Modello di Harrod-Domar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il modello di Harrod-Domar, noto anche come modello di crescita come sviluppo è un modello matematico keynesiano della crescita economica. Viene usato in economia dello sviluppo per spiegare il tasso di crescita di un'economia in termini di livello di risparmio e produttività del capitale. Esso suggerisce che non ci sia una ragione naturale perché un'economia abbia crescita bilanciata. Il modello fu sviluppato indipendentemente da Roy F. Harrod nel 1939,[1] e Evsey Domar nel 1946,[2] sebbene un modello simile era stato proposto da Gustav Cassel nel 1924.[3] Il modello di Harrod–Domar fu il precursore del modello di crescita esogena.[4]

Gli economisti neoclassici evidenziano alcune carenze nel modello di Harrod–Domar, in particolare circa l'instabilità della sua soluzione[5] e, alla fine degli anni 1950, cominciò un dialogo accademico che portò allo sviluppo del modello di Solow-Swan.[6][7]

Secondo il modello di Harrod–Domar ci sono tre tipi di crescita: crescita garantita, crescita effettiva e tasso di crescita naturale.

Il tasso di crescita garantita è il tasso di crescita al quale l'economia non si espande indefinitamente né va in recessione. La crescita effettiva è il vero aumento di tasso in un PIL nazionale all'anno. La crescita naturale è la crescita che richiede un'economia per mantenere la piena occupazione. Per esempio, se la forza-lavoro cresce al circa 3% annuo, allora per mantenere la piena occupazione, il tasso di crescita annuale dell'economia deve essere del 3 per cento.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si parte dall'ipotesi che gli investimenti nazionali siano uguali alla variazione dello stock di capitale e uguali al risparmio nazionale.

dove

con s uguale alla propensione marginale al risparmio, e

Si definisce k come il rapporto tra e

ovvero il rapporto tra la variazione dello stock di capitale e la variazione della produzione nazionale. Con k=2, ad esempio, un raddoppiamento dello stock di capitale si tradurrebbe in una quadruplicazione della produzione nazionale.

Conoscendo k e s è possibile calcolare il saggio di crescita garantito di un paese con la formula:

Ad esempio, se la propensione marginale al risparmio è del 2% e k = 2, il saggio di crescita garantito di un paese sarebbe del

.

Per portare un paese fuori dal circolo vizioso della povertà si richiede di aumentare il risparmio nazionale fino al 30% in maniera tale da ottenere un saggio di crescita garantito del 15% riscontrato in molti paesi sviluppati durante la loro iniziale fase di crescita economica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Harrod, Roy F., An Essay in Dynamic Theory, in The Economic Journal, vol. 49, n. 193, 1939, pp. 14–33, DOI:10.2307/2225181, JSTOR 2225181.
  2. ^ Domar, Evsey, Capital Expansion, Rate of Growth, and Employment, in Econometrica, vol. 14, n. 2, 1946, pp. 137–147, DOI:10.2307/1905364, JSTOR 1905364.
  3. ^ Gustav Cassel, Capital and Income in the Money Economy (PDF), in The Theory of Social Economy, New York, Augustus M. Kelley, 1967, pp. 51–63.
  4. ^ Harald Hagemann, Solow's 1956 Contribution in the Context of the Harrod-Domar Model, in History of Political Economy, vol. 41, Suppl 1, 2009, pp. 67–87, DOI:10.1215/00182702-2009-017.
  5. ^ Brian L. Scarfe, The Harrod Model and the ‘Knife Edge’ Problem, in Cycles, Growth, and Inflation: A Survey of Contemporary Macrodynamics, New York, McGraw-Hill, 1977, pp. 63–66, ISBN 0-07-055039-5.
  6. ^ Ryuzo Sato, The Harrod-Domar Model vs the Neo-Classical Growth Model, in The Economic Journal, vol. 74, n. 294, 1964, pp. 380–387, DOI:10.2307/2228485, JSTOR 2228485.
  7. ^ Robert M. Solow, Perspectives on Growth Theory, in Journal of Economic Perspectives, vol. 8, n. 1, 1994, pp. 45–54, DOI:10.1257/jep.8.1.45, JSTOR 2138150.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adalberto Predetti, Il modello di R. F. Harrod, Roma, Istituto nazionale per lo studio della congiuntura, 1961.
  • Bruno Miconi, On Harrod's model and instability, Milano, L'industria, 1967.
  • William Easterly, The ghost of financing gap: how the Harrod-Domar growth model still haunts development economics, Washington, World bank, 1997.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia