Mino Doletti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mino Doletti (Verona, 1906Roma, 16 maggio 1987) è stato un giornalista, critico cinematografico e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Verona nel 1906 si laurea nella sua città in giurisprudenza, inizia subito dopo la sua attività di giornalista occupandosi soprattutto di cronache dello spettacolo e di critica cinematografica sul Il Resto del Carlino, sino al 1938 quando fonda nella capitale il settimanale Film destinato alle attualità del cinema e del suo mondo, con interviste, critiche e servizi fotografici, divenendo in breve tempo una delle riviste più diffuse.

Sempre nel 1938 inizia a collaborare alle sceneggiature di alcuni film tra cui Orgoglio, Follie del secolo, Martin Toccaferro.

Nel 1943 decide di scegliere la Repubblica di Salò spostando a Verona la direzione della rivista, la quale diventa la pubblicazione ufficiale del cinema prodotto al nord. Questo gli costerà nel 1945 l'emarginazione, dopo essere stato collocato nella lista di proscrizione per quelli che avaevano aderito al fascismo sino a seguirne le sorti nella RSI.

Alla fine del 1945 fonda il periodico Film d'oggi e negli anni '60 diviene critico televisivo del quotidiano romano Il Tempo diretto da Renato Angiolillo, attività che manterrà sino a pochi mesi dalla sua morte.

Sceneggiature[modifica | modifica wikitesto]

Programmi radiofonici RAI[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • La nascita di Film [1]