Minuetto/Tu sei così

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Minuetto
ArtistaMia Martini
Tipo albumSingolo
Pubblicazione2 aprile 1973
Durata4:44
Album di provenienzaIl giorno dopo
GenerePop
EtichettaRicordi
NoteFacciata A: Festivalbar 1973
Certificazioni
Dischi d'oroItalia Italia[1]
Mia Martini - cronologia
Singolo successivo
(1973)

Minuetto/Tu sei così è un singolo di Mia Martini, pubblicato nel 1973.

Si tratta del 45 giri più venduto nella carriera della cantante.

Minuetto è un brano musicale scritto da Franco Califano (testo) e Dario Baldan Bembo (musica), inciso nel 1973 da Mia Martini e successivamente dallo stesso Califano.

Si rivelò in assoluto uno dei più grandi successi dell'estate 1973[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La copertina del singolo ritrae Mia Martini seduta accarezzando un cane al Caffè Greco di Roma.

Il testo di Minuetto nasce dopo i tentativi di Maurizio Piccoli e Bruno Lauzi, che invano avevano cercato di realizzarne una stesura convincente; si decide pertanto di contattare Franco Califano, il quale - traendo spunto dalle ultime vicende sentimentali della stessa Mia Martini - riesce a cucirle addosso un successo senza tempo, successo dovuto anche ad un arrangiamento di ottimo livello, a supporto della complessa partitura di Baldan Bembo, in cui si possono individuare diverse atmosfere musicali: dalla citazione classica di Bach alle ballate pop d'oltreoceano. In sala d'incisione prendono parte al coro anche Bruno Lauzi, Maurizio Fabrizio, i Fratelli La Bionda, Loredana Bertè e Adriano Panatta (all'epoca fidanzati).

La canzone racconta le ore tutte uguali di una donna, schiava del suo uomo, il quale prende ciò che vuole e se ne va (...ne approfitta il tempo e ruba, come hai fatto tu...).

Minuetto, in assoluto la sua canzone più venduta[3], le vale un nuovo disco d'oro[4], nonché la seconda vittoria consecutiva al Festivalbar[5][6][7][8][9][10],con 119.613 voti, cosa che in precedenza era riuscita solamente a Lucio Battisti; Il disco entra nella top-ten dei 45 giri più venduti il 23 giugno 1973[11],raggiungendo la seconda posizione,[12], ma da altre fonti raggiunge anche la prima posizione, restando per 30 settimane consecutive [1] e risultando il 7° singolo di maggior successo del 1973[13], mentre assieme a Pazza idea, sarà il più venduto del 1973. La canzone verrà presentata, alla fine di dicembre, al Midem di Cannes, ma cantata in francese[14].

Califano, in un'intervista citerà:

« ...Il nostro incontro risale al ’73. Avevo appena finito di comporre “Minuetto” e sentii subito che si trattava di un pezzo del quale Mia Martini avrebbe colto perfettamente tutte le sfumature, la sua storia di amore disperato. Glielo affidai e Mia vinse il Festival d’Europa e il Festivalbar. In qualche modo ‘Minuetto’ segnò il suo grande successo, la nascita di un’interprete impareggiabile, che osservava il mondo e gli uomini con una straordinaria sensibilità. Non ci legava una frequentazione assidua, anzi sono poche le occasioni nelle quali io e Mia ci siamo ritrovati vicini a parlare di musica, di quella musica che per lei era in qualche modo uno strumento di liberazione, un modo per dimenticare... »

Versioni e cover[modifica | modifica wikitesto]

  • 1973: versione alternativa di Minuetto intitolata Salvami.
  • 1973: versione inglese di Tu sei così intitolata You are my love.
  • 1973: versione francese di Minuetto intitolata Tu t'en vas quand tu veux.
  • 1974: versione spagnola di Minuetto.
  • 1974: versione inglese del gruppo Os Motokas intitolata Tenderly.
  • 1978: versione della Bembo's orchestra.
  • 2006: cover di Albano.
  • 2008: cover di Franco Califano.

Direzione d'orchestra e arrangiamenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Natale Massara e orchestra

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Minuetto – 4:44 (testo: Franco Califano – musica: Dario Baldan Bembo)
  2. Tu sei così – 3:53 (testo: Luigi Albertelli – musica: Massimo Guantini)

Crediti[modifica | modifica wikitesto]

Tributi[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2013 Edizioni Master ne pubblica la ristampa con l'ottavo numero della raccolta L'enciclopedia de I migliori anni abbinata all'omonima trasmissione. Il 13 gennaio 2013 su Rai 5, il programma Dentro una canzone di Omar Pedrini racconta la nascita e l'importanza di Minuetto.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1973) Posizione
massima
Posizione
annuale
Italia 1 7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FIMI Certificazioni singoli - Week 43/2012
  2. ^ Chez Mimì di Pippo Augliera
  3. ^ Grande dizionario della canzone italiana, pag. 537
  4. ^ Mia Martini storia di una voce, documentario de La Storia Siamo Noi
  5. ^ Mia Martini: ha vinto il Festivalbar, pubblicato su Intrepido del 13 settembre 1973,n° 37 pag. 40
  6. ^ Mia Martini rivince al Festivalbar '73 pubblicato su La stampa del 25 agosto 1973
  7. ^ Se non c'è Battisti, la regina è Mia pubblicato sul Corriere della sera del 26 agosto 1973
  8. ^ La Martini ha rivinto al Festivalbar pubblicato su Il Mattino del 28 agosto 1973
  9. ^ Il bis della Martini al Festivalbar pubblicato su Qui giovani del 30 agosto 1973
  10. ^ Con il 45 giri Minuetto ha sconfitto Marcella e Paul McCartney pubblicato su Tv sorrisi e canzoni del 6 settembre 1973
  11. ^ Hit Parade Top settimanale del 23 giugno 1973.
  12. ^ Hit Parade Top settimanale del 29 settembre 1973.
  13. ^ Hit Parade Italia - I singoli più venduti del 1973.
  14. ^ Tg 2 Dossier, "Voci spezzate", RAI, 2005
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica