Mormotomyia hirsuta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mormotomyia hirsuta
Immagine di Mormotomyia hirsuta mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
Ordine Diptera
Sottordine Brachycera
Coorte Cyclorrhapha
Sezione Schizophora
Sottosezione Calyptratae
Superfamiglia Hippoboscoidea
Famiglia Mormotomyiidae
Genere Mormotomyia
Specie Mormotomyia hirsuta
Nomenclatura binomiale
Mormotomyia hirsuta
Ernest Edward Austen, 1936

La famiglia Mormotomyiidae (Diptera: Hippoboscoidea) contiene solo una specie conosciuta, la Mormotomyia hirsuta, comunemente conosciuta come la Frightful Hairy Fly[1][2] rinvenuta in Kenya. La mosca fu descritta per la prima volta dall'entomologo inglese Ernest Edward Austen, e esemplari sono stati raccolti in un sito montuosa dell'Ukazi Hill, lungo la strada che va da Thika a Garissa, in Kenya in una crepa dove dei pipistrelli avevano stabilito la loro tana; probabilmente si tratta della più ristretta distribuzione geografica per una specie appartenente all'ordine dei ditteri. Dal guano dei pipistrelli furono raccolte alcune larve di Mormotomyia. Probabilmente le mosche adulte si cibano delle secrezioni corporee dei pipistrelli. Gli esemplari misurano circa un centimetro in lunghezza, hanno zampe pelose, e, avendo ali non funzionali e occhi molto piccoli, sembra più un ragno che una mosca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kirk-Spriggs, A.H., Kotrba, M. & Copeland, R.S. 2011. Further details of the morphology of the enigmatic African fly Mormotomyia hirsuta Austen (Diptera: Mormotomyiidae). African Invertebrates 52 (1): 145-165.[1]
  2. ^ Kenya, scoperto esemplare della "Hirsuta", La Repubblica, 8 dicembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Articolo del Daily Mail con foto

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi