Monte Titano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Geografia di San Marino.

Monte Titano
Monte Titano.jpg
Il monte Titano
StatoSan Marino San Marino
CastelloCittà di San Marino
Borgo Maggiore
Altezza755 m s.l.m.
Prominenza189 m
CatenaAppennino tosco-romagnolo
Coordinate43°55′40.8″N 12°27′07.2″E / 43.928°N 12.452°E43.928; 12.452Coordinate: 43°55′40.8″N 12°27′07.2″E / 43.928°N 12.452°E43.928; 12.452
Data prima ascensione301
Autore/i prima ascensioneSan Marino diacono
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: San Marino
Monte Titano
Monte Titano
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Centro storico di San Marino e monte Titano
(EN) San Marino Historic Centre and Mount Titano
Fortress of Guaita 2013-09-19.jpg
TipoCulturali
Criterio(iii) (iv) (vi)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2008
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda
Il monte Titano

Il monte Titano (in romagnolo mont Titén) è un rilievo montuoso dell'Appennino tosco-romagnolo, in particolare dell'Appennino riminese, che si eleva sino 755 m sul livello del mare; essendo il principale rilievo della Repubblica di San Marino, a causa della sua grande estensione il suo nome viene spesso utilizzato per riferirsi alla Repubblica stessa.

Sulle sue cime si trovano le tre rocche della Città di San Marino; la prima si chiama Rocca o Guaita, la seconda Cesta o Fratta e la terza si chiama Montale. Le sue falde si trovano tra il castello della Città di San Marino e Borgo Maggiore.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il monte Titano si presenta come un aspro sperone calcareo, situato più vicino al mare rispetto alla catena degli Appennini, che emerge per 200 metri d'altezza sopra un basamento d'argilla situato a 500 metri sopra il livello del mare. In linea d'aria dista soli 13 chilometri dal mar Adriatico.

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'era terziaria dove ora sorge la Repubblica c'era il mare. Violenti terremoti provocavano grossi sconvolgimenti della superficie terrestre e, a causa di uno di questi fenomeni, una massa rocciosa distante circa 80 chilometri dall'attuale monte, venne sollevata e lentamente scivolò verso il mar Adriatico. Questa massa rocciosa diede origine a vari monti tra cui il Fumaiolo e il monte Titano. Secondo gli esperti il Titano è soggetto ad un irregolare sollevamento bradisismico che fa strapiombare gli edifici nella zona della Città di San Marino.

Ritrovamenti fossili[modifica | modifica wikitesto]

I fossili di vertebrati ritrovati sulle pendici del monte Titano sono per lo più di pesci poiché nella zona dove sorge la Repubblica un tempo c'era il mare. I fossili ritrovati sono in maggioranza denti, soprattutto di squali. Il ritrovamento fossile più importante è quello del cranio e di alcune vertebre di un cetaceo miocenico, Titanocetus sammarinensis, così chiamato per onorare il monte e conservato oggi nel Museo geologico Cappellini di Bologna. Una copia si trova nel Centro Naturalistico Sammarinese.

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal monte nascono alcuni torrenti, tra i quali il San Marino che si getta nel fiume Marecchia in località Torello e sfocia nel mar Adriatico a 23 chilometri di distanza, il Cando che si getta nel Marano e sfocia nel mar Adriatico tra Rimini e Riccione e l'Ausa che sfocia a Rimini nell'Adriatico.

Vegetazione[modifica | modifica wikitesto]

Sul monte si possono trovare castagni, cerri, maggiociondoli, lecci, cipressi, abeti bianchi e alcuni arbusti come la ginestra, il pungitopo e gli asparagi tipici delle zone più aride, come appunto il territorio sotto le tre torri. Sulle rupi del monte Titano è presente inoltre l'Ephedra nebrodensis, pianta tipica della Sicilia e della Sardegna. In linea d'aria dista 17 km dal mare.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

La fauna selvatica è rappresentata da tutte le classi di vertebrati e, date le caratteristiche montane del territorio, uccelli e mammiferi sono gli animali più diffusi.

Tra essi possiamo ricordare il gheppio, il barbagianni, la civetta, l'allocco, la gazza e la poiana per quanto riguarda gli uccelli e il capriolo, il cinghiale, il daino, la donnola, la faina, l'istrice, la lepre, la puzzola, il riccio, il tasso e la volpe.

Prima ascensione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la leggenda, Marino, tagliapietre di Arbe (Dalmazia), giunto a Rimini, si rifugiò sul monte Titano per sfuggire alle persecuzioni anticristiane e lì vi fondò una comunità religiosa. Nell'arte il santo viene sempre rappresentato con il monte Titano tra le mani.

Patrimonio dell'umanità[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 2008 il monte Titano è stato inserito dall'UNESCO tra i patrimoni dell'umanità, in coppia con il centro storico di San Marino.[1] La motivazione data dal comitato parla di "testimonianza della continuità di una repubblica libera fin dal Medioevo".[2] In particolare sono stati iscritti nel patrimonio: torri, mura, porte e bastioni, la basilica di San Marino dell'Ottocento, alcuni conventi del XIV e XVI secolo, il teatro Titano del XVIII secolo ed il Palazzo Pubblico del XIX secolo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN246668501 · GND (DE4298637-0