Mookie Betts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mookie Betts
Mookie Betts on May 31, 2016.jpg
Mookie Betts con i Red Sox nel 2016
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 175 cm
Peso 81 kg
Baseball Baseball pictogram.svg
Ruolo Esterno
Squadra Boston Red Sox
Carriera
Squadre di club
2014-Boston Red Sox
Statistiche
Batte destro
Lancia destro
Media battuta ,303
Valide 789
Punti battuti a casa 390
Fuoricampo 110
Punti 478
Basi totali 1 350
Basi rubate 110
Palmarès
World Series 1
MVP dell'American League 1
All-Star 4
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 2018

Mookie Betts, nato Markus Lynn Betts (Brentwood, 7 ottobre 1992), è un giocatore di baseball statunitense, esterno destro ed esterno centro per i Boston Red Sox della Major League Baseball.

Betts fu scelto dai Red Sox nel draft del 2011, e debuttò nella MLB nella stagione 2014,[1] messo in campo come seconda base. Nel 2015 passò al ruolo di esterno centro e nel 2016 divenne esterno destro.[2]

Per le sue caratteristiche tecniche, è stato spesso paragonato a Dustin Pedroia.[3]

Carriera scolastica[modifica | modifica wikitesto]

Betts frequentò la John Overton High School a Nashville, Tennessee, giocando come seconda base, interbase ed esterno.[4]

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Draft[modifica | modifica wikitesto]

I Boston Red Sox scelsero Betts nel quinto giro del draft MLB del 2011 come 172ª scelta assoluta.[5] Dopo una lunga trattativa,[6] Betts decise di rescindere il suo impegno con l'Università del Tennessee, firmando un contratto con la franchigia.[7]

Leghe minori[modifica | modifica wikitesto]

Betts giocò una partita nel 2011 per la GCL Red Sox della Gulf Coast League, mettendo a segno due valide su quattro apparizioni in battuta.[8] Nel 2012 giocò come interbase per i Lowell Spinners della New York-Penn League.

Betts iniziò la stagione 2013 con i Greenville Drive della South Atlantic League (livello A-) e venne selezionato per il South Atlantic League All-Star Game.[9]

Il 9 luglio 2013 venne promosso nei Salem Red Sox della Carolina League (livello A+),[10] e venne nominato Offensive Player of the Year e Breakout Player of the Year nella Minor League Baseball.[8]

Betts con la maglia dei Pawtucket Red Sox nel 2014

Betts iniziò la stagione 2014 con i Portland Sea Dogs della Eastern League (livello AA) e il 3 giugno venne promosso nei Pawtucket Red Sox della International League (AAA).[11]

Betts venne promosso nei Red Sox 28 giugno 2014.[12][13]

Boston Red Sox[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò il 29 giugno 2014, allo Yankee Stadium di New York City, in una partita contro i New York Yankees.[14] Venne nuovamente spostato nei Pawtucket (AAA) il 19 luglio quando Shane Victorino venne tolto dalla lista infortunati,[15] e richiamato nei Red Sox il 1º agosto successivo.[16]

Nel 2016, Betts fu convocato per suo primo All-Star Game, fu premiato come miglior giocatore dell'American League del mese di luglio e divenne il primo giocatore a raggiungere le 200 valide in quella stagione.[17][18] La sua annata si chiuse con una media battuta di .318, 214 valide, 122 punti segnati, 42 doppi, 31 fuoricampo, 113 punti battuti a casa (RBI) e guidando la MLB con 359 basi totali.

Betts mantenne una striscia di 129 apparizioni in battuta senza subire strikeout dal 12 settembre 2016 fino al 19 aprile 2017, quando ne subì uno contro Francisco Liriano dei Toronto Blue Jays.[19] Il 2 luglio, in una gara a Toronto, batté 8 RBI nella vittoria per 15-1. Lo stesso giorno fu selezionato per il suo secondo All-Star Game.[20] Inizialmente chiamato come riserva, fu promosso come titolare a causa dell'infortunio di Mike Trout. A fine anno vinse il suo secondo Guanto d'oro per le sue prestazioni a livello difensivo.[21]

Nel 2018 Betts guidò la MLB in media battuta (.346), media bombardieri (.640) e punti segnati (129). I Red Sox conclusero la stagione regolare con un record di 108–54, andando a vincere le World Series contro i Los Angeles Dodgers.[22] A fine anno vinse il terzo Guanto d'oro consecutivo,[23] e il 15 novembre fu premiato come MVP dell'American League, ricevendo 28 voti su 30 per il primo posto. Divenne così il primo giocatore della storia dell'AL a vincere le World Series, il Guanto d'oro, il Silver Slugger e il titolo di MVP nella stessa stagione.[24]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Boston Red Sox: 2018

