Monteleto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monteleto
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Umbria-Stemma.svg Umbria
ProvinciaProvincia di Perugia-Stemma.svg Perugia
ComuneGubbio-Stemma.svg Gubbio
Territorio
Coordinate43°22′47.35″N 12°30′30.38″E / 43.37982°N 12.50844°E43.37982; 12.50844 (Monteleto)
Altitudine454 m s.l.m.
Abitanti161 (Dati ISTAT 2001)
Altre informazioni
Cod. postale06024
Prefisso075
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Monteleto
Monteleto

Monteleto è una piccola frazione del comune di Gubbio (PG), situata a circa 4 km in direzione Nord/Ovest rispetto alla città, ad un'altitudine di 454 m s.l.m. Secondo i dati Istat del 2001, era abitata da 161 residenti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

All'epoca romana fu un importante centro religioso cristiano e pagano. Ciò è dimostrato dalla presenza, oltre che di una chiesa, di un tempio dedicato alla dea Diana, di cui ormai rimangono solo pochi indizi, in quanto venne distrutto in epoca imprecisata. La chiesa di santa Illuminata, situata al centro del borgo, è l'unica chiesa presente nella frazione. La data della sua costruzione non è nota, ma il documento più antico che la cita risale al 1295/1296.

Il toponimo deriva da Monte di Leto, nome quest'ultimo largamente presente nei documenti finora ritrovati.

Prima della sua istituzione come comune vi esisteva un castello, che probabilmente si trovava sul versante nord di Monteleto, in posizione tale da controllare le valli sottostanti dell'Assino e del Rave: aveva il preciso compito di difendere ed amministrare il proprio territorio attraverso un castellano, un capitano, un notaio, alcuni soldati ed altri dipendenti. In nessun documento si sono trovate la data e le circostanze della sua scomparsa.

Economia e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Come per la maggior parte delle frazioni del territorio eugubino, l'economia si basa principalmente sull'agricoltura e sullo sfruttamento sostenibile del legname boschivo: sulle pendici del monte da cui prende il nome la frazione, si estende un vasto lecceto composto da colossali lecci. Particolarmente sviluppate sono le colture dell'olio e della vite.

Monumenti e luoghi d'arte[modifica | modifica wikitesto]

  • Villa Benveduti venne edificata forse in epoca postmedievale, secondo la tradizione popolare, sui resti di un'antica cisterna d'epoca romana; si sviluppa su tre piani ed è circondata da un giardino all'italiana, inserito in un ampio parco ornato da piante secolari. Nella residenza si può ammirare, all'interno della chiesetta privata dedicata a sant'Andrea Avellino, una tela del Reposati, allievo del Lapis, che raffigura l'iconografia tipica del Santo. La chiesetta è stata eretta in ricordo del marchese Bartolomeo Benveduti.
    La Villa fu ampliata e ristrutturata nella seconda metà del 1700 e presenta saloni dalle variegate colorazioni e dalle pareti affrescate con stucchi originali.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Nelle vicinanze della casa parrocchiale sorge un campo di calcio, oggi incustodito, dove si svolgevano gli allenamenti, e alcune delle partite locali dell'ormai ex-squadra "Victoria Mocaiana".

Associazioni sportive[modifica | modifica wikitesto]

Il circolo parrocchiale C.P. Mocaiana forma squadre di calcio a 5 e calcio a 7, le quali prendono parte ai tornei locali organizzati dal C.S.I. (Centro Sportivo Italiano), Comitato di Gubbio.

  Portale Umbria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Umbria