Ministri delle Poste del Regno d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il presente elenco raccoglie tutti i nomi dei titolari del Ministero delle poste e telegrafi del Regno d'Italia, sin dalla sua istituzione nel 1889, col Governo Crispi II.

Foto Ministro Mandato Governo Legislatura
Ministro per le poste e telegrafi[1]
Pietro Lacava.jpg Pietro Lacava 10 marzo 1889 - 6 febbraio 1891 Governo Crispi II Legislatura XVII
Ascanio Branca.jpg Ascanio Branca[2] 6 febbraio 1891 - 15 maggio 1892 Governo di Rudinì I Legislatura XVII
Camillo Finocchiaro Aprile Camera.jpg Camillo Finocchiaro Aprile 15 maggio 1892 - 15 dicembre 1893 Governo Giolitti I Legislatura XVII
Maggiorino Ferraris.gif Maggiorino Ferraris 15 dicembre 1893 - 14 giugno 1894 Governo Crispi III Legislatura XVIII
14 giugno 1894 - 10 marzo 1896 Governo Crispi IV Legislatura XVIII
Pietro Carmine.jpg Pietro Carmine 10 marzo 1896 - 11 luglio 1896 Governo di Rudinì II Legislatura XIX
Emilio Sineo.jpg Emilio Sineo 11 luglio 1896 - 14 dicembre 1897 Governo di Rudinì III Legislatura XIX
14 dicembre 1897 - 26 febbraio 1898 Governo di Rudinì IV Legislatura XX
Luigi Luzzatti.jpg Luigi Luzzatti[3] 26 febbraio 1898 - 1º giugno 1898
Secondo Frola.gif Secondo Frola 1º giugno 1898 - 29 giugno 1898 Governo di Rudinì V Legislatura XX
Nunzio Nasi.JPG Nunzio Nasi 29 giugno 1898 - 14 maggio 1899 Governo Pelloux I Legislatura XX
Marchese di San Giuliano.jpg Antonino Paternò-Castello 14 maggio 1899 - 24 giugno 1900 Governo Pelloux II Legislatura XX
Alessandro Pascolato.jpg Alessandro Pascolato 24 giugno 1900 - 15 febbraio 1901 Governo Saracco Legislatura XXI
Galimberti Tancredi.gif Tancredi Galimberti 15 febbraio 1901 - 3 settembre 1903 Governo Zanardelli Legislatura XXI
Stelluti Scala.jpg Enrico Stelluti Scala 3 settembre 1903 - 5 dicembre 1904 Governo Giolitti II Legislatura XXI
Quadro francesco tedesco.jpg Francesco Tedesco[4] 5 dicembre 1904 - 12 marzo 1905
12 marzo 1905 - 27 marzo 1905 Governo Tittoni Legislatura XXII
Targa Gismondo Morelli Gualtierotti.jpg Gismondo Morelli Gualtierotti 27 marzo 1905 - 24 dicembre 1905 Governo Fortis I Legislatura XXII
Ignazio Marsengo.jpg Ignazio Marsengo-Bastia 24 dicembre 1905 - 8 febbraio 1906 Governo Fortis II Legislatura XXII
Alfredo Baccelli.jpg Alfredo Baccelli 8 febbraio 1906 - 29 maggio 1906 Governo Sonnino I Legislatura XXII
Carlo Schanzer.jpg Carlo Schanzer 29 maggio 1906 - 10 dicembre 1909 Governo Giolitti III Legislatura XXII
Ugo Di Sant'Onofrio del Castillo.jpg Ugo di Sant'Onofrio del Castillo 11 dicembre 1909 - 31 marzo 1910 Governo Sonnino II Legislatura XXIII
Augusto Ciuffelli.jpg Augusto Ciuffelli 31 marzo 1910 - 29 marzo 1911 Governo Luzzatti Legislatura XXIII
Teobaldo Calissano.jpg Teobaldo Calissano 29 marzo 1911 - 28 settembre 1913 Governo Giolitti IV Legislatura XXIII
Quadro francesco tedesco.jpg Francesco Tedesco[5]
28 settembre 1913 - 24 novembre 1913
Gaspare colosimo.jpg Gaspare Colosimo 24 novembre 1913- 21 marzo 1914
Vincenzo Riccio.jpg Vincenzo Riccio 21 marzo 1914 - 31 ottobre 1914 Governo Salandra I Legislatura XXIV
31 ottobre 1914 - 18 giugno 1916 Governo Salandra II Legislatura XXIV
Luigi Fera.jpg Luigi Fera 18 giugno 1916 - 30 ottobre 1917 Governo Boselli Legislatura XXIV
30 ottobre 1917 - 23 giugno 1919 Governo Orlando Legislatura XXIV
Pietro Chimienti.gif Pietro Chimienti
23 giugno 1919 - 14 marzo 1920 Governo Nitti I Legislatura XXIV
Giulio Alessio.jpg Giulio Alessio
14 marzo 1920 - 21 maggio 1920
Giuseppe Paratore.jpg Giuseppe Paratore 21 maggio 1920 - 15 giugno 1920 Governo Nitti II Legislatura XXV
Rosario Pasqualino Vassallo.jpg Rosario Pasqualino Vassallo 15 giugno 1920 - 4 luglio 1921 Governo Giolitti V Legislatura XXV
Vincenzo Giuffrida.jpg Vincenzo Giuffrida
(democratico-sociale)
4 luglio 1921 - 26 febbraio 1922 Governo Bonomi I Legislatura XXVI
Colonna di Cesarò.jpg Giovanni Antonio Colonna di Cesarò
(democratico-sociale)
26 febbraio 1922 - 2 marzo 1922 Governo Facta I Legislatura XXVI
Luigi Fulci.jpg Luigi Fulci 2 marzo 1922 - 1º agosto 1922
1º agosto 1922 - 28 ottobre 1922 Governo Facta II Legislatura XXVI
Ministro per le comunicazioni[6]
Colonna di Cesarò.jpg Giovanni Antonio Colonna di Cesarò (PDS)[7]
28 ottobre 1922 - 5 febbraio 1924
Governo Mussolini Legislatura XXVII
Costanzo Ciano iii.jpg Costanzo Ciano (PNF)[8] 5 febbraio 1924 - 30 aprile 1924
30 aprile 1924 - 12 settembre 1929
12 settembre 1929 - 29 gennaio 1934 Legislatura XXVIII
29 gennaio 1934 - 30 aprile 1934
Legislatura XXIX
Umberto Puppini.jpg Umberto Puppini
30 aprile 1934 - 24 gennaio 1935
Antonio Stefano Benni2.jpg Antonio Stefano Benni[9]
24 gennaio 1935 - 2 marzo 1939
2 marzo 1939 - 31 ottobre 1939
Legislatura XXX
Giovanni Host Venturi.jpg Horst Venturi
31 ottobre 1939 - 6 febbraio 1943
Vittorio Cini.gif Vittorio Cini
6 febbraio 1943 - 24 luglio 1943
Flag of Italy (1861-1946).svg Giuseppe Peverelli
24 luglio 1943 - 25 luglio 1943
Flag of Italy (1861-1946).svg Federico Amoroso 26 luglio 1943 - 16 novembre 1943
Governo Badoglio I Periodo costituzionale transitorio
Flag of Italy (1861-1946).svg Tommaso Siciliani[10]
16 novembre 1943 - 17 aprile 1944
FrancescoCerabona.jpg Francesco Cerabona (PDL) 22 aprile 1944 - 8 giugno 1944 Governo Badoglio II
18 giugno 1944 - 10 dicembre 1944 Governo Bonomi II
Ministro delle poste e delle telecomunicazioni[11]
Mario Cevolotto.jpg Mario Cevolotto (PDL) 12 dicembre 1944 - 19 giugno 1945 Governo Bonomi III Periodo costituzionale transitorio
Mario Scelba Official.jpeg Mario Scelba (DC) 21 giugno 1945 - 8 dicembre 1945 Governo Parri
10 dicembre 1945 - 1º luglio 1946 Governo De Gasperi I

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dicastero istituito il 10 marzo 1889.
  2. ^ Incarico ricoperto ad interim dal ministro per i lavori pubblici.
  3. ^ Incarico ricoperto ad interim dal ministro per il tesoro.
  4. ^ Incarico ricoperto ad interim dal ministro per i lavori pubblici.
  5. ^ Incarico ricoperto ad interim dal ministro per il tesoro.
  6. ^ Dicastero istituito il 30 aprile 1924. Accorpa il Ministero per le poste e i telegrafi.
  7. ^ Ultimo ministro per le poste e telegrafi.
  8. ^ Il dicastero viene soppresso il 30 aprile 1924, e contestualmente istituito il nuovo Ministero per le comunicazioni affidato allo stesso Ciano.
  9. ^ L'avvicendamento dei ministri non configura un cambio dell'unico governo Mussolini, sino alla sua caduta nel 1943.
  10. ^ Con la caduta del governo Mussolini si apre la fase di transizione, che porterà alla proclamazione della Repubblica.
  11. ^ Con decreto luogotenenziale del 12 dicembre 1944, n. 413, il Ministero per le comunicazioni è ripartito in due distinti dicasteri: Ministero dei trasporti e Ministero delle poste e telecomunicazioni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]