Minenwerfer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Minenwerfer
Soldati tedeschi caricano un 25 cm schwerer Minenwerfer.
Soldati tedeschi caricano un 25 cm schwerer Minenwerfer.
Tipo mortaio
Origine Germania Impero tedesco
Impiego
Utilizzatori Germania Impero tedesco
Flag of Austria-Hungary (1869-1918).svg Impero austro-ungarico
Conflitti prima guerra mondiale
Produzione
Progettista Ingenieurkomitee in collaborazione con la Rheinmetall
Data progettazione 1907 - 1910
Varianti 17 cm mittlerer Minenwerfer
7,58 cm leichter Minenwerfer
Descrizione
Peso 955 chili
Calibro 250 mm
Tipo munizioni esplosive
Numero canne 1

note nel corpo del testo

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia
Lanciamine austro-ungarico da 9 cm Minenwerfer M. 17, al museo degli alpini a Trento

Minenwerfer (It. Lancia - mine) è il nome tedesco che designa una classe di mortai a corta gittata molto usati durante la prima guerra mondiale dall'esercito tedesco e da quello austro-ungarico. Queste armi erano state progettate per eliminare ostacoli e fortificazioni come filo spinato e fortificazioni che l'artiglieria a lunga gittata non era in grado di colpire con la necessaria precisione.

Lo sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

I tedeschi analizzarono lo svolgimento dell'assedio di Port Arthur, nel corso del quale l'artiglieria era stata incapace di distruggere strutture difensive come filo spinato e bunker. L'Ingenieurkomitee (Gruppo ingegneristico) dell'esercito tedesco nel 1907 iniziò a collaborare con l'industria Rheinmetall per studiare il problema. La soluzione che svilupparono fu un mortaio a canna corta rigata a ricarica frontale, costruito in tre diverse misure. Il più grande, e il primo ad essere prodotto, fu nel 1910 il 25 cm schwere Minenwerfer (sMW), ovvero "mortaio pesante da 250 mm". Nonostante pesasse solo 955 chili, i suoi colpi avevano sul bersaglio lo stesso effetto di quelli dei mortai da 28 o 30,5 cm, che però pesavano dieci volte tanto. Allo scoppio della prima guerra mondiale ne erano stati consegnati all'esercito 44 esemplari. Furono usati con successo in Belgio, a Liegi e Namur, nonché contro la fortezza francese di Maubeuge.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

La versione media dell'arma, il 17 cm mittlerer Minenwerfer, dizione accorciata in mMW e traducibile come "mortaio medio da 170 mm", fu prodotta a partire dal 1913 e all'inizio della guerra ne furono messi in campo 116 esemplari.

La versione leggera, il 7,58 cm leichter Minenwerfer, abbreviato in lMW e stante per "mortaio leggero da 75,8&nbspmm", allo scoppio della guerra era ancora in fase di sperimentazione e ne esistevano solo prototipi, ma venne rapidamente messa in produzione. L'arma si dimostrò molto più funzionale dell'artiglieria convenzionale. Per fare un paragone, il cannone 7,7 cm FK 96 nA per essere spostato richiedeva una squadra di sei cavalli, mentre per trasferire il lMW ne bastava uno solo; inoltre quattro uomini da soli potevano riposizionare il lMW sul campo di battaglia. Il minenwerfer era oltretutto più economico, in quanto produrlo costava solo un settimo di quanto costasse un pezzo d'artiglieria e anche le munizioni che sparava avevano un costo inferiore.

Dal momento che la potenza del lancio, e di conseguenza la potenza di fuoco, del Minenwerfer era però bassa, per riempire i proiettili fu impiegata una certa varietà di esplosivi inadatti all'artiglieria convenzionale, come il TNT. Generalmente però si usavano esplosivi a nitrato d'ammonio e carbone. L'instabilità di questo tipo di esplosivi li faceva talvolta scoppiare ancora all'interno della canna: gli incidenti di questo tipo furono numerosi e uno di questi, nel 1916, costò la vita a Karl Völler, capo progettista della Rheinmetall. Queste problematiche vennero infine risolte con il tempo.

Visti i numerosi vantaggi offerti da un'arma di questo tipo nella guerra di trincea, la produzione fu intensificata e per il 1918 il numero dei pezzi in funzione aumentò notevolmente, raggiungendo quota 1.234 pesanti, 2.361 medi e 12.329 leggeri. Venne sviluppato anche un quarto modello, ancora più grosso, con un calibro di 38 cm, il sehr schwere Minenwerfer (ssMW).

Esisteva anche un modello di lanciamine da 90 mm, con canna rigata sparante un proietto con una banda preincisa con caricamento dalla bocca, con una gittata massima di 750 metri.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Herbert Jäger, German Artillery of World War One, Marlborough (Wiltshire, UK), The Crowood Press, giugno 2001, pagine 224, ISBN 1-86126-403-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra