Moonlight Shadow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il romanzo di Banana Yoshimoto, vedi Moonlight Shadow (romanzo).
Moonlight Shadow
Maggie Reilly.jpg
Maggie Reilly in uno screenshot del video.
Artista Mike Oldfield
Featuring Maggie Reilly
Tipo album Singolo
Pubblicazione 6 maggio 1983
Durata 3 min : 37 s
Album di provenienza Crises
Dischi 1
Tracce 2
Genere Pop rock
Etichetta Virgin Records
Produttore Mike Oldfield
Simon Phillips
Registrazione 1983
Formati 7", 12"
Mike Oldfield - cronologia
Singolo precedente
(1982)
Singolo successivo
(1983)

Moonlight Shadow è un singolo di Mike Oldfield pubblicato nel 1983 da Virgin Records in formato 7" e 12", estratto dall'album Crises.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Una prima versione del brano intitolata Midnight Passion era invece interpretata dalla cantante britannica Hazel O'Connor.[1] Oldfield aveva contattato Enya per cantare Moonlight Shadow, ma la cantante irlandese rifiutò per motivi di contratto. La parte vocale del brano venne eseguita infine dalla cantante scozzese Maggie Reilly, collaboratrice di Oldfield sin dal 1980. La cantante eseguì il brano in tutti i concerti di Oldfield negli anni ottanta. In seguito la canzone fu spesso interpretata da altre cantanti, incluse Anita Hegerland e Miriam Stockley.

Per il brano, Oldfield utilizzò un dizionario delle rime e registrò il testo una strofa alla volta usando dei vecchi registratori talmente tante volte da usurarli[Che vuol dire?][2]. Secondo quanto dichiarato dal musicista, la Virgin Records fu immediatamente entusiasta del brano e chiese a Oldfield altre canzoni simili a Moonlight Shadow.

In seguito, Oldfield campionò la batteria di Moonlight Shadow per la canzone Man in the Rain, nel suo album del 1998 Tubular Bells III.[3]

Alcuni critici e la maggior parte dei fan inizialmente pensarono che il testo di Moonlight Shadow facesse riferimento all'omicidio di John Lennon, benché Oldfield in un'intervista del 1985 smentisse, in parte, la notizia. Oldfield dichiarò che la principale ispirazione del brano era il film Il mago Houdini, in cui il protagonista, interpretato da Tony Curtis tentava di contattare il celebre mago dall'aldilà. Tuttavia Oldfield ammise anche che al momento della composizione si trovava effettivamente a New York, proprio negli stessi giorni dell'assassinio di Lennon.[4]

Pubblicato inizialmente su 7" e 12", nel 1993 il singolo è stato ristampato in CD singolo per promuovere Elements, il box set di Oldfield.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

7"[modifica | modifica wikitesto]

  1. Moonlight Shadow (7 mix) - 3:37
  2. Rite of Man - 2:21

12"[modifica | modifica wikitesto]

  1. Moonlight Shadow (Extended version) - 5:18
  2. Rite of Man - 2:21

12" (Germania)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Moonlight Shadow - 3:37
  2. Moonlight Shadow (Extended version) - 5:18
  3. Rite of Man - 2:21
  4. To France - 4:43
  5. Jungle Gardenia - 2:45 (Mike Oldfield)
  6. Taurus 3 - 2:25

CD (1988)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Moonlight Shadow (Extended version) - 5:18
  2. Rite of Man - 2:21
  3. To France - 4:44
  4. Jungle Gardenia - 2:44

CD (1993)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Moonlight Shadow - 3:37
  2. Moonlight Shadow (Extended version) - 5:18
  3. In the Pool - 3:40
  4. Bones - 3:19

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo raggiunse la quarta posizione della classifica inglese, diventando il più grande successo di Oldfield, dopo Portsmouth che nel 1976 era arrivata fino al terzo posto. Moonlight Shadow fu un enorme successo in tutta Europa, raggiungendo la vetta delle classifiche in Italia, Austria, Svizzera e Norvegia (quest'ultima per ben sei settimane). Il singolo inoltre rimase due settimane al secondo posto in Germania e conquistò la sesta posizione in Australia.

Classifica (1983) Posizione
raggiunta
Svizzera[5] 1
Austria[5] 1
Paesi Bassi[5] 1
Svezia[5] 1
Norvegia[5] 1
Italia[6] 1
Nuova Zelanda[5] 3
Regno Unito[7] 4
Classifica di fine anno italiana (1983) Posizione
Classifica italiana[6] 6

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Reinterpretazioni[modifica | modifica wikitesto]

Moonlight Shadow nel corso degli anni è stata oggetto di numerose cover, fra le quali quelle dei The Shadows, Suidakra, Laurent Voulzy, Nolwenn Leroy, Annie Haslam storica meraviglia vocale dei Renaissance, KBO!, Ruslana, Luca Noise, Italobrothers, Groove Coverage e dei Noprove. Soprattutto la versione dei Groove Coverage nel 2002 ottenne un notevole successo in Germania.

Moonlight Shadow è stata utilizzata come colonna sonora nei titoli di apertura dei film di Natale Vacanze di Natale e Vacanze di Natale 2000 di Carlo Vanzina, con Christian De Sica e Massimo Boldi. Il Brano è stato anche remixato dal DJ Gigi D'Agostino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oldfield albums part 2, Toucan Solutions. URL consultato il 29 marzo 2008.
  2. ^ Filmato audio Archiv Sendung vom 02.04.2008, kulturplatz, Mike Oldfield video interview, SF 1, 2 aprile 2008. URL consultato l'8 aprile 2008.
  3. ^ Rare Tracks, Ommadawn.net. URL consultato il 29 marzo 2008.
  4. ^ Gareth Randall Interviews Mike Oldfield
  5. ^ a b c d e f Moonlight Shadow su italiancharts.com, italiancharts.com. URL consultato il 12 luglio 2011.
  6. ^ a b hitparadeitalia.it, http://www.hitparadeitalia.it/hp_yends/hpe1983.htm . URL consultato il 12 luglio 2011.
  7. ^ Moonlight Shadow su chartstats.com, chartstats.com. URL consultato il 12 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2012).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock