Mio cognato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mio cognato
Paese di produzioneItalia
Anno2003
Durata90 min
Generecommedia
RegiaAlessandro Piva
SoggettoAlessandro Piva,
Andrea Piva,
Salvatore De Mola
SceneggiaturaAlessandro Piva,
Andrea Piva,
Salvatore De Mola
Distribuzione (Italia)01 Distribution
FotografiaGian Enrico Bianchi
MontaggioThomas Woschitz, Johannes Nakajima
MusicheIvan Iusco,
Nicola Cipriani
ScenografiaMarianna Sciveres
CostumiFrancesca Leondeff
Interpreti e personaggi

Mio cognato è un film del 2003 diretto da Alessandro Piva.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il timido Vito ha sposato Anna, sorella di Toni, un cognato strafottente e spensierato. Al pranzo del battesimo del figlio di Toni, a Vito viene rubata l'automobile, un'utilitaria appena ritirata in concessionaria e ancora priva di assicurazione. La festa è sfumata e Toni, solo per dovere familiare, si convince ad accompagnare Vito nella ricerca dell'automobile.
Inizia per i due parenti un viaggio per i quartieri di una Bari di cui Vito nemmeno sospettava l'esistenza, a bordo della bella auto di Toni, una cabriolet rossa, che al contrario del cognato sembra muoversi con una certa disinvoltura tra i codici non scritti della malavita locale. I due attraverso questo viaggio, in una notte che sembra non avere mai fine, avranno modo di conoscersi meglio.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Film quasi interamente girato a Bari (in particolare nella città vecchia). Alcune scene anche a Locorotondo.[1]

In una scena si nota un chiaro riferimento al film Lacapagira.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ seminaltube, MIO COGNATO - regia di Alessandro Piva, 26 maggio 2014. URL consultato il 28 aprile 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema