Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mingtangquan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Mingtangquan (明堂拳, pugilato della stanza di luce) è uno stile di arti marziali cinesi della provincia di Hebei.

Secondo l'Istituto di Ricerca Nazionale sul Wushu[1] esso compare in una lista di quelli che sono considerati i principali tipi cinesi di pugilato.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Esistono due versioni[2] sull'origine di questa scuola: la prima colloca la sua fondazione a Cangxian sotto il regno di Xianfeng (1851-1862), per opera di Zhang Taihe (张太和) del villaggio Luzhuangzicun (吕庄子村); la seconda ne colloca la creazione a Cangzhou sotto il regno di Guangxu (1875-1909), per opera di Yan Qing (焉庆[3]).

Basi e sequenze[modifica | modifica wikitesto]

Alla base di questo stile vengono posti: San Ming (三明, cioè i movimenti delle mani, del busto e delle gambe) e San Zheng (三正, cioè la posizione delle mani, gli atteggiamenti del corpo e gli spostamenti).

I Tushou Taolu o forme a mano nuda sono: Liang tang mingtang jiazi (两趟明堂架子); Shi tang Luohanquan (十趟罗汉拳); Mingtangquan (明堂拳); Heihuquan (黑虎拳). I Qixie Taolu o forme con armi sono: Mingtang dao (明堂刀); Mingtang qiang (明堂枪); Siji qiang (四季枪); Xiao ba qiang (小八枪); Shiba bianhua dao (十八变化刀); Chunqiu dadao (春秋大刀); liuxingchui (流星锤); ecc.

I Duilian o esercizi in coppia a mano nuda sono: Silu Duilian (四路对练); erlongxizhu (二龙戏珠).

I Duilian con le armi sono: shuangdao jin qiang (双刀进枪); dadao dui dandao (大刀对单刀); kongshou duo shuangdao (空手夺双刀); kongshou duo cha (空手夺叉); San bu qi (三不齐, un esercizio in cui un praticante è disarmato, uno impugna una sciabola e l'altro una lancia); ecc.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guojia Tiwei Wushu Yanjiuyuan 国家体委武术研究院, Zhongguo Wushu Shi 中国武术史 (Storia delle arti marziali cinesi), Renmin Tiyu Chubanshe 人民体育出版社,Pechino, 2003, pp.310-311 e Wu wu yu wu wu Zhongguo wushu taolu shihu 武舞与舞武 中国武术套路史话 (La marzialità danza e la danza è marziale Narrativa storica a proposito delle sequenze nelle arti marziali cinesi) articolo comparso in Shandong Tiyu Xueyuan Xuebao 山东体育学院学报 e consultabile in [1]
  2. ^ Mingtangquan 明堂, articolo apparso in[collegamento interrotto]
  3. ^ Questi ideogrammi del nome Yan Qing sono presi dall'articolo Mingtangquan in [2][collegamento interrotto] già citato, stranamente Yan Qing ricorda un personaggio leggendario che solitamente troviamo scritto 燕青, ma che sarebbe vissuto in epoca Song
  4. ^ Questo elenco di nomi di sequenze a mano nuda o con armi è presa da Cangzhou Wulin Menpai de Yongxian jiqi Quanfa 沧州武林门派的涌现及其拳法 (i metodi di pugilato numerosi delle scuole degli ambienti marziali di Cangzhou) articolo consultabile in [3][collegamento interrotto] e preso da Ming Cangzhou (名沧洲, Famosa Cangzhou). Il Mingtang compare come ventunesima tra le scuole praticate nell'area di quella città.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Zhao Shuangyin 赵双印, Qingdai Wushu Shi 清代武术史(Storia delle Arti Marziali dell Epoca della Dinastia Qing),2005, pag.108
  • Carmona José, De Shaolin à Wudang, les arts martiaux chinois, Gui Trenadiel editeur. ISBN 2-84445-085-7

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]