Mirko Drazen Grmek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Mirko Grmek)
Jump to navigation Jump to search

Mirko Drazen Grmek (Krapina, 9 gennaio 1924Parigi, 6 marzo 2000) è stato uno scrittore croato naturalizzato francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea conseguita a Zagabria, si trasferisce a Parigi, al Collège de France, nel 1963. Qui divenne il curatore nonché il massimo esperto internazionale degli scritti di Claude Bernard. Naturalizzato francese nel 1967, si dedicherà alla costruzione di un'opera monumentale sulla storia del pensiero medico in Occidente, avvalendosi di un'équipe internazionale composta da medici, biologi, storici, sociologi, psicologi e filosofi. Chiuderà la sua carriera universitaria come docente di Storia delle scienze biologiche e mediche alla Sorbona di Parigi. Dal 1995 al 1998 è stato docente presso il Corso di Perfezionamento in Paleopatologia dell'Università di Pisa.

Grmek, come storico della scienza e della medicina, concepiva l'uomo e la società quali enti composti da elementi corporei e psichici, interagenti attraverso una complessa vicenda di particelle che nascono, vivono, crescono e muoiono. La storia della medicina - dai tempi degli egizi e dei greci alla sorprendente tecnologia dei tempi moderni - è dunque soltanto una lotta per alleviare il peso della malattia e per procrastinare la morte, e non già per eliminarle. Senza di esse, infatti, non esisterebbe la vita. La salute fisica e mentale dell'uomo - secondo Grmek - passa anche attraverso l'accettazione di tale semplice e profonda certezza.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Le malattie nell'arte antica (2000), Giunti
  • La vita, la malattia e la storia (1998), Di Renzo Editore
  • Il calderone di Medea. La sperimentazione sul vivente nell'antichità (1996), Laterza
  • Le malattie all'alba della civiltà occidentale (1985), Il Mulino
  • Storia del pensiero medico occidentale. Antichità e Medioevo, (2007), Laterza

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76316497 · ISNI (EN0000 0001 1029 6771 · SBN IT\ICCU\CFIV\050419 · LCCN (ENn80090409 · GND (DE119124513 · BNF (FRcb11905958v (data) · NLA (EN36050879 · BAV ADV11711418