Mini-portatile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'Apple PowerBook 100: il primo subnotebook (1991)
ASUS Eee PC
Un subnotebook Sony Vaio

Il mini-portatile o mininotebook o subnotebook[1] (nome originale anglosassone) è un computer portatile di peso e dimensioni limitati, possiede solo le capacità essenziali di un portatile ma è meno ingombrante e più leggero.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima di queste macchine ad essere prodotta fu, nel 1991, il PowerBook 100 della Apple; dopo un anno venne la Olivetti con l'Olivetti Quaderno del 1992, entrambi si differenziavano dal notebook per dimensione (da A4 ad A5) e peso.

Dovettero passare un paio d'anni prima che si affacciassero sul mercato prodotti simili, questi furono la categoria degli Handheld PC (o H/PC) appartenenti al progetto Newton di Apple nel 1993 e cinque anni dopo la Serie Jupiter (dal nome in codice di Windows 2.11[2]) di Microsoft Windows CE (ad esempio i NEC Mobile Pro e i Compaq Journada). In seguito, a partire dalla fine del 2007, ebbero un grande successo e diffusione gli Eee PC di ASUS.

I subnotebook, prima dell'introduzione dell'Asus Eee PC e OLPC XO-1, erano un prodotto di nicchia e raramente hanno contato grossi numeri di vendita.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I subnotebook sono più compatti dei notebook ma più voluminosi degli handheld computer e degli ultraportatili. Comunemente offrono schermi con diagonale da 26,4 cm = 10.4″ o meno, e masse da meno di 1 kg, in contrapposizione ai portatili full-size che hanno schermi da 30,5 cm =12″ o 38 cm = 15″ e pesi superiori a 2 kg. La misura ed il peso contenuti usualmente sono il risultato dell'omissione di porte o drive; i subnotebook sono stati spesso accoppiati con stazioni base fisse per compensare le caratteristiche mancanti.

Su un subnotebook è spesso installato un normale sistema operativo per computer, come ad esempio Linux, FreeBSD o Windows, piuttosto che un sistema operativo ad hoc come Windows CE, Palm OS o Maemo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) William Safire, ON LANGUAGE; Get Off My Laptop, The New York Times, 14 novembre 1993. URL consultato l'11 marzo 2017.
  2. ^ Microsoft rolls out Jupiter CE, theregister.co.uk.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Informatica