Mops niveiventer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mops niveiventer
Immagine di Mops niveiventer mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Molossidae
Sottofamiglia Molossinae
Genere Mops
Specie M.niveiventer
Nomenclatura binomiale
Mops niveiventer
Cabrera & Ruxton, 1926

Mops niveiventer (Cabrera & Ruxton, 1926) è un pipistrello della famiglia dei Molossidi diffuso nell'Africa centrale e meridionale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza totale tra 104 e 116 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 44 e 48 mm, la lunghezza della coda tra 32 e 37 mm, la lunghezza del piede tra 9 e 11 mm, la lunghezza delle orecchie tra 18 e 20 mm e un peso fino a 30 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è corta e lucida. Le parti dorsali sono marroni scure, talvolta con la punta dei peli bianca, mentre le parti ventrali sono bianche o color crema. La testa è solitamente più scura. Il muso non è estremamente appiattito, il labbro superiore ha 5-6 pieghe ben distinte e ricoperto di corte setole. Le orecchie sono brunastre, relativamente corte, unite anteriormente da una membrana a forma di V che si estende in avanti fino a formare una sacca con l'apertura anteriore, dalla quale fuoriesce in entrambi i sessi una cresta di peli nerastri. Il trago è piccolo, rettangolare con l'estremità appuntita e parzialmente nascosto dietro l'antitrago, il quale è grande, semi-circolare e con il margine superiore chiaro e spesso. È privo di sacche golari. Le membrane alari sono semi-trasparenti, bruno-nerastre o grigio chiare. La coda è lunga, tozza e si estende per più della metà oltre l'uropatagio, la cui superficie ventrale è biancastra.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia in piccoli gruppi all'interno di cavità degli alberi e crepe nei muri di edifici.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di insetti.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Femmine gravide sono state osservate in ottobre, novembre e gennaio, mentre altre che allattavano sono state catturate in gennaio, febbraio e marzo. Danno alla luce un piccolo alla volta.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nella Repubblica Democratica del Congo, Ruanda, Burundi, Tanzania sud-occidentale, Angola centrale, Zambia e Mozambico occidentale.

Vive in savane alberate e boschi di miombo.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la tolleranza alle modifiche ambientali e la popolazione presumibilmente numerosa, classifica M.niveiventer come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Cotterill, F.P.D 2008, Mops niveiventer, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Mops niveiventer, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Happold & Happold, 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Meredith & David C.D.Happold, Mammals of Africa. Volume IV-Hedgehogs, Shrews and Bats, Bloomsbury, 2013. ISBN 9781408122549

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi