Moda degli anni 2000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovani donne in Portogallo con capelli lisci e trucco pesante, nel 2007

La moda degli anni 2000 è spesso descritta come un gran miscuglio[1] di stili precedenti come ad esempio vintage, global ed etnico (ad esempio boho), nonché le mode di numerose sottoculture basate sulla musica. La moda hip-hop in genere era la più popolare tra i giovani di entrambi i sessi, seguita dal look indie di ispirazione retrò che si impose nella seconda metà della decade.

Le persone che all'epoca avevano circa 25 anni o più, adottarono uno stile casual elegante. La globalizzazione ha permesso di incorporare nelle tendenze del decennio stili di diversi continenti, come abiti mediorientali e asiatici nella moda europea, americana e australiana.[1] Inoltre hanno avuto un ruolo rilevante anche l'abbigliamento ecologico ed etico, come la moda riciclata e la pelliccia finta.[1]

All'inizio degli anni 2000, ci fu un passaggio graduale tra le mode della metà e della fine degli anni '90, introducendo contemporaneamente nuove tendenze. Gli ultimi anni del decennio hanno visto un revival su larga scala di modelli di abbigliamento principalmente dagli anni '60, '70 e '80.

Tendenze generali[modifica | modifica wikitesto]

Alta moda[modifica | modifica wikitesto]

I principali stilisti tra il 2000 e il 2009 furono Alexander McQueen, Vera Wang, Christian Louboutin, Jean-Paul Gaultier, Vivienne Westwood,[2] e Karl Lagerfeld.[3]

L'ascesa della fast fashion[modifica | modifica wikitesto]

Dall'inizio alla metà degli anni 2000 si è assistito a un aumento del consumo di fast fashion: abbigliamento economico basato sugli ultimi modelli di alta moda. Con il suo fascino a basso costo e i modelli basati direttamente dalla passerella, la moda veloce è stata un fattore significativo nella crescita del settore della moda. Poiché l'abbigliamento a prezzi accessibili è diventato ancora più importante all'ingresso della nuova era, i marchi hanno dovuto trovare un modo per tenere il passo con le nuove abitudini di spesa dei consumatori.[4]

Nel 1999, le grandi catene come Macy's, JC Penney, Kohl hanno registrato vendite per un totale di $230 miliardi. Negli anni che seguirono i fatturati cominciarono a diminuire. I giganti della vendita al dettaglio del nuovo millennio includevano H&M, Forever 21 e Zara. In particolare, i negozi Target hanno riscontrato un grande successo collaborando con vari stilisti per proporre a a prezzi accessibili dei capi disegnati da designer di alta moda.[5]

Questa tendenza ha permesso agli acquirenti di possedere oggetti di design a prezzi più bassi.[6] Nel 2004, il gigante della vendita al dettaglio H&M, un maestro nella realizzazione di fast fashion, collaborò con lo stilista Karl Lagerfield per introdurre una collezione unica che si rivelò un enorme successo, le donne si affollarono nei negozi H&M per acquistare un pezzo dello stilista tra i 30 capi disponibili nella collezione.[7]

Si dice che negozi come Wet Seal e American Apparel furono "precursori americani dell'impero della moda veloce".[4]

Etica[modifica | modifica wikitesto]

L'etica della fast fashion è stata al centro di numerosi dibattiti e domande. Produrre moda a tariffe così basse comporta è frutto anche di condizioni di lavoro non sicure e salari non vivibili per i lavoratori. Come secondo punto di dibattito sono gli sprechi che ne derivano. Gli americani buttano via 14 milioni di tonnellate di vestiti all'anno, con l'aiuto della fast fashion.[8] Si è puntato il dito contro Forever 21 e H&M, non solo per le loro imponenti pratiche di fast fashion, cresciute costantemente dall'inizio del 2000, ma anche per il coinvolgimento di manodopera a basso costo. Il fascino della fast fashion sta nella copia di marchi di fascia alta; tuttavia, dopo che qualcosa non è più di tendenza, si passa al successivo, lasciando che i vestiti vadano sprecati e che i lavoratori continuino a vivere con salari invivibili.[9]

[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni 2000 hanno visto la morte del concetto di classe sociale come massa di persone, le classi sono state scomposte e ristrutturate talmente tanto da diventare microscopiche, e chiunque poteva trasgredire agli stereotipi tipici della classe di cui faceva parte.[10] In alta moda, c'era meno l'influenza top-down e gli stilisti venivano ispirati sempre di più dalla cultura pop e dallo street style. Questi due fattori combinati hanno portato alla popolarità del logo del designer audacemente stampato su tutti i tipi di abbigliamento, in particolar modo sulle borse. Una borsa con logo era unica, indossata da celebrità, modelli e shopper della classe media. Molti di questi marchi avevano negozi outlet, quindi la borsa con logo era disponibile ad un pubblico ancora più vasto. Avere la stessa borsa di marca di molti altri era una forma di evasione, era un fattore unificante che permetteva alle persone di dimenticare quanti soldi facevano, e invece concentrarsi sull'essere uguale a tutti.

L'ascesa della fast fashion ha aiutato le persone a permettersi una borsa firmata, poiché potevano risparmiare sul resto del guardaroba. Col passare del decennio, è diventato sempre più popolare mescolare designer e abbigliamento. Le persone erano più preoccupate di omologarsi per inserirsi in un certo stile piuttosto che focalizzarsi su chi stava facendo i vestiti.[11]

Moda femminile[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni 2000 (2000-2003)[modifica | modifica wikitesto]

Aaliyah indossa una bandana e orecchini a cerchio nel 2000

Moda Y2K[modifica | modifica wikitesto]

  • Quando sono iniziati gli anni 2000, la moda è stata profondamente influenzata dalla tecnologia. Dalla fine del 1999 alla fine del 2001, c'è stato un approccio futuristico monocromatico alla moda,[12] con metallizzati, neri lucenti, uso pesante di grigio, cinturini e fibbie. Questo si stile prende il nome di "Y2K". L'abbigliamento era realizzato per essere il più possibile dark, riflettente, tecnologico e sexy. Quando il primo iPod è stato immesso nel mercato nel 2001, gli auricolari, così gli altri gadget, sono diventati equiparati ad un accessorio.[13]
  • Capi particolari di abbigliamento Y2K includevano mesh tops, occhiali da sole avvolgenti, occhiali rettangolari wireframe, gonne a pieghe, micro top (spesso con un motivo metallico come argento o oro per una sensazione da discoteca),[14] gonne in raso, gonne in pelle,[15] t-shirt da concerto con strass, scarpe scintillanti,[16] top con halter, pantaloni con paillettes (resi popolari da Peter Morrissey),[17] e top con ricami e paillettes (ispirato a Easton Pearson),[18] insieme al famoso abito da cocktail nero con stampa di perle di Karen Walker, che ha avuto successo in tutto il mondo.
  • Nel 2000, i capi must have per donna e ragazza erano: occhiali da sole oversize,[19] occhiali da sole aviator, orecchini a cerchio oversize, jeans indossati non più come abbigliamento sportivo, diventano anche capi da sera (come pantaloni a vita media e zampa di elefante, tasche laterali, fianchi stretti e tie-dye), infradito con zeppa, pantaloncini, giacche in denim, maglioni pesanti, pashmina, Skechers,[20] mezza maglietta e tube top.

Casual chic[modifica | modifica wikitesto]

  • In Africa, Europa, Nord America, Asia orientale, Sud America e Oceania, i primi anni 2000 hanno visto la continuazione di molte mode della metà e della fine degli anni '90, dovute anche all'influenza che avevano ancora alcune giovani pop star come Britney Spears e Christina Aguilera. Dal 2001 in poi, le donne indossavano camicie a maniche lunghe a campana, top crop, Burberry, felpe con cappuccio, jeans a zampa,[21] pantaloni a vita bassa,[22] jeans bianchi,[23] code di balena,[24] pantaloni cargo[25][26] (specialmente quelli realizzati in seta, raso e velluto)[27][28] pantaloni della tuta ispirati all'hip-hop, daisy duke, perizoma intimo e collant in tinta unita brillante.
  • L'11 settembre e la crisi dei mutui del 2001 hanno influenzato la moda portando una nuova ondata di conservatorismo. Ciò ha portato ad un aumento dell'utilizzo del denim, il tessuto della persona che lavora. I jeans quindi diventano un capo che può essere utilizzato in tutte le occasioni, dal supermercato al tappeto rosso.[29] Il passaggio al conservatorismo è stato lento, visto come la vita bassa dei jeans era comune a causa dello stile sexy Y2K. Come accennato con le classi sociali, i loghi sono diventati una forma di stabilità e comfort. C'era un senso di unità nel paese perché tutti i tipi di persone compravano gli stessi marchi e sfoggiavano gli stessi loghi.
  • A causa dello stile Y2K aerodinamico, futuristico e a tema spaziale dell'anno 2000, il denim è diventato popolare in America dal 2001 al 2008. I pantaloni sono diventati a vita più bassa e significativamente più svasati rispetto a prima, e spesso presentavano ricami elaborati piuttosto che lo stile semplice e senza fronzoli di prima.[13] Nel Regno Unito, era popolare per le donne indossare gonne sopra pantaloni, abiti a stampa floreale e colori come nero, viola e rosa. Erano comuni scarpe e sandali grandi e robusti, con spesse zeppe e cinturini in similpelle decorati con ricami floreali, mentre i marchi di sneaker di successo come Sketchers hanno diminuito la loro popolarità.[20]

Prima ondata del revival anni '80[modifica | modifica wikitesto]

  • Sebbene il revival della moda anni '80 fosse in pieno svolgimento dal 2001, le avvisaglie iniziarono alla fine degli anni '90 per poi continuare nei primi anni 2000. Questa prima ondata si concentrò principalmente sui primi anni '80. Le tendenze emerse in questo periodo includevano: minigonne di jeans, jeans strappati, giacche di jeans, tute sportive,[26] trench (spesso in piume), piumini (riproposte da artisti hip-hop) e polo preppy con colletti alla coreana. Questi sono rimasti popolari fino al 2008 circa, quando è avvenuta la rinascita delle mode della fine degli anni '80.
  • Complessivamente, le donne e le ragazze europee e americane indossavano sneakers basse, come Skechers, Heelys, scarpe Adidas, scarpe Reebok e Nike, nonché stivali alti fino al ginocchio con tacchi a spillo e punta a punta (o viceversa, tacchi bassi spessi e punta rotonda o quadrata).[30] Gli accessori popolari dei primi anni 2000 includonevano: cinture bianche, occhiali da sole da aviatore, cappelli da baseball, orecchini a cerchio, Mary Jane Jane con tacco largo, scaldamuscoli[28] (indossati con minigonne),[31] stivali ugg,[24] flip- infradito, scarpe di plastica,[32] sandali con lacci,[23] cappelli da giornalista, poncho e bracciali di plastica.[33]

Sex and the City[modifica | modifica wikitesto]

Sex and the City ha influenzato il modo in cui le donne si preoccupavano della moda e di come facevano acquisti. Lo show ha mostrato le donne come consumatrici importanti, ognuna con i propri stili indipendenti che si basavano su ciò che volevano, non su ciò che era stato loro chiesto di indossare.[34] I personaggi principali sono diventati icone della moda, ispirando vetrine, linee di moda, riviste e donne in tutto il mondo. Carrie Bradshaw, il personaggio principale, è accreditato per aver reso Manolo Blahnik un nome familiare a causa della sua ossessione per le scarpe.[35] Le tendenze ispirate allo show includono tacchi a spillo, borse firmate (con due episodi incentrati sull'ultima IT bag), grandi fiori in tessuto e berretti.[36]

Metà anni 2000 (2004-2006)[modifica | modifica wikitesto]

Modella del 2004 con jeans a vita bassa, coppola e top
Giovane donna indossa un abito realizzato in tessuto fantasia africano nel 2008.

Oggetti revival degli anni '60[modifica | modifica wikitesto]

Molte tendenze della moda sono state riportate dagli anni '90 sono state riportate dall'inizio alla metà degli anni 2000. Tuttavia, molte nuove tendenze e marchi della moda hanno influenzato l'industria a metà degli anni 2000.

Influenze militari[modifica | modifica wikitesto]

Abbigliamento in Africa[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante la seconda metà degli anni 2000,[54] l'abbigliamento femminile in Africa comprendeva un abito kente dai colori vivaci o un abito tradizionale come il boubou, il pagne e il doek, o un abito occidentale di seconda mano donato e distribuito da enti di beneficenza britannici e americani.[55] L'abbigliamento Mitumba era stato importato in Tanzania[56] e in Kenya sin dalla liberalizzazione economica dei primi anni '90[57] ed era più desiderabile dei tessuti cinesi di nuova fabbricazione grazie alla sua più alta qualità di tessitura e alle etichette riconoscibili del marchio.[58]

Fine anni 2000 (2007-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Giovane donna americana nel 2007 che indossa una minigonna bianca, un top bikini blu e occhiali da sole

Riporta gli stili[modifica | modifica wikitesto]

Seconda ondata revival degli anni '80[modifica | modifica wikitesto]

Giovane donna nell'estate 2009 che indossa dei vestiti neri
  • All'inizio del 2009, in Europa e negli Stati Uniti vi fu una rinascita su larga scala degli anni '80, che rirpopose articoli di moda della fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90, come colori al neon, sandali gladiatore,[24] fasce con stampa animalier o pois, abiti in maglia, pantaloncini Nike, wonderbra e sloggi, prendisole, top fantasia geometrica, ballerine, leggings in spandex nero, jeggings chiari, camicie scozzesi traslucide indossate con una canotta sotto, stivali da equitazione, jeans strappati attillati e scaldamuscoli indossati a gambe nude e vestito o gonna. In America, i crop top che esponevano l'ombelico furono sostituiti da top a canotta più lunghi, camicette con scollo a barchetta e pantaloni a vita media, e le minigonne venivano sostituite con abiti più lunghi come la babydoll, la gonna a palloncino, l'abito da skater e l'abito in maglia. Le pellicce tornarono in auge, anche se molte donne hanno usato le eco pellicce a causa dell'associazione della vera pelliccia con la crudeltà verso gli animali.[59]
  • L'abito giallo canarino indossato da Reese Witherspoon ai Golden Globes ha contribuito a stabilire quella tonalità come colore distintivo nel 2007.[60]

Moda orientale e da fiera[modifica | modifica wikitesto]

Coppia indiana che indossa un mix di abiti tradizionali e abiti occidentali

Activist chic[modifica | modifica wikitesto]

Moda maschile[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni 2000 (2000-2003)[modifica | modifica wikitesto]

Moda Y2K[modifica | modifica wikitesto]

  • All'inizio del decennio, l'entusiasmo di essere entrati in un nuovo millennio fu evidente soprattutto nei primi due anni, nell'abbigliamento da discoteca e da sera. L'abbigliamento era principalmente in nero, anche se l'argento era molto di moda.[13] Un esempio di outfit era la tuta da ginnastica,[14] gli stivali Rockport, una camicia elegante, un paio di pantaloni, una giacca con un elegante motivo metallico per uscire; includendo anche articoli come cappotti e pantaloni di pelle, giubbotti e giacche gonfie, maglioni e camicie a coste e scarpe eleganti, di solito in colori futuristici come nero, argento, grigio chiaro e bianco.[76][77] Durò dalla fine del 1999 fino alla fine del 2001.

Leisurewear[modifica | modifica wikitesto]

Brad Pitt, George Clooney, Matt Damon, Andy García, Julia Roberts e Steven Soderbergh indossano giacche di pelle marrone nel dicembre 2001
  • Dopo gli eventi dell'11 settembre, la moda è diventata più conservatrice, rinunciando agli stili futuristici di prima. Il denim strappato tornò di moda, con riflessi sabbiati, jeans smerigliati e baffature. Durante questa parte del decennio era di moda un jean a vita bassa, che si è sostituito in breve tempo agli stili a vita alta degli anni '90.[22]
  • In generale, molte tendenze della moda dal 1995 in poi hanno continuato ad essere indossate nei primi anni del decennio. Le nuove tendenze nei primi anni 2000 includevano l'abbigliamento sportivo e militare[30], indossati come abiti di tutti i giorni. Ciò includeva tute,[26][78] polo di colore chiaro[79] (a volte a righe e con colletto spuntato), pantaloni cargo[25][80] (anche quelli fatti di lino durante i mesi più caldi),[81] pantaloni color kaki, jeans bootcut, pantaloni di velluto a coste,[82] e maglie da rugby.[83] Giacche trekking pratica (del tipo fatta da Berghaus), felpe, piumini e imbottiti in tartan boscaiolo tipo camicie sono stati indossati come outerwear inverno con marrone, grigio, bordeaux, ruggine, marrone o verde bosco dolcevita,[84] e dispari cappotti sportivi blu scuro, grigio pietra, beige o naturale che si allacciano con tre bottoni. Queste mode continuarono verso la metà e la fine degli anni 2000.
  • Gli accessori da uomo dei primi anni 2000 includevano cinture bianche, occhiali da sole Aviator, cappelli da camionista,[28] infradito, scarpe oxford, calzini argyle (di solito indossati sopra il fondo della tuta), stivali Rockport, sneaker di marchi come Nike, Adidas e Puma, cappellini da baseball (con loghi di squadre di calcio, calcetto, basket e baseball),[85] e bracciali di silicone.[33]

Mode asiatiche[modifica | modifica wikitesto]

Metà degli anni 2000 (2004-2006)[modifica | modifica wikitesto]

Revival degli anni '60[modifica | modifica wikitesto]

La band californiana Orson nel 2006 indossa abiti ispirati alla metà degli anni '60

Ispirazioni per film retrò[modifica | modifica wikitesto]

Abiti da lavoro[modifica | modifica wikitesto]

Fine anni 2000 (2007-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Jared Leto indossa un abito formale aderente; Popolare dal 2008 in poi.

Moda ispirata al passato[modifica | modifica wikitesto]

Ed Hardy[modifica | modifica wikitesto]

Dennis Rodman indossa una maglietta Ed Hardy e Donald Trump indossa un abito a due bottoni blu scuro nel 2009
  • In quel periodo si cominciò ad accettare tatuaggi e pratiche di modificazione corporea, quindi magliette, cappellini da baseball e felpe con disegni di tatuaggi vintage[124] erano oggetti ricercati negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e in India, dove venivano indossati con giacche di pelle nera, fibbie oversize, catene d'oro e scuro Jeans slim da celebrità trendsetter quali Jon Gosselin[125] o il cast di Jersey Shore.[126] T-shirt con scollo a V e felpe con stampa grafica diventarono popolari tra i giovani britannici, in contrasto con i marchi di stilisti con loghi di spicco precedentemente indossati dalla sottocultura chav. Le T-shirt Ed Hardy, spesso impreziosite da strass, erano di moda dalla fine del 2008 fino alla metà degli anni 2010, quando cadde in disgrazia a causa della loro popolarità non intenzionale[127]. Tra i giovani clubgoers stereotipato per essere teppisti, fighetti o Guidos.[128]

Abiti slim-fit[modifica | modifica wikitesto]

  • Sul posto di lavoro europeo, il taglio degli abiti cambiò, poiché le tre giacche a bottoni popolari negli anni '90 furono sostituite con abiti ispirati agli anni '50 che comprendono un blazer a due bottoni e pantaloni abbinati[129] mentre negli Stati Uniti torno il completo da uomo.[130] Abiti europei monopetto a volte presentavano profili a contrasto in stile edoardiano sui risvolti e venivano spesso indossati con cravatte e gilet sottili.[131]

Moda giovanile[modifica | modifica wikitesto]

La moda giovanile è stata fortemente influenzata da molte sottoculture musicali come emo, indie kids, scene kids,[132] psychobilly, preppy, skater, goth, nu metal (noto come moshers nel Regno Unito),[133] ravers e hip hop,[134] tra cui il chav britannico, il rapper gangsta americano e gli stili Cholo messicani dei primi anni 2000.[135]

Hip hop
Il rapper americano Jay Z
Chavs e moshers
Nu metal, rave e goth
Un cybergoth con occhiali, capelli sintetici blu e testa rasata, 2005
  • In America, le sottoculture comuni dei primi anni 2000 includevano i fan nu metal e goth che indossavano spolverini di pelle nera e pantaloni tripp.
  • Nella subcultura rave, persistevano le tendenze della moda che si erano sviluppate negli anni '90. Alcuni preferivano capelli a punta e pantaloni corti, mentre i membri delle sottoculture cybergoth[144] e rivethead[145] optavano per teste rasate, dreadlocks al neon sintetici, camouflage, pantaloni di pelle attillati, catene, stivali con plateau,[146] piercing, tatuaggi sulle braccia, occhiali, corsetti, gonne in PVC o pelle e trench neri decorati con borchie metalliche.[147]
Psychobilly e rockabilly
Raggare svedese, 2005.
Indie ed emo
Il cantante rock indipendente Damian Kulash indossa abiti psichedelici ispirati agli anni '60, 2009
Bambini di scena
  • All'inizio del 2009 la sottocultura più numerosa era i "scene kids".[156][157] Nacquero in Gran Bretagna alla fine degli anni '90, quando alcuni membri della sottocultura chav iniziarono a sperimentare la moda alternativa,[158] incorporarono elementi di indie pop, emo,[159] e pop punk fashion e si diffusero in America e Australia nel metà degli anni 2000.[160] Lo stile, originariamente composto da pantaloni tripp, strisce, tartan, capelli a punta, Chucks, Vans e cappelli da camionista, derivati dalla moda grunge e skate punk, si è evoluto per incorporare capelli androgini, arruffati, piatti e dritti a volte tinti di colori vivaci, jeans attillati,[161] felpe con stampa di cartoni animati, promise ring,[162] camicie a quadri e molti colori vivaci.[163] Il nome era originariamente derivato da "scene queen", un termine dispregiativo all'interno della scena glam rock degli anni '70 per un musicista eterosessuale che fingeva di essere gay e in seguito si applicava ai poser all'interno delle sottoculture goth, heavy metal e punk del Regno Unito.[164]

Tendenze di bellezza anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Acconciature[modifica | modifica wikitesto]

Donne[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 Zoë Bell sfoggia un'acconciatura di media lunghezza e sfumature miste

All'inizio degli anni 2000, i capelli delle donne erano spesso lunghi e lisci.[165] I primi anni 2000 presentavano una "divisione a zig-zag", in cui la riga all'attaccatura dei capelli ha la forma a zig-zag. Le lunghezze dei capelli variavano da sotto i lobi delle orecchie a sotto le spalle.[166] Dal 1995 al 2008 i colori più utilizzati erano chiaroscuri fatti di biondo, rosso e marrone chiaro. Nel 2000, si tendeva ad avere riflessi luminosi e morbi per un look "baciato dal sole". I primi anni 2000 hanno anche continuato il revival dell'acconciatura di Farrah Fawcett alla fine degli anni '90.[167] I capelli ricci erano popolari all'inizio e alla metà degli anni 2000.

Per le donne nere, cornrows, dreadlocks e ricci erano popolari fino alla fine degli anni 2000, quando divennero popolari le versioni edulcorate dell'Afro, l'arricciatura Jheri e tagli pixie corti, grazie anche ad artisti come Janet Jackson e Rihanna. Un'altra acconciatura popolare durante il decennio è stata la treccia, ringiovanita da artisti del calibro di Alicia Keys e Lauren Conrad.

A metà degli anni 2000, molte donne preferivano il taglio bob, così come la sua versione più lunga, il bob lungo o "lob".[165][168] Verso la fine degli anni 2000, è diventato fuori moda la riga al centro.

Alla fine degli anni 2000, le donne preferivano tingersi i capelli di nero, come Katy Perry o Amy Winehouse con la sua acconciatura alveare. I capelli testurizzati con volume, i capelli mossi naturali e il taglio bob sono diventati popolari dal 2007 in poi sia Gran Bretagna che negli Stati Uniti. Nel 2009, molte donne hanno cercato di imitare l'acconciatura che Kate Gosselin aveva quell'anno. Questo look è finito per essere solo una moda passeggera.[168] Altre tendenze popolari della fine degli anni 2000 includevano fasce per la testa e scrunchies, code di cavallo laterali e trecce su un lato della testa.

Uomini[modifica | modifica wikitesto]

Per gli uomini europei di età compresa tra 25 e 40 anni, all'inizio degli anni 2000, erano alla moda acconciature più corte che di solito assumevano la forma di una ciuffo, così come capelli a spillo e fauxhawk per uomini di età compresa tra 18 e 30 anni.

Tra il 2003 e il 2006 nel Regno Unito erano popolari i capelli lunghi e spettinati di Mod o surfer. Dal momento che molte band si allontanarono dal punk rock e dal rap metal in favore di un suono indie o garage rock ispirato agli anni '60, lanciato da gruppi come The Strokes, Jet, The Killers, The Hives, The Vines, Coldplay e The White Stripes. Queste acconciature hanno gradualmente sostituito i capelli spettinati, popolari dalla fine degli anni '90 tra celebrità americane come Tom Cruise, Jim Adkins di Jimmy Eat World, Alex Band, Jason Wade, Mehmet Okur e Hanno Möttölä.

Verso la fine degli anni 2000, molti giovani britannici optarono per un'acconciatura ispirata agli anni '50, utilizzando la pomata.[169] In Europa e Nord America divennero popolari acconciature rasate e calve insieme a barbe, baffi, stoppie, basette e il pizzetto, in reazione al look effeminato metrosexual di inizio e metà degli anni 2000.[170]

Bambini e ragazzi[modifica | modifica wikitesto]

Adolescenti svedesi che portano tipiche acconciature maschili della fine degli anni 2000, 2008
Taglio di capelli portato dal cantante Justin Bieber nel 2009.

Per i ragazzi, nei primi anni 2000 erano popolari tagli di capelli corti come il quiff, il buzzcut, curtains, crew cut, and Caesar cut. Le ragazze preferitvano le extension lisce e le luci forti. Alla fine degli anni '90 e all'inizio degli anni 2000, i fermagli per capelli a farfalla e i capelli arricciati sono diventati estremamente popolari per i preteens e le ragazze adolescenti.

A metà degli anni 2000, gli adolescenti iniziarono a portare tagli più lunghi, soprattutto nel Regno Unito e in America, incluso il "wings haircut", influenzato dalla sottocultura Mod degli anni '60 e dalle star pop indie britanniche.[171] Le acconciature delle adolescenti subirono pochi cambiamenti, essendo sostanzialmente le stesse dai primi anni 2000. I capelli ricci divennero meno popolari in Gran Bretagna per lasciar spazio ai capelli lisci. I capelli erano spesso legati in una coda di cavallo.

Nel 2009, l'androgino Harajuku ha ispirato le acconciature di scena (spesso tinte di colori vivaci) e l'eyeliner: prima in Giappone e poi negli Stati Uniti e in Europa.[172] In alternativa alle acconciature di scena, molte ragazze adolescenti negli Stati Uniti e in Australia hanno optato per un'acconciatura preppy che comprendeva: capelli lunghi, lisci, frangia regolare e laterale e una parte laterale, mentre i ragazzi indossavano capelli skater .[173] Molte ragazze indossavano fasce per la testa e scrunchies ispirati agli anni '80 con una coda di cavallo laterale o una treccia francese che cadeva su una spalla.

Tendenze trucco e cosmetica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'anno 2000 il make up era glitterato, ispirato dalla Y2K della fine degli anni '90. Con la svolta del millennio, l'idea era che le donne avessero uno stile futuristico e spaziale. Un'alternativa per coloro che non amavano i colori metallizzati era una combinazione di colori viola e marrone.[174] Il lucidalabbra era più popolare del rossetto.[168] Entro la stagione primavera / estate del 2001, questo look è stato messo da parte a favore di uno stile più naturale. Tuttavia, la popolarità dei colori glitter è continuata.[175] Nel 2002, il trucco minerale è entrato nel mainstream con Bare Minerals, un prodotto di Bare Escentuals. Ciò ha aumentato la tendenza del trucco naturale ed è diventato lo standard degli anni 2000. Nel 2004, il glitter era scomparso.

Verso il 2005/06, il trucco tornò in stile retrò degli anni '40, con labbra rosse brillanti e occhi di gatto. A metà e fine degli anni 2000, il lucidalabbra rimase popolare e emerse lo "Smoky Eye", con maggiore enfasi su eyeliner, mascara e ombretto.[168] Un'altra tendenza emergente è stata un approccio più naturale "less is more" al trucco nello stesso periodo.[176] Sempre verso la seconda metà del decennio, c'è stata una crescente enfasi sulle carnagioni perfette, l'illuminante e prodotti shimmer divennero oggetti "must-have".[165] Alla fine degli anni 2000, c'era una mania per le ciglia finte, avviata da Lady Gaga. Ciò ha comportato la colorazione delle ciglia, estensioni e ciglia finte. Gli stili di trucco sono diventati più semplici e più individualistici con l'ascesa dei video di How-to su YouTube.

Cura del corpo[modifica | modifica wikitesto]

L'anno 2000 la pelle era del colore naturale e non c'erano molte tendenze per la cura del corpo oltre all'aumento della depilazione, dello sbiancamento dei denti e delle creme anti-invecchiamento. Nell'estate del 2001, la tendenza dell'abbronzatura finta è entrata nel mainstream per tutti i sessi,[175] spinta da Jennifer Lopez[165] e Christina Aguilera. Ciò includeva sia autoabbronzanti che spray abbronzanti. Nel 2002, il botox fu approvato per uso pubblico ed divenne molto popolare. Nel 2009, la finta abbronzatura era passata di moda a favore di una carnagione pallida, ispirata al film di Twilight.[168]

Gli anni 2000 hanno continuato la tendenza unisex della ceretta bikini iniziata negli anni '90.[165] Sebbene la ceretta in generale fosse popolare tra le donne da diversi anni, è stato negli anni '90 che la depilazione completa del corpo maschile è diventata comune.[177] Essendo considerata tanto suggestiva che indecente negli anni '90, la ceretta maschile divenne onnipresente a causa della tendenza metrosexual all'inizio e alla metà degli anni 2000. Anche durante questo periodo, era popolare avere un viso completamente rasato, come se si volesse sembrare minorenne.[168] La depilazione maschile è diminuita alla fine degli anni 2000.

Tatuaggi e piercing[modifica | modifica wikitesto]

I piercing all'ombelico furono popolari dal 1995 fino alla metà degli anni 2000.

Gli anni 2000 hanno continuato la tendenza di tatuaggi e piercing tra tutti i sessi che era iniziata negli anni '90. I tatuaggi ordinari in Europa, Australia, Hong Kong,[178] e Nord America includevano la zona lombare della schiena, nella prima metà del decennio presero piede i tatuaggi tribali sulle braccia, mentre dal 2007 divennero famose le parole sanscrite indù o Kanji cinese.[179][180] I tatuaggi della vecchia scuola raffiguranti cuori, teschi, fiori o figure femminili erano considerati fuori moda[181] e non sofisticati per gran parte del decennio, specialmente tra le donne. Tuttavia, questi tornarono nel 2008 contemporaneamente agli accessori Ed Hardy[182][183] e divenne popolare l'aspetto della ragazza pin-up.[184]

All'inizio degli anni 2000, i piercing all'ombelico raggiunsero il loro apice, così come i piercing alla lingua. Altri piercing popolari nel corso del decennio includono piercing al labbro, alla narice, al capezzolo e al sopracciglio. Piercing e tatuaggi hanno raggiunto l'apice della loro popolarità durante la metà degli anni 2000[168] ma rimasero famosi tra i giovani fino agli anni 2010.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Una selezione di immagini relative al periodo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Bryan Rindfuss, sacurrent.com, http://www.sacurrent.com/arts/story.asp?id=70804. URL consultato il 30 November 2011.
  2. ^ Barcelona 2012 Archiviato il 3 September 2011 Data nell'URL non combaciante: 3 settembre 2011 in Internet Archive.. Thebrandery.com.
  3. ^ independent.co.uk, 5 November 2011, https://www.independent.co.uk/news/people/profiles/being-karl-lagerfeld-whats-it-like-being-the-most-powerful-man-in-fashion-6256091.html.
  4. ^ a b Sara Idacavage, Fashionista, 8 June 2016, http://fashionista.com/2016/06/what-is-fast-fashion. URL consultato il 9 May 2017.
  5. ^ Leah Chernikoff, Fashionista, 12 June 2012, http://fashionista.com/2012/06/the-top-20-designer-collaborations-a-timeline. URL consultato il 9 May 2017.
  6. ^ Christine Muhlke, The New York Times, 13 October 2010, https://www.nytimes.com/2010/10/14/fashion/14Scavenger.html. URL consultato il 9 May 2017.
  7. ^ WWD, 15 November 2004, http://wwd.com/fashion-news/fashion-features/truly-fast-fashion-h-m-8217-s-lagerfeld-line-sells-out-in-hours-593089/. URL consultato il 9 May 2017.
  8. ^ Alden Wicker, Newsweek, 1º September 2016, http://www.newsweek.com/2016/09/09/old-clothes-fashion-waste-crisis-494824.html. URL consultato il 9 May 2017.
  9. ^ Lisa Chau, US News, 21 September 2012, https://www.usnews.com/opinion/blogs/economic-intelligence/2012/09/21/the-wasteful-culture-of-forever-21-hm-and-fast-fashion. URL consultato il 9 May 2017.
  10. ^ (EN) Elizabeth D. Lowe, Class, vol. 3, 2010, DOI:10.2752/bewdf/edch3032, ISBN 9781847888525.
  11. ^ M Romeo, Television Study: "Gossip Girl" and It's Affects on Viewer's Fashion, in The McMaster Journal of Communication, vol. 5, 2009, pp. 15–21.
  12. ^ The Year That Was: Style, in Entertainment Weekly, 22 December 2000. URL consultato il 6 July 2014.
  13. ^ a b c Leila Brillson, refinery29.com, https://web.archive.org/web/20140328105310/http://www.refinery29.com/millennial-trends. URL consultato il 26 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  14. ^ a b yaleherald.com, https://web.archive.org/web/20150624100825/http://www.yaleherald.com/archive/xxviii/1999.11.18/ae/p17jamil.html. URL consultato il 5 September 2014 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2015).
  15. ^ Fashion variety the ticket, in CNN, 13 October 2000. URL consultato il 6 July 2014.
  16. ^ nymag.com, http://nymag.com/nymetro/shopping/fashion/features/1945/. URL consultato il 6 July 2014.
  17. ^ powerhousemuseum.com, http://www.powerhousemuseum.com/previous/fashion_of_the_year_2000.php. URL consultato il 21 June 2014.
  18. ^ powerhousemuseum.com, https://web.archive.org/web/20140715001426/http://www.powerhousemuseum.com/ecologic/sustainable-design-database/quality-and-durability/womens-outfit/. URL consultato il 21 June 2014 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2014).
  19. ^ collegecandy.com, http://collegecandy.com/2009/12/14/looking-back-at-the-best-of-2000/. URL consultato il 4 May 2014.
  20. ^ a b encyclopedia.com, http://www.encyclopedia.com/topic/Skechers_U.S.A._Inc.aspx. URL consultato il 3 September 2014.
  21. ^ fashionencyclopedia.com, http://www.fashionencyclopedia.com/fashion_costume_culture/Modern-World-Part-II-1961-1979/Hip-Huggers.html. URL consultato il 2 July 2014.
  22. ^ a b refinery29.com, https://web.archive.org/web/20140328105310/http://www.refinery29.com/millennial-trends. URL consultato il 27 March 2014 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  23. ^ a b fashion.about.com, https://web.archive.org/web/20140713180611/http://fashion.about.com/library/weekly/aa022701a.htm. URL consultato il 21 June 2014 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2014).
  24. ^ a b c d e f nymag.com, http://nymag.com/arts/all/aughts/62499/. URL consultato il 20 August 2014.
  25. ^ a b the.honoluluadvertiser.com, http://the.honoluluadvertiser.com/article/2003/Jan/24/il/il01a.html. URL consultato il 9 May 2014.
  26. ^ a b c fashion.about.com, https://web.archive.org/web/20140715072901/http://fashion.about.com/cs/trendsfor2003/tp/2003wrap.htm. URL consultato il 26 May 2014 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2014).
  27. ^ Silky cargo pants all the rage, in CNN, 20 February 2003. URL consultato il 9 May 2014.
  28. ^ a b c portlandmercury.com, http://www.portlandmercury.com/portland/the-most-okay-fashions-of-2003/Content?oid=30480. URL consultato il 9 May 2014.
  29. ^ (EN) From Uggs To Y2K, What The '00s Meant To Us | Oye! Times, 27 February 2013.
  30. ^ a b The way we wore: 2002's fashion trends, in Seattle Post-Intelligencer. URL consultato il 9 May 2014.
  31. ^ fashionencyclopedia.com, http://www.fashionencyclopedia.com/fashion_costume_culture/Modern-World-1980-2003/Leg-Warmers.html. URL consultato il 7 July 2014.
  32. ^ Booth Moore, Jammin' jellies, in Los Angeles Times, 30 May 2003.
  33. ^ a b Mikkelson, Barbara (2003). "Sex Bracelets". snopes.com. Retrieved 8 June 2014.
  34. ^ (EN) Patricia Cunningham, Television, vol. 3, 2010, DOI:10.2752/bewdf/edch3038, ISBN 9781847888525.
  35. ^ (EN) Pamela Church-Gibson e Stella Bruzzi, Visual Media and Dress, vol. 8, 2010, DOI:10.2752/bewdf/edch8085, ISBN 9781847888570.
  36. ^ (EN) All of the Trends That Sex and the City Predicted and Perfected, in Vogue. URL consultato il 20 April 2018.
  37. ^ Leila Brillson, refinery29.com, https://web.archive.org/web/20140328105310/http://www.refinery29.com/millennial-trends. URL consultato l'8 June 2014 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  38. ^ Tortora, Phyllis G. and Keith Eubank. Survey of Historic Costume. 4th Edition, 2005. Fairchild Publications.
  39. ^ Caroline Tell, Tunic, in Time, 20 December 2006. URL consultato l'8 June 2014.
  40. ^ Caroline Tell, Wide Belt, in Time, 20 December 2006. URL consultato l'8 June 2014.
  41. ^ Madden, Mike, salon.com, https://web.archive.org/web/20100523223920/http://www.salon.com/news/brand_graveyard/feature/2009/07/27/crocs/index.html. URL consultato il 31 May 2010 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2010).
  42. ^ Luscombe, Belinda, 10 Questions for Tim Gunn, in Time, 10 July 2008. URL consultato il 25 June 2010 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2009).
  43. ^ Oloffson, Kristi, The 50 Worst Inventions, in Time, 27 maggio 2010. URL consultato il 31 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2010).
  44. ^ Caroline Tell, Miniskirt and Minidress, in Time, 20 December 2006. URL consultato il 26 May 2014.
  45. ^ Alison Maxwell, Skinny legs and all: Jeans get slender, in USA Today, 16 April 2006. URL consultato il 9 April 2014.
  46. ^ Caroline Tell, Skinny Jean, in Time, 20 December 2006. URL consultato l'8 June 2014.
  47. ^ Caroline Tell, Platform Boot, in Time, 20 December 2006. URL consultato l'8 June 2014.
  48. ^ Caroline Tell, Ballet Flats, in Time, 20 December 2006. URL consultato l'8 June 2014.
  49. ^ Contemporary southwestern jewellery. Books.google.co.uk.
  50. ^ Caroline Tell, Thomas Wylde, in Time, 20 December 2006. URL consultato l'8 June 2014.
  51. ^ Josh Patner, wsj.com, 8 October 2010, https://www.wsj.com/articles/SB10001424052748704082104575516320646464294.
  52. ^ sofeminine.co.uk, sofeminine.com, https://web.archive.org/web/20100520080755/http://www.sofeminine.co.uk/mag/fashion/d2590/c67934.html (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2010).
  53. ^ Laura La Bella, My Chemical Romance, The Rosen Publishing Group, Inc, 2008, ISBN 978-1-4042-1818-5.
  54. ^ telegraph.co.uk, 14 October 2003, https://www.telegraph.co.uk/expat/4190325/Driving-a-hard-bargain-at-the-Mitumba-Market.html.
  55. ^ kivafellows.wordpress.com, 17 July 2013, https://kivafellows.wordpress.com/2013/07/17/mitumba-101-the-second-hand-clothing-trade-in-kenya/.
  56. ^ theglobalist.com, 24 June 2005, https://www.theglobalist.com/tanzania-a-second-hand-economy/.
  57. ^ businessinsider.com, http://www.businessinsider.com/r-the-global-business-of-secondhand-clothes-thrives-in-kenya-2014-10?IR=T.
  58. ^ The Independent, 14 November 2009, http://www.independent.co.uk/travel/africa/on-the-road-the-east-african-market-where-the-brands-come-cheap-1820369.html.
  59. ^ fake or real fur?. Slate.com.
  60. ^ instyle.com, InStyle, http://www.instyle.com/instyle/package/general/photos/0,,20162681_20162560_20371579,00.html. URL consultato il 3 October 2012.
  61. ^ movies.ndtv.com, https://web.archive.org/web/20120504223240/http://movies.ndtv.com/movie_story.aspx?from=bottomrelated&ID=ENTEN20100141422&Keyword=bollywood. URL consultato il 13 November 2011 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2012).
  62. ^ The Indian Express, 17 June 2010, http://www.indianexpress.com/news/ravans-starstudded-premiere-in-london/634901/. URL consultato il 13 November 2011.
  63. ^ Saree jahan se achha, The Times of India, Articles.timesofindia.indiatimes.com, 12 September 2008. URL consultato il 13 November 2011 (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2011).
  64. ^ Firang babes in saree-Ashley Judd, indiatimes.com. URL consultato il 13 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2010).
  65. ^ tmz.com, TMZ, 28 May 2007, http://www.tmz.com/2007/11/05/ashley-judd-is-so-very-sari/. URL consultato il 13 November 2011.
  66. ^ Hindustan Times, https://web.archive.org/web/20111226222012/http://www.hindustantimes.com/photos-news/Photos-Fashion/hollywoodactorsinsari/Article4-733596.aspx. URL consultato il 13 November 2011 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2011).
  67. ^ PTI, "Deepika walks Cannes red carpet in saree," The Hindu, in The Hindu, India, 14 maggio 2010. URL consultato il 13 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2011).
  68. ^ theguardian.com, https://www.theguardian.com/music/2005/aug/21/popandrock3.
  69. ^ avclub.com, http://www.avclub.com/article/unraveling-fantasy-beginners-guide-japanese-idol-p-206896.
  70. ^ British Vogue, https://www.vogue.co.uk/article/comme-des-garcons-for-handm.
  71. ^ liftmeupwardrobe.co.uk, 19 July 2013, https://liftmeupwardrobe.co.uk/2013/07/19/fashion-sensei/.
  72. ^ newyorker.com, http://www.newyorker.com/magazine/2002/03/18/shopping-rebellion.
  73. ^ Hello Kitty jewelry Archiviato il 24 August 2011 Data nell'URL non combaciante: 24 agosto 2011 in Internet Archive.
  74. ^ palestinemonitor.org, http://www.palestinemonitor.org/spip/spip.php?article1461. URL consultato il 30 November 2011.
  75. ^ The Age, 14 October 2007, https://www.theage.com.au/national/che-chic-youve-ignored-the-horrors-now-buy-the-t-shirt-20071014-ge61o9.html.
  76. ^ uomoclassico.com, http://www.uomoclassico.com/ads/Bloomingdale%27s/1999/Fall-Winter/main-line. URL consultato il 4 September 2014.
  77. ^ uomoclassico.com, http://www.uomoclassico.com/ads/Bloomingdale%27s/2000/Fall-Winter/main-line. URL consultato il 5 September 2014.
  78. ^ BBC Inside Out – Charvers Webchat" BBC Retrieved 18 October 2008.
  79. ^ 2001 summer fashion. Uk.askmen.com.
  80. ^ askmen.com, http://www.askmen.com/fashion/trends_60/92_fashion_men.html. URL consultato il 9 May 2014.
  81. ^ askmen.com, http://www.askmen.com/fashion/trends_60/85b_fashion_men.html. URL consultato il 9 May 2014.
  82. ^ AskMen, https://www.askmen.com/style/.
  83. ^ Fall 2001. Uk.askmen.com.
  84. ^ Winter style 2002. Uk.askmen.com.
  85. ^ Seattle Post Intelligencer. 28 March 2008. Retrieved 25 January 2009
  86. ^ afghanistan-analysts.org, https://www.afghanistan-analysts.org/from-alexander-the-great-to-ahmad-shah-massoud-a-social-history-of-the-pakol/.
  87. ^ Associated Press, https://www.foxnews.com/story/hamid-karzais-famous-hat-made-from-aborted-lamb-fetuses.
  88. ^ Junghwa Son, Indian Consumer Purchase Behavior of Foreign Brand Jeans, Oklahoma State University, 2000, p. 15, ISBN 978-0-549-36208-1.
  89. ^ Geoffrey Heal, When Principles Pay: Corporate Social Responsibility and the Bottom Line, Columbia University Press, 2008, p. 196, ISBN 978-0-231-51293-0.
  90. ^ Daniel Miller e Sophie Woodward, Global Denim, Berg, 2010, p. 71, ISBN 978-1-84788-739-9.
  91. ^ If it's cool, creative and different, it's indie, in Edition.cnn.com, 13 October 2006. URL consultato il 18 October 2008.
  92. ^ a b globalfashionreport.com, http://www.globalfashionreport.com/a21801-dkny-men-summer-2005.
  93. ^ Summer 2003 trends. Uk.askmen.com.
  94. ^ 2004 trends. Uk.askmen.com.
  95. ^ uk.askmen.com, http://uk.askmen.com/fashion/apparel/ralph-lauren-denim-western-shirt.html.
  96. ^ uk.askmen.com, http://uk.askmen.com/fashion/trends_100/127b_fashion_men.html.
  97. ^ nymag.com, http://nymag.com/nymetro/shopping/fashion/features/n_9422/.
  98. ^ nymag.com, http://nymag.com/nymetro/shopping/fashion/features/n_9422/index1.html.
  99. ^ nymag.com, http://nymag.com/nymetro/shopping/fashion/features/n_9422/index2.html.
  100. ^ Caroline Tell, Barker Black Brogue Shoe, in Time, 20 December 2006. URL consultato l'8 June 2014.
  101. ^ askmen.com, http://www.askmen.com/fashion/trends_100/145_fashion_men.html.
  102. ^ askmen.com, http://www.askmen.com/fashion/trends_100/145b_fashion_men.html.
  103. ^ Nehru Suit on BBC News. Bbc.co.uk (13 January 2012).
  104. ^ Summer 2003. Uk.askmen.com.
  105. ^ Fall fashions, 2005. Uk.askmen.com.
  106. ^ 2004 trends. Uk.askmen.com.
  107. ^ Mens fashions, fall 2005. Uk.askmen.com.
  108. ^ Leather coats. Uk.askmen.com.
  109. ^ Tweed jacket, 2004. Uk.askmen.com.
  110. ^ Copia archiviata, su uk.askmen.com. URL consultato il 28 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2019).
  111. ^ uk.askmen.com, http://uk.askmen.com/fashion/style_icon_150/159_jay-z-style-icon.html.
  112. ^ Jackets for fall 2007. Uk.askmen.com.
  113. ^ Anyiam, Thony C. (2007), Jumping the Broom in Style, Authorhouse, ISBN 1-4259-8638-2.
  114. ^ AskMen, https://www.askmen.com/fashion/trends_60/89_fashion_men.html.
  115. ^ Ski jackets, fall 2009. Uk.askmen.com.
  116. ^ uk.askmen.com, http://uk.askmen.com/fashion/trends_400/428_fashion_men.html.
  117. ^ Michael A. Lubarsky, uk.askmen.com, http://uk.askmen.com/fashion/trends_200/222_fashion_men.html.
  118. ^ "Bang Face – The Rebirth of Rave, Part One" Rave Talk Retrieved 2008-10-18.
  119. ^ Susan Wloszczyna and Ann Oldenburg, USA TODAY. "USATODAY.com – Geek chic" USA Today. Retrieved 2008-10-18.
  120. ^ Michael A. Lubarsky, uk.askmen.com, http://uk.askmen.com/fashion/trends_400/439_throwback-watches.html.
  121. ^ uk.askmen.com, http://uk.askmen.com/fashion/trends_250/252_fashion_men.html.
  122. ^ Copia archiviata, su sneakers.bz. URL consultato il 28 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  123. ^ sneakerfiles.com, http://www.sneakerfiles.com/converse-chuck-taylor/converse-all-star/.
  124. ^ www.minq.com, https://www.minq.com/style/617/the-11-most-embarrassing-fashion-trends-ever/.
  125. ^ TMZ, https://www.tmz.com/2013/10/05/ed-hardy-christian-audigier-hate-jon-gosselin/.
  126. ^ AskMen, https://www.askmen.com/fashion/fashiontip_400/480_what-not-to-wear.html.
  127. ^ Complex, http://uk.complex.com/style/2013/09/ed-hardy-confirms-christian-audigier-douchebag.
  128. ^ The Times of India, https://timesofindia.indiatimes.com/life-style/fashion/style-guide/How-men-can-dress-their-age/articleshow/24328815.cms.
  129. ^ uk.askmen.com, http://uk.askmen.com/fashion/fashiontip_400/440_two-button-or-three-button-suit.html.
  130. ^ uk.askmen.com, http://uk.askmen.com/fashion/trends_500/592_power-dressing.html.
  131. ^ uk.askmen.com, http://uk.askmen.com/fashion/trends_400/443b_2009-timeless-mens-lines.html.
  132. ^ "The Scene Kid Subculture vs. Emos – News Article" Absolute Punk Retrieved 2008-10-18
  133. ^ Moshing and Moshers (8 August 2005) BBC
  134. ^ [Keyes, Cheryl. Rap Music and Street Consciousness, p. 152]
  135. ^ a b Laura L. Cummings, Cloth-Wrapped People, Trouble, and Power: Pachuco Culture in the Greater Southwest, in Journal of the Southwest, vol. 45, n. 3, Autumn 2003, pp. 329–348.
  136. ^ Hip hop style. Uk.askmen.com.
  137. ^ Wilbekin, Emil. "Great Aspirations: Hip Hop and Fashion Dress for Excess and Success." The Vibe History of Hip Hop. Three Rivers Press 1999. Page 280.
  138. ^ Last White Superstar. Web.archive.org (10 January 2010).
  139. ^ Sandra Choron e Harry Choron, the Book of Lists for Teens, Houghton Mifflin Harcourt, 24 October 2002, ISBN 0547346972.
  140. ^ Why is chav still controversial?. Bbc.co.uk (3 June 2011).
  141. ^ Peterson, Brian (2009). Burning Fight: The Nineties Hardcore Revolution in Ethics, Politics, Spirit, and Sound. Revelation Books. ISBN 978-1-889703-02-2.
  142. ^ Denim guide. Uk.askmen.com.
  143. ^ Ryan Shckler interview Archiviato l'8 October 2012 Data nell'URL non combaciante: 8 ottobre 2012 in Internet Archive.. Askmen.com.
  144. ^ Dead fashionable. Theage.com.au (13 September 2002).
  145. ^ [Lauren M. E. Goodlad, Michael Bibby: Goth. Undead subculture, Duke University Press, 2007, ISBN 978-0-8223-3921-2, p. 47]
  146. ^ Rivethead fashion Archiviato il 20 October 2012 Data nell'URL non combaciante: 20 ottobre 2012 in Internet Archive.. Voices.yahoo.com.
  147. ^ [Baddeley, Gavin (2002). Goth Chic: A Connoisseur's Guide to Dark Culture. London: Plexus Publishing, p. 204.]
  148. ^ Raggare comes of age. Guardian.
  149. ^ Buszek, Maria Elena (2006). Pin-up grrrls: feminism, sexuality, popular culture. Duke University Press. ISBN 0-8223-3746-0.
  150. ^ Ed Hardy shop. Ed Hardy shop.
  151. ^ Ed Hardy hat. Uk.askmen.com.
  152. ^ Dress like an indie frontman Archiviato il 4 November 2011 Data nell'URL non combaciante: 4 novembre 2011 in Internet Archive.. Uk.askmen.com.
  153. ^ Birth of uncool. Guardian.
  154. ^ Kanye West. Uk.askmen.com.
  155. ^ Grillo, Ioan. (27 March 2008) Emo bashing in Tijuana Archiviato il 26 agosto 2013 in Internet Archive.. Time.com.
  156. ^ bbc.co.uk, https://www.bbc.co.uk/switch/them/jazz-scenester.shtml.
  157. ^ "Travis Haight "New Haights: Scene kids ought to receive a crash course on their group" Archiviato il 19 June 2007 Data nell'URL non combaciante: 19 giugno 2007 in Internet Archive. 23 May 2007
  158. ^ absolutepunk.net, http://www.absolutepunk.net/showthread.php?t=308135.
  159. ^ Grant Woodward Finding Emos ...and goths, moshers and scene kids Yorkshire Evening Post 9 March 2007
  160. ^ Marina Yakhnis "'Scene kids' will destroy democracy" Archiviato il 22 January 2009 Data nell'URL non combaciante: 22 gennaio 2009 in Internet Archive. 14 December 2006 The Times-Delphic
  161. ^ Copia archiviata, su hottopic.com. URL consultato il 28 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2010).
  162. ^ ^ a b Haenfler, Ross (2006). Straight Edge: Hardcore Punk, Clean Living Youth, and Social Change (p. 11). Piscataway: Rutgers University Press. ISBN 0-8135-3851-3
  163. ^ Caroline Marcus "Inside the clash of the teen subcultures" Sydney Morning Herald 30 March 2008
  164. ^ Robert Urban, Robert Urban. "Ragged Blade Reviews: Queen's Freddie Mercury and his Legacy" Archiviato il 31 July 2014 Data nell'URL non combaciante: 31 luglio 2014 in Internet Archive. Retrieved 1 August 2010.
  165. ^ a b c d e Copia archiviata, su beautyeditor.ca. URL consultato il 28 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2014).
  166. ^ hairboutique.com, http://www.hairboutique.com/tips/tip564.htm.
  167. ^ fashionencyclopedia.com, http://www.fashionencyclopedia.com/fashion_costume_culture/Modern-World-Part-II-1961-1979/Farrah-Fawcett-Look.html.
  168. ^ a b c d e f g Copia archiviata, su bellasugar.com. URL consultato il 28 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2014).
  169. ^ AskMen, https://www.askmen.com/grooming/appearance/.
  170. ^ "Marksimpson.com 'Here come the mirror men' by Mark Simpson – first usage of the word 'metrosexual'" Mark Simpson Archiviato il 19 January 2007 Data nell'URL non combaciante: 19 gennaio 2007 in Internet Archive.. Retrieved 18 October 2008.
  171. ^ Copia archiviata, su hair-style-salon.org. URL consultato il 28 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2011).
  172. ^ "Metropolis – Tokyo feature stories: Face to face with Harajuku – Pictures of Japanese youth" Metropolis.co.jp Retrieved 2008-10-18. Archiviato il 24 November 2006 Data nell'URL non combaciante: 24 novembre 2006 in Internet Archive.
  173. ^ Copia archiviata, su AskMen. URL consultato il 28 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2020).
  174. ^ Make-Up For The Year 2000, in CBS News, 8 June 1999. URL consultato il 25 July 2014.
  175. ^ a b longisland.com, http://www.longisland.com/articles/05-31-01/cosmeticmallcoms-summer-beauty-trends-2001.html.
  176. ^ beauty.about.com, http://beauty.about.com/od/makeuptrickstips/a/beautrend.htm.
  177. ^ waxing.net, http://www.waxing.net/waxing-for-men.html.
  178. ^ telegraph.co.uk, https://www.telegraph.co.uk/expat/expatnews/6788263/Hong-Kong-women-shrug-off-tattoo-taboo.html.
  179. ^ www.nganfineart.com, http://www.nganfineart.com/calli-tattoo/tattoo_celeb_david-beckham_en.html.
  180. ^ news.xinhuanet.com, http://news.xinhuanet.com/english/2009-03/26/content_11075332.htm.
  181. ^ news.bbc.co.uk, http://news.bbc.co.uk/2/hi/7034500.stm.
  182. ^ knowyourmobile.com, https://www.knowyourmobile.com/know-your-mobile/sony-ericsson-launches-w595-ed-hardy-edition/.
  183. ^ nytimes.com, https://www.nytimes.com/2009/11/13/us/13sftattoo.html.
  184. ^ thestar.com, https://www.thestar.com/life/2010/10/08/no_longer_taboo_for_women_tattoos_are_the_new_coverup.html.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda