Montagu Bertie, VI conte di Abingdon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Montagu Bertie

Lord luogotenente del Berkshire
Durata mandato 1854 –
1881
Monarca Vittoria
Predecessore Montagu Bertie, V conte di Abingdon
Successore George Craven, III conte di Craven

Dati generali
Suffisso onorifico Conte di Abingdon
Università Trinity College

Montagu Bertie, VI conte di Abingdon (Londra, 19 giugno 1808Londra, 8 febbraio 1884) è stato un politico inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio di Montagu Bertie, V conte di Abingdon, e della sua prima moglie, Emily Gage, figlia del generale Thomas Gage[1]. Frequentò l'Eton College e il Trinity College.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1830 deputato per Oxfordshire, carica che mantenne fino al 1831. È stato poi eletto deputato per Abingdon nel 1852 e successe al titolo nel 1854 e divenne Lord luogotenente del Berkshire, lasciando il suo posto nella Camera dei comuni.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 7 gennaio 1835 a Nuneham, Elizabeth Lavinia Vernon-Harcourt, figlia di George Harcourt. Ebbero nove figli[2]:

  • Montagu Bertie, VII conte di Abingdon (13 maggio 1836-10 marzo 1928);
  • Lady Elizabeth Emily Bertie (1838-4 maggio 1923)
  • Lady Lavinia Louisa Bertie (1843-5 luglio 1928), sposò Robert Bickersteth, non ebbero figli;
  • Francis Bertie, I visconte Bertie di Thame (17 agosto 1844-26 settembre 1919);
  • Alberic Edward Bertie (14 novembre 1846-20 marzo 1928), sposò Lady Caroline McDonnell, ebbero sette figli;
  • Lady Frances Evelyn Bertie (1848-9 agosto 1929);
  • George Aubrey Vere Bertie (2 maggio 1850-8 novembre 1926), sposò Harriet Farquhar, ebbero tre figli;
  • Charles Claude Bertie (31 agosto 1851-4 settembre 1920), sposò Adelaide Burroughs, non ebbero figli;
  • Reginald Henry Bertie (26 maggio 1856-15 giugno 1950), sposò Lady Amy Courtenay, non ebbero figli.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 8 febbraio 1884, all'età di 75 anni, Mayfair, Londra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert P. Dod, The Peerage, Baronetage and Knightage of Great Britain and Ireland, London, Whitaker and Co., 1860, pp. 81–82.
  2. ^ Darryl Lundy, p. 2572 § 25716, su thepeerage.com. URL consultato il 25 luglio 2010.