Monte Zappi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monte Zappi
Monte Zappi Snow.JPG
Monte Zappi visto da circa 15 km di distanza dopo una nevicata marzolina.
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
Altezza1 271[1] m s.l.m.
CatenaMonti Lucretili nel Subappennino laziale negli Appennini
Coordinate42°03′22.43″N 12°48′31.46″E / 42.05623°N 12.80874°E42.05623; 12.80874Coordinate: 42°03′22.43″N 12°48′31.46″E / 42.05623°N 12.80874°E42.05623; 12.80874
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Zappi
Monte Zappi

Il Monte Zappi[2] (conosciuto prevalentemente anche come Monte Gennaro o Pizzo di Monte Gennaro) è la seconda cima dei monti Lucretili, nel Lazio, nella provincia di Roma, posta tra i comuni di Palombara Sabina, Marcellina e San Polo dei Cavalieri. Con i suoi 1271 metri di altezza, è la cima più alta visibile dalla zona est di Roma, nonché uno dei luoghi più panoramici sulla città stessa e sull'Agro Romano assieme al Monte Guadagnolo, al Tuscolo e a Monte Cavo, con una prominenza di oltre 1000 metri di dislivello rispetto alla campagna romana. Fa parte del gruppo di Monte Gennaro anche il Monte Morra (1036 m) posto più a sud della linea di cresta di Monte Zappi ai confini con i Monti Tiburtini.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La montagna si presenta boscosa ricoperta di arbusti e bassa vegetazione quasi fino alla sommità e particolarmente sassosa, mentre sul versante est è posto un piccolo altopiano carsico in quota (Pratone di Monte Gennaro).

Dalla vetta si gode di un'eccezionale visuale a 360°: oltre alle altre cime dei Monti Lucretili tra cui il Monte Pellecchia, si riesce infatti scorgere a ovest le cittadine di Mentana e Monterotondo, Mar Tirreno, la Capitale e la campagna romana con la zona di Tivoli-Guidonia Montecelio e j Monti Cornicolani, a nord ovest il Lago di Bracciano con i Monti Sabatini, i Monti Cimini, il Monte Soratte e i Monti Volsini, verso est si scorgono le cime maggiori dell'Appennino abruzzese, il Terminillo, i gruppi montuosi di Monte Giano, Monte Nuria, Monte Calvo e Monte Cava, le Montagne della Duchessa, il Monte Velino, i Monti Carseolani, i Monti Simbruini, i Monti Ruffi, a sud e sud-ovest i Monti Tiburtini, i Monti Prenestini, i Colli Albani e addirittura il Corno Grande e il Monte Amiata in particolari condizioni atmosferiche. Nei decenni passati una cestovia collegava l'abitato di Palombara Sabina con la vetta della montagna[3].

Numerosi sono i sentieri del CAI portano alla vetta. Il più famoso è il sentiero che parte dal paese di Marcellina, detto della "Scalpellata" sentiero n. 301. Chiamato così perché buona parte del sentiero è stato realizzato "scalpellando" la roccia per consentire il passaggio degli animali da soma sul sentiero. Con i suoi 950 metri di dislivello su un percorso di poco superiore a 5 Km fino alla vetta, risulta essere uno dei percorsi più amati dagli amanti della montagna di Roma e provincia. La durata complessiva del percorso a/r è di circa 4 ore e 30. [1]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]