Miroslav Karhan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Miroslav Karhan
Miroslav Karhan.jpg
Nazionalità Slovacchia Slovacchia
Altezza 189 cm
Peso 88 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 10 agosto 2013 - giocatore
Carriera
Giovanili
1993-1994 Spartak Trnava
Squadre di club1
1994-1999 Spartak Trnava 153 (21)
1999-2000 Betis 33 (2)
2000-2001 Beşiktaş 26 (2)
2001-2007 Wolfsburg 173 (9)
2007-2011 Magonza 109 (10)
2011-2013 Spartak Trnava 64 (6)
Nazionale
1995-2011 Slovacchia Slovacchia 107 (14)
Carriera da allenatore
2016-2017Spartak Trnava
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 22 dicembre 2017

Miroslav Karhan (Hlohovec, 21 giugno 1976) è un allenatore di calcio ed ex calciatore slovacco, di ruolo centrocampista.

Detiene finora il record di presenze nella Nazionale slovacca, con 107 presenze, e in carriera ha giocato più di 650 partite tra squadre di club e Nazionale.

Inizia la carriera allo Spartak Trnava, poi dopo un lustro si trasferisce in Spagna. Resta una stagione al Real Betis, poi firma per il Beşiktaş, quindi passa al Wolfsburg in Bundesliga. Nel 2002, in seguito alle sue prestazioni con la maglia dei Lupi, è votato calciatore slovacco dell'anno. Resta sei anni, poi finisce a Magonza. Altri quattro anni ad alti livelli prima di chiudere in patria, nel club che l'aveva lanciato tra i professionisti, lo Spartak Trnava.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Mediano affidabile,[1][2][3] non era un giocatore tecnico[2] e poteva essere schierato anche come interno di centrocampo o come esterno destro.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Karhan inizia la carriera nelle giovanili dello Spartak Trnava. Nel 1994 esordisce nello Spartak, giocando fino al 1999 e vincendo la Coppa e la Supercoppa nazionale nel 1998 e totalizzando 153 presenze e 21 gol in campionato. Nel 1997 debutta in Coppa UEFA.

Nel 1999 si trasferisce in Spagna, al Betis di Siviglia che è appena retrocesso dalla prima alla seconda divisione. Titolare fisso, disputa 33 incontri di campionato e realizza due reti, la prima con la maglia del Real Betis è realizzata il 25 settembre 1999 contro il Barcellona, sfida persa 4-1.[4] Dopo una sola stagione, passa ai turchi del Beşiktaş: gioca 26 match e segna 2 gol nel campionato turco, facendo il suo esordio anche in UEFA Champions League, dove prende parte a 5 partite.

Nel 2001, il Besiktas lo cede a titolo definitivo al Wolfsburg in cambio di 2,75 milioni di euro. Nei sette anni seguenti, è schierato costantemente dai tecnici del club tedesco di Bundesliga, trovando molto spazio e giocando in ogni ruolo del centrocampo, in diverse occasioni anche da trequartista o da terzino destro. Il 13 marzo 2004, nella gara di campionato contro il Bayer Leverkusen (persa 4-2), scende in campo per la prima e unica volta come capitano dei Lupi.[5] Totalizza 190 presenze e 12 reti con il Wolfsburg, giocando anche la Coppa Intertoto 2005: la rete realizzata il 2 luglio contro lo Sturm Graz (2-2)[6] è la sua prima marcatura nelle competizioni UEFA per club.

Nel 2007 si trasferisce al Magonza, squadra di seconda serie. Il 28 marzo 2008 firma la sua prima doppietta in carriera nella sua esperienza tedesca contro l'Erzgebirge Aue (3-3), segnando il suo primo gol su rigore.[7] Nella stagione 2008-2009, il Magonza raggiunge il secondo posto in campionato ed è promosso in Bundesliga. Karhan gioca da titolare la prima annata in massima divisione, ma nella stagione 2010-2011 perde il posto da titolare e dopo quattro stagioni passate a Magonza nel 2011, a distanza di dodici anni, torna a giocare in patria con la divisa dello Spartak Trnava, la squadra che lo aveva lanciato tra i professionisti. Dopo un paio di stagioni, 79 presenze e 8 gol, tra cui anche 10 incontri e 1 rete in Europa League, giocando anche diversi match europei da capitano, si ritira dal calcio giocato.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 settembre 1995 esordisce in Nazionale contro Israele, sfida valida per le qualificazioni all'Europeo 1996 vinta 1-0. Karhan è convocato frequentemente con la Slovacchia e 3 settembre 2000, a 24 anni, scende in campo per la prima volta come capitano della Nazionale slovacca contro la Macedonia, match vinto 2-0. Tra il 2005 e il 2006 resta il capitano della Slovacchia, per poi indossare sporadicamente la fascia nel 2008, nel 2009 e nel 2010 (nel 2007 non scende mai in campo con la Slovacchia). Nel 2010 è selezionato nella lista dei 30 per partire verso la fase finale del Mondiale 2010 in Sudafrica,[1] ma a due settimane dal via, s'infortuna al tendine d'Achille, dovendo lasciare la spedizione.[2][3][8] Il 12 ottobre 2010 raggiunge la centesima presenza in Nazionale, in una sfida pareggiata 1-1 con l'Irlanda. Il 7 ottobre 2011, dopo più di sedici anni, gioca l'ultima partita con la Slovacchia in un incontro perso 0-1 contro la Russia.

Con 107 presenze in Nazionale, è il primatista slovacco per numero di presenze.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

FC Spartak Trnava: 1997-1998
FC Spartak Trnava: 1998

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2002

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Slovacchia, in ANSA, 10 aprile 2009. URL consultato il 3 ottobre 2016.
  2. ^ a b c Esordio tra i big con la forza dei giovani, in la Repubblica, 1º giugno 2010. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  3. ^ a b Emanuele Gamba, La rissosa Slovacchia è più spaventata di noi, in la Repubblica, 23 giugno 2010. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  4. ^ Barcellona 4-1 Real Betis, Transfermarkt.it.
  5. ^ Bayer Leverkusen 4-2 Wolfsburg, Transfermarkt.it.
  6. ^ Wolfsburg 2-2 Sturm Graz, Transfermarkt.it.
  7. ^ Erzgebirge Aue 3-3 Magonza, Transfermarkt.it.
  8. ^ Calcio: Slovacchia, niente Mondiali per Karhan, in La Gazzetta dello Sport, 30 maggio 2010. URL consultato il 4 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]