Moira Burton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Moira Burton (in giapponese Moira Baton (モイラ·バートン) è un personaggio appartenente alla serie Resident Evil. Fa la sua prima apparizione in Resident Evil: Revelations 2

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Moira è nata nel 1991 a Raccoon City, dove ha vissuto fino al 1998. Fu costretta a trasferirsi per via del disastro biologico provocato dalla Umbrella Corporation.

Durante il mese di giugno del 1998, suo padre Barry era insieme ad altri membri S.T.A.R.S. in missione e lei, sua madre Kathy e sua sorella minore Polly sono state tenute in ostaggio da Albert Wesker, per ricattare Barry ed aiutarlo a distruggere le prove del proprio coinvolgimento del disastro biologico di Raccoon City.

Quando Wesker finse la propria morte, la famiglia Burton fu messa in salvo. Quando la Umbrella Corporation ha iniziato a perseguitare i superstiti della S.T.A.R.S., Kathy, Moira, e Polly furono trasferite in Canada, mentre Barry continuò, insieme ai suoi colleghi superstiti, le indagini per incastrare la Umbrella Corporation.

Poco tempo dopo il disastro di Raccoon City, Moira e Polly si trovavano a giocare in casa, Barry dimenticò di chiudere a chiave il suo armadietto delle armi, Moira ne prese una e per sbaglio sparò alla sorella Polly. La quale sopravvisse all'incidente, ma i rapporti tra Barry e Moira si complicarono a tal punto da arrivare quasi a l'odio reciproco.

Nel 2011 Moira è diventata un membro della TerraSave, la stessa organizzazione per cui lavora la sua migliore amica Claire Redfield, le due ragazze, insieme ai loro colleghi, vengono rapite da un gruppo sconosciuto, durante un ricevimento nel quartier generale della TerraSave stessa e si ritrovano prigioniere dentro delle celle su di un'isola sconosciuta. I prigionieri hanno al polso uno strano braccialetto, che non solo è difficile da togliere, ma funge anche da ricetrasmittente.

Claire e Moira inizierono ad affrontare numerosi pericoli per sopravvivere, ma allo stesso tempo vengono contattate da una figura misteriosa che si definisce "La Guardiana": attraverso il loro braccialetto, questa darà alle due ragazze delle indicazioni da seguire contro la loro volontà. Claire e Moira scappano dalla prigione e raggiungono una vecchia torre radio e provano ad inviare un S.O.S., scopriranno di essere in un'isola sperduta dalla quale la fuga sarà piuttosto complicata.

Seguendo le indicazioni della guardiana, Claire e Moira incontrano altri due colleghi: Pedro Fernàndez e Gabriel "Gabe" Chàvez. I quattro scampati si raccontano vicenda di aver visto morire dei colleghi, la Guardiana li contatta dicendo loro di averli infettati con un virus che agisce solo quando si manifesta la paura e, che il braccialetto cambia colore secondo il livello di paura dell'infetto. Gabe racconta ai colleghi di aver trovato un elicottero con il quale potrebbero lasciare l'isola, Claire e Moira insieme a Pedro ottengono il necessario per farlo funzionare (una batteria ed una tanica di carburante), ma la Guardiana fa convergere delle altre creature infette nel Kierling in cui si trovano Claire, Moira, Gabe e Pedro, il quale non riuscendo a controllare la propria paura viene infettato dal braccialetto e diventa a sua volta un mostro.

Claire e Moira vengono salvate dalle grinfie del mutato Pedro, grazie a Neil Fisher, diretto superiore di Claire e direttore di TerraSave e di cui la ragazza ha grande fiducia e rispetto. Il trio sarà costretto a separarsi da Gabe e successivamente anche Claire e Moira da Neil. Le due ragazze affrontano altri pericoli e vengono aiutate da una ragazzina, Natalia, (incontrata prima di sfuggita in prigione), anche lei fra le cavie della Guardiana. Claire, Moira e Natalia si recano ai piedi di una strana torre dove il gruppetto pensa sia la Guardiana, ma Natalia viene rapita silenziosamente da una creatura misteriosa. Intanto Gabe raggiunge con l'elicottero il luogo dove si trovano le due colleghe, ma per sfortuna di tutti, la Guardiana sabota a distanza i comandi del mezzo per farlo schiantare con Gabe dentro.

Claire è convinta che Neil sia in pericolo, quindi insieme a Moira seguono, contro la propria volontà, altre indicazioni date dalla Guardiana invece di entrare nella strana torre in cui le due pensano si trovi la malefica cerceriera. Le due ragazze combattono altri pericoli e risolvono svariati enigmi mortali, in seguito all'esplosione della fabbrica in cui si trovano, Claire e Moira proseguono nel condotto fognario che porta al rifugio della Guardiana. Tuttavia, da quando Neil è entrato in scena, Moira non solo ha scherzato e preso in giro amichevolmente Claire riguardo al rapporto che vi era fra i due, ma ha anche nutrito dei forti sospetti su di lui, visto che il braccialetto di quest'ultimo non aveva mai cambiato colore, ma Claire si rifiuta di credere che Neil sia implicato nel loro rapimento e stia facendo il doppio gioco.

