Monte Grammondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monte Grammondo
Monte Grammondo.JPG
Il monte Grammondo innevato visto da Bordighera
StatiItalia Italia
Francia Francia
RegioneLiguria Liguria
Blason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
ProvinciaImperia Imperia
Arms of Nice.svg Alpi Marittime
Altezza1 378 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate43°50′29.04″N 7°30′31.32″E / 43.8414°N 7.5087°E43.8414; 7.5087Coordinate: 43°50′29.04″N 7°30′31.32″E / 43.8414°N 7.5087°E43.8414; 7.5087
Altri nomi e significatiGrandmont
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Grammondo
Monte Grammondo
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Grammondo
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Sud-occidentali
SezioneAlpi Marittime e Prealpi di Nizza
SottosezionePrealpi di Nizza
SupergruppoGruppo Rocaillon-Grand Braus
GruppoCatena Braus-Razet-Grandmont
CodiceI/A-2.II-A.2

Il Monte Grammondo (Mont Grammond in francese) è una montagna delle Alpi Marittime e Prealpi di Nizza alta 1.378 m., al confine tra Italia e Francia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La montagna è formata da calcari del Giurassico (170 milioni di anni fa). Sulla cima si trova una croce e nei suoi pressi un monumento ai caduti[1]. La flora è costituita da pini d'Aleppo, lecci, ginepri ed eriche.

Inoltre è il punto più vicino al mare nell'arco alpino occidentale ad ospitare una popolazione stabile di camosci alpini, costituendo un limite geografico per la specie[2]; la stessa popolazione rupicaprina vive in una situazione di semi-isolamento, visto che le variazioni della popolazione (oltre a nascite e decessi naturali) è dovuta all'arrivo di soggetti giovani erranti, o alla loro emigrazione, dato che non vi è una totale continuità geografica con il resto della popolazione rupicaprina; questa situazione è molto preoccupante, visto che un eventuale malattia o catastrofe può distruggere la presenza della specie nel luogo.

Accesso alla cima[modifica | modifica wikitesto]

Il Grammondo è raggiungibile a piedi dagli abitati di Sospel (in territorio francese), Olivetta, Torri, San Pancrazio e Villatella (tramite il Passo del Cornà), paesi situati nella valle del Bevera, e da Castellar e Castillon, che sorgono nelle valli mentonasche, appartenenti alla Francia.

Punti di appoggio[modifica | modifica wikitesto]

A 1.010 m d'altezza, nei pressi della cima, si trova il rifugio Patrick Gambino, di proprietà del CAI di Ventimiglia, ricostruito nel 1995, con 14 posti letto[3].

Sito di interesse comunitario[modifica | modifica wikitesto]

Il Sito di interesse comunitario (SIC) "Monte Grammondo - Torrente Bevera".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Montagna Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di montagna