Monumento ad Anita Garibaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monumento ad Anita Garibaldi
Monument to Anita Garibaldi in Rome (1).jpg
La statua di Anita Garibaldi, situata sul Gianicolo, colle di Roma
AutoreMario Rutelli
Data1932
Materialebronzo e marmo
UbicazioneColle del Gianicolo, Roma
Coordinate41°53′36.2″N 12°27′36.54″E / 41.893389°N 12.460151°E41.893389; 12.460151

Il monumento ad Anita Garibaldi è una grande statua equestre installata al Gianicolo, a Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Voluto dal governo Mussolini per custodire le spoglie di Anita Garibaldi, il monumento fu realizzato dallo scultore Mario Rutelli e venne inaugurato il 4 giugno 1932 dalla regina Elena del Montenegro, nell'ambito delle celebrazioni per il 50º anniversario della morte di Giuseppe Garibaldi.

Le fusioni in bronzo furono completate all'inizio del novembre 1931 e nello stesso mese ebbero inizio i lavori di costruzione del basamento marmoreo e del piedistallo.

Due giorni prima dell'inaugurazione, il 2 giugno, i resti di Anita, esumati dalla tomba di Nizza dopo una lunga trattativa con il Governo francese, giunsero a Roma a bordo di un treno speciale. La bara, portata a spalla da cinque ex Garibaldini, fu avvolta nello stesso tricolore che per volere di Garibaldi aveva ornato il feretro di Mazzini nel 1872.

Accompagnarono la salma verso il nuovo e definitivo sacello i componenti della famiglia Garibaldi, un centinaio di ex Garibaldini e Cacciatori delle Alpi superstiti, il presidente del Consiglio Benito Mussolini, attorniato dalle più alte autorità civili e militari, le delegazioni diplomatiche straniere inviate dai governi di Brasile, Francia, Uruguay, Inghilterra, Polonia, Ungheria, Cuba, Grecia e Giappone, oltre una grande folla di cittadini.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La statua bronzea rappresenta uno degli episodi più celebri dell'esistenza di Anita Garibaldi, raffigurandola a cavallo, con la pistola in pugno e sorreggendo il figlio neonato Menotti, mentre cerca di sottrarsi alla cattura nell'accampamento di São Luís, accerchiato dalle truppe imperiali durante la Guerra dei Farrapos.

Il dado del piedistallo è ornato, sui quattro lati, da pannelli bronzei che raffigurano, in altorilievo, episodi dei quali Anita fu protagonista:

  • I due pannelli posti a est e sud compongono un'unica scena, dove Anita guida una formazione di soldati in marcia nelle Pampas.
  • Il pannello posto a ovest rappresenta Anita alla ricerca del corpo di Garibaldi tra i caduti della battaglia di Curitibanos, dove ella credeva che l'Eroe dei due mondi fosse stato colpito.
  • Il pannello posto a nord raffigura Anita sorretta da Garibaldi, durante la fuga nelle Valli di Comacchio.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]