Monache certosine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le certosine sono religiose di voti solenni.

La beata Beatrice d'Ornacieux in un dipinto di Daniele Crespi

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del ramo femminile dell'Ordine certosino sono piuttosto oscure: il primo monastero femminile (quello di Prébayon, in Provenza), originariamente soggetto alla regola di san Cesario d'Arles, si affiliò all'ordine tra il 1140 e il 1150 (sotto il priorato di Giovanni a Montrieux).[1]

Le monache osservarono sempre la stessa regola dei religiosi maschi; solo dopo il concilio Vaticano II vennero elaborati statuti autonomi, approvati e promulgati dal capitolo generale del 1973. Le monache dipendono dal ministro generale dei monaci; ogni monastero è autonomo ed è retto da una priora coadiuvata, nell'esercizio delle sue funzioni, da alcune ufficiali (la vicepriora, la procuratrice, la maestra delle novizie...).[1]

Dati statistici[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2005 i monasteri femminili certosini erano 4 e le religiose (tra professe e novizie) erano 49.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b DIP, vol. II (1975), coll. 772-782, voce a cura di certosina anonima.
  2. ^ Ann. Pont. 2007, p. 1524.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo