Mirko Vuillermin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mirko Vuillermin
Nazionalità Italia Italia
Short track Short track speed skating pictogram.svg
Ritirato 1997
Palmarès
Giochi olimpici invernali 1 1 0
Campionati mondiali 2 4 3
Campionati mondiali a squadre 1 1 3
Campionati europei 2 0 2
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Mirko Vuillermin[1] (Aosta, 2 agosto 1973) è un ex pattinatore di short track italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera è stata interrotta nel maggio 1997 da un grave incidente motociclistico, poco dopo un altro grave incidente sempre motociclistico nel quale l'altro atleta italiano di short track Orazio Fagone (vincitore con Vuillermin della medaglia d'oro in staffetta ai Giochi olimpici di Lillehammer) ha perso l'uso delle gambe.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici invernali[modifica | modifica wikitesto]

Campionati mondiali di short track[modifica | modifica wikitesto]

Campionati mondiali di short track a squadre[modifica | modifica wikitesto]

Campionati europei di short track[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce d'oro al merito dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro al merito dell'Esercito
«Sottufficiale degli alpini, atleta della Sezione Sci della Scuola Militare Alpina, componente della rappresentativa nazionale italiana che ha partecipato alle XVII Olimpiadi Invernali, conquistava una medaglia d'oro ed una d'argento nella specialità "short track", a riprova di perfetto connubio, di non comuni qualità fisiche e profondo spirito di sacrificio. Contribuiva, pertanto, al consolidamento dell'immagine della Nazione e dell'Esercito Italiano. LILLEHAMMER (NORVEGIA) - 12.02.1994 - 27.02.1994.»
— 21 febbraio 1995.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pronuncia francese Vüillermèn.
  2. ^ Dettaglio decorato. Vuillermin Serg. VFP Mirko, quirinale.it. URL consultato il 24 settembre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]