Miss Marx

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Miss Marx
Miss Marx.png
Eleanor Marx (Romola Garai) in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneItalia, Belgio
Anno2020
Durata107 min
Generebiografico, storico, drammatico
RegiaSusanna Nicchiarelli
SceneggiaturaSusanna Nicchiarelli
ProduttoreMarta Donzelli, Gregorio Paonessa
Produttore esecutivoAlessio Lazzareschi
Casa di produzioneVivo film, Rai Cinema, Tarantula, VOO, BeTV
Distribuzione in italiano01 Distribution
FotografiaCrystel Fournier
MontaggioStefano Cravero
Effetti specialiMassimiliano Battista
MusicheGatto Ciliegia contro il Grande Freddo
ScenografiaAlessandro Vannucci, Igor Gabriel
CostumiMassimo Cantini Parrini
TruccoDiego Prestopino, Domingo Santoro
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Miss Marx è un film del 2020 scritto e diretto da Susanna Nicchiarelli, sulla figura di Eleanor Marx.

È stato presentato in concorso alla 77ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La colta e brillante Eleanor Marx, figlia minore di Karl Marx, è in prima linea nel promuovere il socialismo nel Regno Unito, partecipando alle lotte operaie, combattendo per i diritti delle donne e l'abolizione del lavoro minorile. Nel 1883, conosce Edward Aveling, talentuoso commediografo ma uomo egoista e scialacquatore. Mentre è intento a indebitarsi e a consumare l'eredità lasciata a Eleanor da Friedrich Engels, Edward non si rende conto di star consumando anche l'intera esistenza della devota compagna, la quale, pur consapevole di star vivendo quella stessa "oppressione morale" imposta dal patriarcato e da lei condannata, non è in grado di riscattare la propria felicità, e, al fine, neppure la propria vita. Nella scena in cui Eleanor e Edward recitano insieme il famoso dialogo tra Nora e Helmer durante la messa in scena di Casa di bambola di Ibsen, i due personaggi sembrano ripercorrere attraverso le parole di un altro l'ingiusta sorte destinata a Eleanor così come a molte altre: quella di una donna condizionata e limitata per tutta la sua vita dalle figure maschili a lei più care. Nel 1898 persa ogni energia e ormai dipendente da oppio Eleanor Marx muore suicida, ma vittima del patriarcato.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

La prima clip del film è stata diffusa online il 28 luglio 2020.[2] Il primo trailer è stato diffuso online il 31 luglio seguente.[3]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima il 5 settembre 2020 alla 77ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[1][4] È stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane da 01 Distribution a partire dal 17 settembre 2020.[5]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Zack Sharf, Venice Film Festival 2020 Full Lineup: Luca Guadagnino, Chloe Zhao, Gia Coppola, and More, su indiewire.com, 28 luglio 2020. URL consultato il 28 luglio 2020.
  2. ^ Filmato audio 01 Distribution, MISS MARX di Susanna Nicchiarelli (2020) - In Concorso a #Venezia77, su YouTube, 28 luglio 2020. URL consultato il 29 luglio 2020.
  3. ^ Filmato audio 01 Distribution, MISS MARX di Susanna Nicchiarelli (2020) - Trailer Italiano Ufficiale HD, su YouTube, 31 luglio 2020. URL consultato il 1º agosto 2020.
  4. ^ Miss Marx, su labiennale.org, Biennale di Venezia. URL consultato il 21 agosto 2020.
  5. ^ Miss Marx, da giovedì 17 settembre al cinema, su MyMovies.it, 24 giugno 2020. URL consultato il 29 luglio 2020.
  6. ^ Premi collaterali della 77ª Mostra, su labiennale.org, Biennale di Venezia, 11 settembre 2020. URL consultato il 13 settembre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]