Miscanthus giganteus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Miscanthus Giganteus
Miscanthus giganteus.jpg
Miscanthus Giganteus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Magnoliophyta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Poales
Famiglia Poaceae
Sottofamiglia Panicoideae
Genere Miscanthus

Il miscanto (Miscanthus x Giganteus) è un'erba perenne derivata da un ibrido tra il Miscanthus Sinensis e Miscanthus sacchariflorus destinato alla produzione di biomasse. Assume l'anidride carbonica in grande quantità (rispetto alle piante simili il ruolo viene quasi quadruplicato). La graminacea viene utilizzata anche come combustibile per il riscaldamento, dato l'elevato potere calorifico: un ettaro corrisponde a circa 20-25 tonnellate di materiale secco da destinare alla combustione.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Biocombustibili[modifica | modifica wikitesto]

In Europa è attualmente utilizzato come una coltivazione energetica commerciale, come fonte di calore (sotto forma di cippato, pellet e bricchetti) ed elettricità in impianti domestici ed industriali. Essendo una coltivazione non alimentare, può essere convertito in biocarburanti avanzati di seconda generazione di come bioetanolo e biodiesel.

Date le sue proprietà, il miscanto può essere utilizzato con successo per la produzione di pellet non forestale, il cosiddetto agripellet. L'Italia è il primo mercato europeo per il consumo di pellet di legno, con oltre 3 milioni di tonnellate all'anno, di cui solo il 20% risulta essere prodotto nei confini nazionali e il restante importato. L'elevata importazione rappresenta uno dei punti deboli del mercato del pellet in quanto impoverisce enormemente gli effetti benefici a livello ambientale derivanti dal consumo di un prodotto ecologico qual è il pellet, inoltre, è responsabile dell’instabilità dell’offerta, dell’incertezza circa l’approvvigionamento e della fluttuazione dei prezzi di mercato.[1] L'agripellet essendo prodotto da coltivazioni erbacee dedicate come il miscanto o da scarti di lavorazione agricola diversi dal legno, può essere realizzato attraverso una filiera locale e stabile diventando una fonte di reddito integrativo per gli agricoltori. Il suo utilizzo, è incentrato prevalentemente su impianti a biomasse industriali dotati di griglia mobile o con bruciatori ottimizzati. Tuttavia, vi è sempre una maggiore applicazione anche su stufe e caldaie domestiche dotate di bracieri autopulenti.

Finanziamenti e ricerca[modifica | modifica wikitesto]

In Europa sono state effettuate numerose ricerche universitarie sulle importanti potenzialità della coltivazione. In Italia, l'Università Cattolica del Sacro Cuore[2] ed il Politecnico di Milano[3][4], sono partner di progetti finanziati grazie al programma Horizon 2020[5], il cui obiettivo è valutare l'applicazione del miscanto su terreni marginali per alimentare bioraffinerie, sviluppare biocompositi e biopolimeri nonché ridurre le emissioni di CO2.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pellet economico di qualità made in Italy dall’agricoltura, in MyAgronomo.it, 25 agosto 2015. URL consultato il 9 luglio 2018.
  2. ^ 8. Bioeconomia, su 8. Bioeconomia | Università Cattolica del Sacro Cuore. URL consultato il 9 marzo 2018.
  3. ^ H2020 Residue2Heat. Il Politecnico di Milano è partner del progetto | Scienza e Governo, su www.scienzaegoverno.org. URL consultato il 9 marzo 2018.
  4. ^ Le potenzialità dell’olio ricavato per pirolisi dalla biomassa per la produzione di calore nelle abitazioni (PDF), in Politecnico di Milano.
  5. ^ Commissione europea : CORDIS : Progetti e risultati : Optimizing Miscanthus Biomass Production - OPTIMISC, su cordis.europa.eu. URL consultato il 9 marzo 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica