Moisej Jakovlevič Ginzburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Moisej Jakovlevič Ginzburg

Moisej Jakovlevič Ginzburg (in russo: Моисей Яковлевич Гинзбург?; Minsk, 4 giugno 1892Mosca, 7 gennaio 1946) è stato un architetto sovietico.

Uno dei principali teorici del costruttivismo, insieme ai fratelli Vesnin fondò l'Unione degli architetti contemporanei e la rivista Architettura contemporanea (1926-1930). Realizzò numerosi edifici residenziali di transizione verso la comune socialista,[1] tra cui la nota casa del Narkomfin (1928-1930), progettata con Ignatij Milinis e Sergej Prochorov.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RU) Elena Ovsjannikova, Ekaterina Miljutina, Žiloj Kompleks «Dom Narkomfina», 2ª ed., Ekaterinburg, Tatlin, 2016, ISBN 978-5-000750-87-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN36973011 · ISNI (EN0000 0000 8115 4917 · LCCN (ENn80105008 · GND (DE128592486 · BNF (FRcb12243097j (data) · ULAN (EN500025636 · NDL (ENJA00551129 · WorldCat Identities (ENn80-105008