Minnie Alzona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Minnie Alzona (Genova, 1920Genova, novembre 2008) è stata una scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Minnie Alzona nasce a Genova nel 1920.

È autrice di numerosi libri, romanzi storici, opere autobiografiche, racconti e favole. Dagli anni Sessanta agli anni Ottanta anima a Genova un salotto letterario frequentato da scrittori e intellettuali. Svolge un'intensa attività professionale nel campo della critica letteraria e collabora con saggi, interviste e corrispondenze di viaggio a periodici e quotidiani . È presidente nazionale della Federazione dei Lyceum italiani e del Lyceum di Genova e fa parte dell'Accademia ligure di scienze e lettere. È fra i membri delle giurie di importanti premi letterari.

Muore a Genova nel novembre 2008.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Processo alla camerata, Stefano, Genova, 1958
  • La moglie del giudice, Di Stefano, Genova, 1960
  • La strega, Rizzoli Milano 1964
  • Coma vigile, Rizzoli Milano 1967
  • Il giro del fronte, Edizioni Pan 1972
  • Viaggio angelico, Edizioni Pan 1977
  • La corona di Undecimilla, Edizioni Paoline Roma 1986, tradotto e trasmesso nel 1990 come radiodramma a Zagabria
  • Il pane negato, un libro di racconti, Santi Quaranta Editrice, Treviso 1996
  • Appunti per un addio, Santi Quaranta Editrice, Treviso 1996
  • La bottega del tempo, Alghero, Nemapress, 2003, ISBN 9788876290015.

Premi letterari[modifica | modifica wikitesto]

  • nel 1957 il Premio Manzoni per Processo alla Camerata,
  • nel 1959 il premio "Charles Veillon" di Zurigo per l'inedito La moglie del giudice,
  • nel 1977 il premio Selezione Napoli con Viaggio angelico
  • il premio della critica "Renato Serra" per l'intera opera;
  • nel 1985 ha vinto il premio "Città di Genova",
  • nel 1993 è finalista al premio Rapallo per "Il pane negato",
  • il ministero della cultura francese le ha conferito la croce di "Chevalier des arts et des lettres".[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Repubblica, 16 novembre 2008
  2. ^ Neria De Giovanni, Carta di donna. Narratrici italiane del '900, Torino, SEI, 1996, p. 248.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Neria De Giovanni, Carta di donna. Narratrici italiane del '900, Torino, SEI, 1996.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232892668 · ISNI (EN0000 0003 6689 8792 · SBN IT\ICCU\CFIV\053006 · LCCN (ENn81072396 · WorldCat Identities (ENn81-072396