Mnesarco di Atene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il filosofo crotoniate, vedi Mnesarco di Crotone.

Mnesarco di Atene (in greco: Μνήσαρχος) (Atene, 160 a.C. circa – 85 a.C. circa) è stato un filosofo stoico greco antico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu allievo di Diogene di Babilonia e Antipatro di Tarso. Cicerone afferma[1] che Mnesarco era uno dei capi della scuola stoica (in latino: principes Stoicorum) ad Atene, insieme a Dardano, nel periodo in cui Antioco di Ascalona si stava allontanando dallo scetticismo (circa nel 95 a.C.). Per qualche tempo, fu il maestro di Antioco e potrebbe aver insegnato anche a Filone di Larissa[2].

Dopo la morte di Panezio (109 a.C.), la scuola stoica ad Atene appare frammentata e Mnesarco fu probabilmente uno dei diversi insegnanti stoici di rilievo in quest'epoca. Morì probabilmente nel periodo in cui Cicerone stava studiando la filosofia ad Atene.

Lo stesso Cicerone lo menziona diverse volte e sembra avere familiarità con alcuni scritti di Mnesarco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cicerone, Academica, 2. 69.
  2. ^ C. Brittain, Philo of Larissa: The Last of the Academic Sceptics, Oxford University Press, 2001, p. 49.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • K. Algra, The Cambridge History of Hellenistic Philosophy, Cambridge University Press, 1999, p. 41.
  • B. Inwood, The Cambridge Companion to the Stoics, Cambridge University Press, 2003, p. 27.