Monte Colmet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monte Colmet
Mont Colmet
Vetta monte Colmet.jpg
La vetta della montagna. In primo piano la sella che la divide dalla vetta nord. Sullo sfondo il ghiacciaio del Rutor.
StatoItalia Italia
RegioneValle d'Aosta Valle d'Aosta
Altezza3 023 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate45°41′59.03″N 6°59′19.1″E / 45.69973°N 6.98864°E45.69973; 6.98864
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Colmet Mont Colmet
Monte Colmet
Mont Colmet
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Colmet
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Nord-occidentali
SezioneAlpi Graie
SottosezioneAlpi della Grande Sassière e del Rutor
SupergruppoCatena Rutor-Léchaud
GruppoGruppo del Rutor
SottogruppoSottogruppo del Monte Colmet
CodiceI/B-7.III-B.3.c

Il Monte Colmet (AFI: [kɔlmɛ]; ufficialmente mont Colmet, in francese[1] - detto anche mont Cormet - 3.023 m s.l.m.[2]) è una montagna delle Alpi della Grande Sassière e del Rutor che si trova in Valle d'Aosta.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

La versione non ufficiale Cormet è frutto di una mutazione consonantica l>r tipica del francoprovenzale.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il monte Colmet visato dal lago d'Arpy. La vetta nord è quella in secondo piano. La vetta principale (quella sud) è coperta dall'anticima.

La montagna si trova tra i comuni di La Thuile e Morgex.

È costituita di due vette collegate tra di loro da una sella. La vetta sud è quella più alta ed è nell'ultimo tratto di natura alpinistica mentre quella nord è di natura escursionistica e dalla quale si gode di un panorama più ampio sul massiccio del Monte Bianco e su vari altri gruppi alpini valdostani.

Salita alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

Si può salire sulla vetta partendo dal colle San Carlo. Dapprima di sale al lago d'Arpy; poi si superano i due salti rocciosi che conducono al lago di Pietra Rossa (o Lac de Pierre Rouge[3] in francese - 2.559 m); infine si risale il versante nord-est della montagna fino a raggiungere la sella posta tra le due vette.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Geonavigatore RaVdA.
  2. ^ (FR) Philippe Ertlen, Ski de randonnée Vallée d'Aoste: 109 itinéraires et 6 raids de ski alpinisme, Editions Olizane, 2018, p. 15. URL consultato il 29 luglio 2020.
  3. ^ Lovevda

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]