Moglie e marito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moglie e marito
Paese di produzione Italia
Anno 2017
Genere commedia
Regia Simone Godano
Sceneggiatura Carmen Danza, Giulia Steigerwalt
Casa di produzione Warner Bros Italia
Distribuzione (Italia) Warner Bros Italia
Fotografia Michele D'Attanasio
Montaggio Davide Vizzini
Interpreti e personaggi

Moglie e marito è un film commedia del 2017 diretto da Simone Godano con Pierfrancesco Favino, Kasia Smutniak e Valerio Aprea.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Andrea, medico di bell'aspetto, e Sofia, affascinante conduttrice televisiva, sono sposati da diversi anni con due figli. In seguito a diversi litigi i due arrivano a pensare al divorzio. Una sera Andrea lavora a un esperimento segreto con l'amico Michele: una macchina capace di trasmettere i pensieri. Mentre prova la macchina insieme a Sofia, per via di un cortocircuito marito e moglie si scambiano di corpo: Andrea, nel corpo della moglie, si trova così a dover affrontare le sfide del telegiornalismo, alle prese con rivalità sul posto di lavoro e una scarsissima conoscenza dell'etichetta femminile; mentre Sofia, entrata nella mente di Andrea, deve affrontare i problemi del reparto di neurochirurgia dove lavora il marito e riuscire a relazionarsi con persone a lei totalmente sconosciute, in primis l'amico Michele. La prima giornata è disastrosa, ma i due coniugi vengono a sapere cose che l'altro aveva nascosto: Sofia intuisce una presunta relazione clandestina di Andrea con la babysitter dei figli, subito però smentita da lui. Nei giorni successivi Sofia in buona fede condivide informazioni preziosissime e segrete con un avversario del marito e di Michele riguardo la macchina che li aveva scambiati, progettata dai due per la vittoria di un assegno di ricerca scientifica. Dopo un riavvicinamento, Andrea scopre tramite flashback che la moglie aveva portato ad un avvocato divorzista degli estratti di conti a lui intestati. L'uomo decide così di lasciare la casa e si reca da Michele: quest'ultimo non crede alla versione dei fatti dell'amico, che aveva raccontato tutta la verità, ma decide di accettarlo in casa propria nonostante l'astio che prova verso Sofia, il cui corpo è ora occupato da Andrea. Tramite altri flashback, i due coniugi si riconciliano, riuscendo a recuperare in extremis la stima del primario di neurologia e l'assegno di ricerca, mentre Andrea, con un appassionato discorso contro l'idealizzazione della bellezza femminile riesce a riscattare l'immagine lavorativa della moglie che aveva nel frattempo quasi distrutto. I due coniugi, ormai del tutto riappacificati, riescono a scambiarsi nuovamente le identità, o forse no: nell'ultima scena, infatti, dopo che il figlio maggiore chiama la madre, si girano entrambi, anche se l'effemminatezza che caratterizzava Andrea durante lo scambio e la mascolinità di Sofia sembrano sparite.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito dalla Warner Bros Italia.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La macchina capace di trasmettere i pensieri ha fra la sua circuiteria almeno una scheda Arduino, forse usata per far lampeggiare le lampadine che costituiscono la parte più visibile di tutta la macchina.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema