte del Consiglio dei dieci.
  • Domenico Morosini (1508-1558), dei Morosini dalla Sbarra. Fu un famoso umanista nominato da molti intellettuali come Giovangiorgio Trissino, Pietro Aretino, Vincenzo Brusantini e Giovan Battista Benedetti che gli indirizzò lettere su questioni geometriche. Nel 1542 fu ambasciatore presso Ferdinando I d'Asburgo, nel 1547 fu podestà di Verona, nel 1549 fu ambasciatore presso l'imperatore Carlo V d'Asburgo, nel 1553, venne eletto dal Senato ambasciatore a Roma, nel 1556 fu dei capi del Consiglio dei dieci e dei Savi del Consiglio, nel 1557 dei Savi all'eresia.
  • Andrea Morosini (1558-1618). Storico e uomo politico, scrisse l'Historia veneta dal 1521 al 1615.
  • Giovanni Morosini (1633-1682), dei Morosini dalla Sbarra (San Canciano). Nel 1662 fu eletto podestà di Chioggia, nel 1666 fu ambasciatore alla corte sabauda presso Carlo Emanuele II di Savoia, nel 1668 fu ambasciatore in Francia presso Luigi XIV di Francia, nel 1670 ambasciatore all'imperatore Leopoldo I d'Asburgo, nel 1675 convinse il sultano Maometto IV di porre fine al ricetto dei corsari. Nel 1680 acquistò a Padova un palazzo nella contrà di S. Massimo sopra il fiume, il cui giardino sarebbe divenuto, una volta ereditato dal figlio del fratello Domenico, Giovanfrancesco, uno dei più celebri orti botanici privati d'Europa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandro Augusto Monti Della Corte, Armerista bresciano, camuno, benacense e di Valsabbia, Brescia, Tipolitografia Geroldi, 1974.
  2. ^ a b Dizionario storico-portatile di tutte le venete patrizie famiglie, Giuseppe Bettinelli, 1780, pp. 111-112.
  3. ^ a b John Temple-Leader, Libro dei nobili veneti ora per la prima volta messo in luce, Firenze, Tipografia delle Murate, 1866, p. 64.
  4. ^ a b c Morosini, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Storia di famiglia Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia di famiglia