Monchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monchi
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 183[1] cm
Peso 80[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Ritirato 1999
Carriera
Squadre di club1
1988-1990Siviglia Atlético37 (-30)
1990-1999Siviglia83 (-97)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 dicembre 2016

Ramón Rodríguez Verdejo, noto semplicemente come Monchi (San Fernando, 20 settembre 1968), è un dirigente sportivo ed ex calciatore spagnolo, di ruolo portiere. È l'attuale direttore sportivo del Siviglia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Monchi ha giocato per l'intera carriera nelle file del Siviglia. Ha cominciato la carriera nella squadra riserve del succitato club, il Siviglia Atlético, venendo schierato titolare nella sfida del 3 settembre 1989 vinta per 0-3 in casa del Salud, partita valida per la Segunda División B.[2]

Il 13 gennaio 1991 ha avuto l'opportunità di debuttare con la prima squadra in Primera División, impiegato da titolare nel pareggio per 1-1 maturato sul campo della Real Sociedad.[3] Al termine del campionato 1996-1997, il Siviglia è retrocesso in Segunda División: Monchi è rimasto in squadra per un ulteriore biennio, sempre nei cadetti, prima di ritirarsi dall'attività agonistica nel 1999.

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Il Siviglia è tornato in Primera División proprio nel campionato 1998-1999, per retrocedere nuovamente nell'anno successivo. Dopo questo risultato Monchi è stato nominato direttore sportivo della società andalusa,[4] con l'obiettivo di sviluppare il settore giovanile e individuare potenziali promesse da acquistare prima che venissero notati dai grandi club.[4] Sotto la sua gestione, dalla cantera sono arrivati in prima squadra, tra gli altri, José Antonio Reyes, Sergio Ramos, Diego Capel, Jesús Navas e Alberto Moreno;[4][5] tra i calciatori acquistati e spesso rivenduti a cifre molto più vantaggiose, figurano invece Dani Alves, Luís Fabiano, Júlio Baptista, Álvaro Negredo e Federico Fazio.[4][5] Le cessioni dei calciatori da lui ingaggiati hanno portato al Siviglia una cifra stimata in 300 milioni di euro[6], guadagnandosi così l'appellativo di "Cassiere di Siviglia".[7]

Il 30 marzo 2017 lascia, di comune accordo con la dirigenza, la squadra biancorossa,[8] per assumere dal successivo 24 aprile il ruolo di direttore sportivo della Roma. Sotto la sua dirigenza, nella stagione 2017-2018, i giallorossi tornano a disputare la semifinale della Champions League per la prima volta dal 1984. L'8 marzo 2019, in seguito all'esonero di Eusebio Di Francesco, risolve consensualmente il contratto con la società capitolina.[9]

Il 17 marzo 2019 viene ufficializzato il ritorno al Siviglia nel ruolo di direttore sportivo, a soli due anni dal suo addio.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ES) Monchi: Ramón Rodríguez Verdejo, su bdfutbol.com. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  2. ^ (ES) Salud - Sevilla Atlético (0 - 3) 03/09/1989, su bdfutbol.com. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  3. ^ (ES) Real Sociedad - Sevilla (1 - 1) 13/01/1991, su bdfutbol.com. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  4. ^ a b c d (EN) The Mastery Of "Monchi": The Power Behind Sevilla’s Throne, su bleacherreport.com. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  5. ^ a b (EN) The secret behind Sevilla’s success? Meet Monchi, the transfer wizard, su theguardian.com. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  6. ^ (EN) Monchi: The man who made Sevilla, su espnfc.com. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  7. ^ Da eroe a “cassiere”, la partita di Monchi, su forzaroma.info. URL consultato il 18 settembre 2018.
  8. ^ EL SEVILLA FC LLEGA A UN ACUERDO CON MONCHI PARA SU SALIDA sevillafc.es
  9. ^ L’AS Roma e Monchi risolvono consensualmente il proprio rapporto di lavoro, su www.asroma.com. URL consultato l'8 marzo 2019.
  10. ^ MONCHI REGRESA AL SEVILLA FC COMO DIRECTOR GENERAL DEPORTIVO sevillafc.es

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]