Moira però aveva ragione a sospettare di Neil, difatti egli era in combutta con la Guardiana per aiutarla a raggiungere i suoi loschi scopi personali, ma la donna inganna anche Neil e per liberarsi di lui lo infetta con il virus Uroboros. Il mutato Neil si reca da Claire e Moira per ucciderle, le attacca ma le due prevalgono nello scontro e Moira decide di dargli il colpo di grazia, superando così, le proprie paure riguardo l'utilizzo delle armi da fuoco. Raggiunto il rifugio della Guardiana, le due ragazze infastidite ascoltano i strani discorsi della donna che si rivela essere Alex, la sorella del defunto Albert Wesker, la quale, per la sorpresa di Claire e Moira, si spara alla tempia apparentemente morendo suicida. Le due ragazze devono scappare dalla torre perché, prima di morire, la Guardiana ha attivato l'autodistruzione, Claire però riesce ad scappare mentre Moira rimarrà schiacciata dalle macerie del crollo della torre. Claire intanto riuscita a tornare sulla terra ferma entrerà in stato di coma per sei mesi circa.

Nonostante vittima del crollo della torre, Moira viene salvata da un'abitante dell'isola che era riuscito a non farsi coinvolgere negli esperimenti della Guardiana (Moira e l'anziano, si erano incontrati brevemente qualche ora prima), all'inizio il rapporto fra lei e l'uomo anziano non sarà molto amichevole in quanto quest'ultimo non si fida di nessuno e soprattutto degli stranieri. Moira nonostante le difficoltà iniziali dovuti allo stile di vita dell'anziano, attirerà le creature infette nel rifugio dell'anziano, rischiando di far morire tutti e due, ma dopo una dura battaglia e un'amara collaborazione, i due hanno la meglio riuscendo a salvarsi.

Moira non era contenta di vivere con quella persona, ma sapeva che erano poche le speranze di lasciare l'isola, la ragazza inoltre non smetteva di pensare a suo padre Barry, che avrebbe voluto rivedere ancora un'ultima volta, nonostante il pessimo rapporto tra i due. La situazione tra Moira e l'anziano migliorerà e i due inizieranno anche a volersi bene. L'isola diventava sempre più pericolosa in quanto una nuova specie di mostri era entrata in azione sterminando la fauna locale che Moira e l'anziano sfruttavano per ottenere provviste alimentari. Un giorno però l'anziano decide di mettersi sulle tracce della figlia Irina di cui non aveva notizie da parecchio tempo, Moira lo aiuterà ancora una volta ed insieme affrontano i nuovi mostri. La battaglia sarà più dura del previsto, ma il duo prevale di nuovo. Sfortunatamente scoprono che Irina è stata vittima degli sperimenti della Guardiana, Alex Wesker e che probabilmente uno dei mostri uccisi dai due poteva essere proprio la figlia dell'anziano uomo mutata orribilmente.

A questo punto l'anziano Evgeny, malato e senza più l'amata figlia Irina, decide di lasciarsi morire. Moira ed Evgeny si svelano i propri nomi e l'anziano non permettendo alla ragazza di rientrare al rifugio, la incoraggia a continuare la battaglia per la propria sopravvivenza e lasciare un domani l'isola. Dopo la morte di Evgeny, Moira lascia una registrazione vocale sul suo cellulare scusandosi coi genitori perché convinta di non essere stata una brava figlia, Barry recatosi sull'isola dopo sei mesi, trova questa registrazione, ma è convinto di non essere riuscito a salvare Moira.

Dopo un breve scontro con una mutata Alex Wesker, Barry perde il suo distintivo, che però, viene trovato dalla figlia Moira, la quale si mette subito alla ricerca di suo padre trovandolo poco dopo e aiutandolo a bloccare momentaneamente Alex, salvando anche Natalia, la ragazzina che aveva incontrato sei mesi prima. Alex attaccherà Moira, Barry e Natalia, ma in loro aiuto interviene Claire sopraggiunta con un elicottero ed armata con un fucile da cecchino: Moira e Natalia vengono messe in salvo, mentre Barry a terra e Claire dall'elicottero riusciranno a sconfiggere e ad uccidere Alex. Inseguito il gruppo lasciare l'sola mentre agenti BSAA raggiungeranno l'isola per distruggere la minaccia biologica dei mostri rimanenti.

Finale alternativo non canonico[modifica | modifica wikitesto]

Se durante il capitolo 3 della campagna di Claire, si uccide il traditore Neil Fisher con Claire anziché con Moira, Moira non supererà la propria paura nell'utilizzare le armi da fuoco, venendo poi coinvolta nel crollo della torre, morirà e non verrà salvata da Evgeny. Ciò farà si che, Alex durante il suo scontro con Barry e Natalia, riuscirà all'instante nell'obbiettivo di trasferire la propria coscienza nel corpo della ragazzina, mentre Barry proverà inutilmente a spararle. Decidendo di sparare all'ormai mutato Neil con Moira si sbloccherà automaticamente il finale buono, quindi anche Natalia e Moira si salveranno, Natalia verrà adottata dalla famiglia Burton cioè da Barry e la moglie.