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2018[25]
2016, 2017, 2018, 2019
2016, 2018
2016, 2017, 2018[26]
  • Miglior battitore dell'American League: 1
2018
  • Giocatore del mese della AL: 1
(luglio 2016)
  • Giocatore della settimana della AL: 3
(21-27 giugno 2015, 14-20 maggio 2017, 2-8 luglio 2017)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mookie Betts Statistics and History | Baseball-Reference.com, su Baseball-Reference.com. URL consultato il 16 maggio 2016.
  2. ^ (EN) Mookie Betts » Statistics » Batting » Fielding | FanGraphs Baseball, su fangraphs.com. URL consultato il 16 maggio 2016.
  3. ^ (EN) Mookie Betts Is Dustin Pedroia All Over Again | FanGraphs Baseball, in FanGraphs Baseball. URL consultato il 27 aprile 2017.
  4. ^ (EN) Why the Mookie Betts position question is really an answer, su weei.com, 5 aprile 2016. URL consultato il 27 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2016).
  5. ^ (EN) Draft Tracker | 2011 First-Year Player Draft, su Major League Baseball. URL consultato il 27 aprile 2017.
  6. ^ Mookie Betts is rising fast in Red Sox system - The Boston Globe, in BostonGlobe.com. URL consultato il 27 aprile 2017.
  7. ^ (EN) Mookie Betts starts pro career with Spinners, in The Tennessean. URL consultato il 27 aprile 2017.
  8. ^ a b Mookie Betts | SoxProspects.com, su www.soxprospects.com. URL consultato il 27 aprile 2017.
  9. ^ (EN) South Atlantic League Announces All-Star Rosters | BaseballAmerica.com, in BaseballAmerica.com, 4 giugno 2013. URL consultato il 27 aprile 2017.
  10. ^ Mookie Betts promoted to Salem, su news.soxprospects.com. URL consultato il 27 aprile 2017.
  11. ^ (EN) Report: Hot Prospect Mookie Betts to Get Call-up to PawSox, in Boston.com, 3 giugno 2014. URL consultato il 27 aprile 2017.
  12. ^ (EN) Red Sox promote OF Betts, send down RHP De La Rosa, in ESPN.com. URL consultato il 27 aprile 2017.
  13. ^ (EN) Ian Browne, Phenom Mookie Betts called up to Red Sox, su Boston Red Sox. URL consultato il 27 aprile 2017.
  14. ^ (EN) Betts hits big time on biggest stage, in ESPN.com. URL consultato il 27 aprile 2017.
  15. ^ (EN) Red Sox activate Shane Victorino, option Mookie Betts, su Major League Baseball. URL consultato il 27 aprile 2017.
  16. ^ (EN) Bradley Jr. sent to Pawtucket, Betts called up, in Comcast SportsNet - CSNNE.com, 18 agosto 2014. URL consultato il 27 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2014).
  17. ^ Cash Kruth, Mookie Betts wins AL Player of the Month for July, su mlb.com, 3 agosto 2016. URL consultato il 4 luglio 2017.
  18. ^ Ian Browne, Betts joins elite company with 200th hit, su mlb.com, 21 settembre 2016. URL consultato il 4 luglio 2017.
  19. ^ Ian Browne, Betts' long streak without a strikeout ends, MLB. URL consultato il 4 luglio 2017.
  20. ^ (EN) Rising All-Stars! Elite players Miami-bound (MLB.com), 2 luglio 2017. URL consultato il 3 luglio 2017.
  21. ^ (EN) Elite defenders honored with Gold Gloves, MLB.com, 7 novembre 2017. URL consultato l'8 novembre 2017.
  22. ^ Boston Red Sox win 2018 World Series., MLB. URL consultato il 16 novembre 2018.
  23. ^ Mookie Betts, Jackie Bradley Jr. among three Red Sox players named Gold Glove winners, su WCVB-TV, 4 novembre 2018.
  24. ^ Batting champ Mookie Betts wins AL MVP, su Baseball Writers' Association of America, 15 novembre 2018. URL consultato il 16 novembre 2018.
  25. ^ (EN) 2018 BBWAA MVP winners, su MLB.com. URL consultato il 16 novembre 2018.
  26. ^ (EN) 2018 Gold Glove winners announced, su MLB.com. URL consultato il 5 novembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54153288253432651018 · WorldCat Identities (EN54153288253432651018